• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

andr€a

Membro Junior
Privato Cittadino
Ciao e buona pasqua... Ho adocchiato un appartamento che mi piace, purtroppo al momento è accatastato come ufficio e non solo, infatti c'è da risistemare la situazione planimetrica e una sanatoria da fare, dato che ho un tecnico ing. che mi segue mi sono proposto a eseguire queste opere di sistemazione da scalare poi dalla cifra offerta... tutto bene, i proprietari o meglio i 2 figli della proprietaria (non sta bene di salute) sembra andarli bene, anche perché non hanno tempo di occuparsene, abitano non in città...

Benisso, faccio l'assegno e prendiamo appuntamento per il preliminare, quando il giorno prima mi chiama l'agenzia e afferma che la proprietà in caso di mutuo non passato non intende rimetterci i soldi riguardo alla sistemazione catastale e cambio destinazione, quando me ne parlava mi stavo guardando attorno in cerca di telecamere, magari era una candid :D, ed invece no faccio poi contattare all'ing. uno dei fratelli che gli risponderà pure nero su bianco.

Mi dico io, ok cambio di destinazione potrei anche rischiare, ma caspita anche per venderlo come ufficio la situazione planimetrica deve essere a posto altrimenti nessun notaio firma! Perché le agenzie vendono appartamenti he non si possono vendere?

Se non fosse che sono molto interessato a sta casa ho evitato di telefonare direttamente io e mandarli.. mandarli a quel paese e sto cercando un modo per venirne fuori.

Allora l'appartamento era in vendita a 48k, io ne ho offerti 45k di cui 3k (nella migliore delle ipotesi, tutto dipende da quanto sarà la sanatoria) andrebbero per le opere burocratiche.

Ipotesti 1) Accetto il rischio SOLO in caso che il mutuo non venga concesso per MIO problema reddituale NON per problemi all'appartamento, che per qualche ragione non possa essere accatastato a2

ipotesi 2) farmi dare i soldi una volta che l'appartamento venga venduto...

ipotesi 3) Loro sostengono che se le spese le facessero loro (non capisco perché non le abbaino fatte) potrebbero chiedere molto di più in quanto non è più ufficio... benissimo mettetemelo a posto e vi do 48k

la cosa buffa è che è molto tempo che è in vendita e sfitto... solo di IMU pagano il doppio credo, senza contare le spese condominiali...

Spero che mi possiate dare qualche consiglio a parte quello di scappare a gambe levate :D

PS: si sono disperato
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Salve e Buona Pasqua anche a Te
da quello che scrivi non riesco a comprendere alcune cose, la prima è se hai sottoscritto o meno una proposta di acquisto e nel caso positivo cosa c'è riportato all'interno, in mancanza di un accordo scritto la vedo difficile da risolvere.
Allo stato dei fatti ( per come leggo ) c'è un immobile che ha delle problematiche catastali che tu hai acquistato ( come ? ), dei proprietari che hanno 3.000 euro in mano ( a che titolo ) che non hanno intenzione di restituire, tu che non sai se ti daranno o meno il mutuo e una richiesta di consiglio che non sia scappare a gambe levate ( difficile da ottemperare ) .
Comunque scherzi a parte la prima cosa che dovresti far capire è se hai sottoscritto o meno una proposta e cosa è riportato in proposta, se non partiamo da una base certa non abbiamo facile possibilità di comprendere cosa fare. Una eventuale soluzione ( per come la vedo io ) si può trovare solo se sappiamo cosa bisogna contrastare.
 

andr€a

Membro Junior
Privato Cittadino
Grazie per la risposta e mi scuso per la non chiarezza...

ho fatto una proposta che mi è stata accettata a voce in quanto i proprietari sono via, per cui non vale niente...

Ho dato un assegno da 10000€ come caparra dei quali parte verrebbe usato per la sistemazione catastale.. nel preliminare i proprietari vorrebbero mettere come vincolo il fatto di tenersi la quota di nenaro necessaria per la messa in regola, nel caso in cui non mi passassero il mutuo...

Dal canto mio dubito che non mi diano il mutuo per motivi reddituali, 1) perché ho il 20% + le spese... 2) pago tipo il triplo della rata che verrebbe (da 12 anni) come affitto, guadagno circa 2000€, stiamo parlando di un mutuo da 36k€

la mia preoccupazione sta nel fatto che il perito non dia il benestare dato che anche facendo il cambio di destinazione rimarrebbe un rettangolo di 12x10 con un ripostiglio come bagno.. quindi senza cucina... l'abitabilità c'è...

Spero di essere stato più chiaro
 

studiopci

Membro Storico
Agente Immobiliare
Cerca di esserne capace e ricorda che " verba volant scripta manent " la prossima volta fai prima gli accordi verbali ( trattativa ) fai controllare tutto poi fai la proposta di acquista all'interno della quale metti tutte le condizioni che ritieni necessarie e poi... firma e rilascia una caparra.
 

andr€a

Membro Junior
Privato Cittadino
Ciao... al momento ho è come se avessi fatto solo accordi verbali... calcola che l'assegno me l ha fatto intestare con nome sbagliato :D
 

marcog958

Membro Junior
Agente Immobiliare
Se la proposta è stata predisposta dall'agenzia immobiliare, a prescindere da chi sia stato previsto come intestatario dell'assegno, in assenza di una formale accettazione della proposta stessa da parte dei venditori, puoi richiedere la restituzione dell'assegno stesso in caso di avvenuta scadenza dei termini di validità della proposta. In tal caso, se l'agenzia non dovesse adempiere, puoi procedere ad una denuncia ed al successivo blocco dell'assegno da parte della tua banca.

P.S: non sopporto i colleghi che non si comportano correttamente e minano la reputazione della categoria.
 

andr€a

Membro Junior
Privato Cittadino
Se la proposta è stata predisposta dall'agenzia immobiliare, a prescindere da chi sia stato previsto come intestatario dell'assegno, in assenza di una formale accettazione della proposta stessa da parte dei venditori, puoi richiedere la restituzione dell'assegno stesso in caso di avvenuta scadenza dei termini di validità della proposta. In tal caso, se l'agenzia non dovesse adempiere, puoi procedere ad una denuncia ed al successivo blocco dell'assegno da parte della tua banca.

P.S: non sopporto i colleghi che non si comportano correttamente e minano la reputazione della categoria.

Ciao grazie per la risposta, spero che almeno il problema dell'assegno in caso di problemi me lo ridiano :D. Al momento vorrei provare in qualche modo a comprare...

Domani chiamo per cercare di capire in che condizioni sta la proprietaria... da quello che ho potuto leggere qui, se ha tipo l'alzheimer sono fritto...

Ho preparato una lettera in cui ho scritto che sarei disposto a prendermi il rischio di rimetterci solo se non mi danno il mutuo per problemi di busta paga in tutti gli altri casi potrei venirli incontro aspettando i soldi fino alla vendita (con un limite massimo di tempo)

Ma dove lo trovano un altro babbo come me? D
 

marcog958

Membro Junior
Agente Immobiliare
Io metterei le cose in ordine. Per prima cosa non scriverei nulla di cui potrei pentirmi, ossia nessuna dichiarazione. Poi mi farei restituire l'assegno, qualora ci fossero i presupposti (scadenza della proposta). Poi farei predisporre una nuova proposta in cui vengano espressamente riportate tutte le clausole sospensive con le relative responsabilità (ovviamente la tua responsabilità non può che riferirsi alla mancata erogazione del mutuo per problematiche di tipo reddituale). La responsabilità per eventuali problematiche derivanti dalla mancata regolarità edilizia/urbanistica non può che essere attribuita al proprietario venditore.
Se proprio ci tieni a questo immobile, puoi anche rischiare di anticipare dei soldi per consentire al proprietario di regolarizzare la situazione edilizia/urbanistica, ma devi mettere in chiaro che gli anticipi saranno da te erogati solo quando il tecnico incaricato di predisporre la pratica con il Comune (presumibilmente una SCIA) garantisca la fattibilità dell'operazione.
Non agire con fretta ma in modo assennato, anche perché dubito che con questa situazione ci possano essere tanti pretendenti ansiosi di sfilarti l'affare.
 

andr€a

Membro Junior
Privato Cittadino
Ciao ti ringrazio ancora per la risposta... hai fatto centro!

Onestamente ho guardato e nelle zone limitrofe gli altri appartamenti stanno a qualcosa in più, d'accordo pronti per essere abitati ma non ristrutturati... quindi non è che lo sto strapagando lo so... quello che si devono mettere in testa i proprietari è che non possono venderlo cosi ci devo fare ste pratiche sia per venderlo come ufficio che a maggior ragione come casa...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve vorrei chiedere un informazione molto importante hai fini di non essere raggirato, io abito lontano dovrei conferire una procura speciale a vendere degli immobili ha un avvocato , il fatto e questo una volta che la mia procuratrice, va dal notaio incassa gli assegni della vendita, la procuratrice mi scriverà sulla procura obligo di rendiconto , però dicono che si dovrebbe aprire un conto apparte per versare ?
Cioe la mia procuratrice non potrebbe versare in automatico sul suo conto .poi dopo una settimana saranno disponibili lei mi dovrebbe bonificare ha me . Mi potete indicare una procedura da starmene tranquillo? Senza correre rischi ? Che centra aprire un altro conto?
2 minuti fa
Alto