1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Avrei bisogno del parere di un esperto in pratiche catastali. Abito in una villetta composta da 2 unità catastali distinte ma unite internamente ed aventi un unico interno ed occupo entrambe le unità con la mia numerosa famiglia, è la nostra casa di residenza. Ora l'IMU prevede che io possa avere l'agevolazione solo su una delle 2 unità. Ho letto in un articolo che in casi come il mio (2 unità unite) si potrebbe presentare al catasto una pratica Docfa come:"Dichiarazione di porzione di u.i. a fini fiscali" così da potere ottenere una nuova rendita che è la somma delle rendite delle 2 unità che continuano però a mantenere un distinto accatastamento. Così su questa unica rendita potrei avere l'aliquota agevolata. Ho letto anche che nelle note del documento si dovrà scrivere così:"Porzione di u.i.u. unita di fatto con quella di Foglio…… N°……. Sub…… Rendita attribuita
    alla porzione di u.i.u. ai fini fiscali" Sapete nulla di questa possibile soluzione in casi analoghi al mio? L'architetto che ha seguito i lavori di ristrutturazione non ne sapeva nulla..... Grazie
     
  2. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    guarda, la situazione ancora brancola nel buio, catastalmente si può fare, ma per ovviare a qualsiasi situazione incresciosa ti consiglio di fondere le due unità qualora possibile (per esempio se le proprietà sono uguali).

    Se non fosse possibile la strada che hai indicato tu è giusta!

    saluti
     
  3. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie. Le unità sono entrambe di mia proprietà, però le vorrei, se possibile mantenere separate catastalmente, e fonderle ai soli fini fiscali, se possibile. Se me lo confermi cercherò qualcuno che sia aggiornato (e che possa avviare la pratica), anche se temo non sia facile per questo ho provato su questo forum. Grazie ancora
     
  4. Marco Giovannelli

    Marco Giovannelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    guarda, essendo il catasto l'agenzia che si occupa del censimento degli immobili proprio per fini fiscali, non è possibile fondere fiscalmente le due unità lasciandole catastalmente divise. Ragionandoci meglio, il catasto deve riportare lo stato di fatto aggiornato, quindi devi fare la variazione (e la pratica comunale) che susseguirebbe l'intervento.

    saluti
     
  5. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Se è così non so se mi conviene. Vedi inizialmente l'unità era unica (villino A7), poi è stata ristrutturata ed al piano seminterrato ho creato un appartamento (A3) catastalmente diviso, ma internamente unito a quello del piano terra/primo. Quindi verrei a riproporre la situazione di partenza. Non so cosa fare!
     
  6. paola 47

    paola 47 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    attenzione, se unifichi due appartamenti la classificazione scatta facilmente alla categoria superiore, a causa dell'aumentata dimensione dell'immobile...potrebbe quindi non convenire...
     
  7. daniart

    daniart Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    concordo con paola 47, infatti lo stesso mi sta capitando in questi giorni con un cliente la cui casa è accatastata come se fossero 2 unità. Se oggi fosse una sola unità immobiliare passerebbe di categoria superiore. Ora sono in attesa di sapere cosa vuole fare, forse gli conviene stare così com'è
     
  8. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Un tempo il villino era unico (seminterrato, piano terra e primo) ed era A7. Al piano seminterrato ho poi ricavato una unità immobiliare e pensavo potesse essere conveniente accatastarla separatamente (A3, in quanto seminterrato), mentre piano terra e piano primo sono sempre A7. Non potevo prevedere la nascita dell'IMU!!!. Sono consapevole che se riesco a renderle di nuovo unite (a soli fini fiscali, come consigliato in un giornale specialistico) diventerà un'unica A7 ma vorrei sperare che la nuova rendita possa essere la somma aritmetica delle 2 rendite attuali (così riportava quell'articolo). Temo comunque che anche in catasto siano poco informati...
     
  9. daniart

    daniart Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    A me in catasto, in merito alla questione identica alla tua del mio cliente, mi hanno detto che anche se le riunifica non è A7 ma aumenta per cui pare non sia certo e matematico il fatto della somma delle 2 rendite.
     
  10. mgpanzeri

    mgpanzeri Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti!
    ho letto con molto interesse la discussione e vorrei sapere comè andata a finire.
    La sig.ra Pignatti è riuscita a l'accatastamento fiscale delle due unità immobiliari? oppure è dovuta ricorrere alla fusione catastale sperando di non passare alla categoria superiore ?
    Grazie
    Marco
     
  11. pignatti

    pignatti Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Ecco l'aggiornamento: poichè l'accatastamento a fini fiscali nessuno sapeva realmente come funzionasse e poichè non mi sembrava il caso di riunire le 2 unità come erano 40 anni fa (e che mio padre aveva poi frazionato) ho risolto il problema attraverso una donazione dell'usufrutto dell'una unità più piccola A3 a mio figlio, che abita lì effettivamente ed ha adibito la sua residenza. Ai fini fiscali mi è convenuto fare così, io ho conservato la nuda proprietà. Con il risparmio fiscale in termini di IMU e tasi in questi anni ho già compensato da tempo le spese notarili.
     
  12. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Leggo solo adesso questa discussione: ormai Pignatti avrà fatto le sue scelte, ma pur non essendo un professionista del ramo, credo di poter fare una precisazione, perchè è una situazione che ho dovuto approfondire per motivi opposti.

    La soluzione prospettata e descritta da Pignatti, non è funzionale allo scopo di assegnare una unica rendita catastale a due unità distinte, ma ... è esattamente il contrario.

    Quella tecnica, poco amata dai professionisti e dal catasto stesso, è prevista uve due u.i.u. , distinte in quanto a propriatà, sono però unite di fatto.

    Una circolare della ex AdT specificava la possibilità per questi casi (classisco il caso d fabbricato costruito a cavallo di due porzioni di terreno appartenenti a due soggetti diversi, es marito e moglie) di accatastare l'unicoa u.i. con un identificativo graffato che contempla entrambe le particelle: verrà assegnato una rendita complessiva, ma con la nota citata da Pignatti si può far richiesta di assegnazione di rendite separate, ai soli fini fiscali, delle porzioni insistenti sulla proprietà A e la rendita per la porzione sulla proprietà B.

    Il riferimento è la circolare allegata


    Mentre scrivo è pervenuta la conclusione di Pignatti, che ringrazio.
     

    Files Allegati:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina