• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Zoff91

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno,

Vorrei sottoporvi la mia situazione, ad oggi vivo in un appartamento in affitto da quasi tre anni con un contratto che scadrà tra poco più di un anno, vorrei acquista l’immobile e vorrei sapere se è possibile chiedere alla proprietaria di “scontarmi” il 50% degli affitti già pagati dal valore di vendita dell’immobile.
Io attualmente pago un canone di 550€ mensili vorrei che la metà venga valutata come “anticipo” sull’immobile ( tipo affitto a riscatto) e procedere con l’acquisto.
La casa è stata comprata all’asta 7/8 anni a circa 50mila € e io vorrei acquistarla per 80mila €, cifra in linea con il mercato.
L’immobile necessita di manutenzioni e vari lavori, cosa mai fatta dalla proprietaria che ha abbandonato un po’ l’immobile.

Questo è possibile ?
La proprietaria può avere un guadagno da questo? Tipo risparmio sulla plusvalenza e sulle spese di un agenzia immobiliare per la vendita a terzi?

spero di essermi spiegato bene e vi ringrazio per le risposte
 

-csltp-

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Buongiorno,

Vorrei sottoporvi la mia situazione, ad oggi vivo in un appartamento in affitto da quasi tre anni con un contratto che scadrà tra poco più di un anno, vorrei acquista l’immobile e vorrei sapere se è possibile chiedere alla proprietaria di “scontarmi” il 50% degli affitti già pagati dal valore di vendita dell’immobile.
Io attualmente pago un canone di 550€ mensili vorrei che la metà venga valutata come “anticipo” sull’immobile ( tipo affitto a riscatto) e procedere con l’acquisto.
La casa è stata comprata all’asta 7/8 anni a circa 50mila € e io vorrei acquistarla per 80mila €, cifra in linea con il mercato.
L’immobile necessita di manutenzioni e vari lavori, cosa mai fatta dalla proprietaria che ha abbandonato un po’ l’immobile.

Questo è possibile ?
La proprietaria può avere un guadagno da questo? Tipo risparmio sulla plusvalenza e sulle spese di un agenzia immobiliare per la vendita a terzi?

spero di essermi spiegato bene e vi ringrazio per le risposte

Lo sconto che chiedi se il prezzo di richiesta è di 80.000 non è elevato ma posto in questa maniera chiunque direbbe no.
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Buongiorno,

Vorrei sottoporvi la mia situazione, ad oggi vivo in un appartamento in affitto da quasi tre anni con un contratto che scadrà tra poco più di un anno, vorrei acquista l’immobile e vorrei sapere se è possibile chiedere alla proprietaria di “scontarmi” il 50% degli affitti già pagati dal valore di vendita dell’immobile.
Io attualmente pago un canone di 550€ mensili vorrei che la metà venga valutata come “anticipo” sull’immobile ( tipo affitto a riscatto) e procedere con l’acquisto.
La casa è stata comprata all’asta 7/8 anni a circa 50mila € e io vorrei acquistarla per 80mila €, cifra in linea con il mercato.
L’immobile necessita di manutenzioni e vari lavori, cosa mai fatta dalla proprietaria che ha abbandonato un po’ l’immobile.

Questo è possibile ?
La proprietaria può avere un guadagno da questo? Tipo risparmio sulla plusvalenza e sulle spese di un agenzia immobiliare per la vendita a terzi?

spero di essermi spiegato bene e vi ringrazio per le risposte
Sulla valutazione dell'immobile non mi sbilancio ovviamente, ma sul fatto che debba scontarti il 50% dei canoni che hai versato direi che la risposta è no, ma oltre tutto non solo sul piano normativo (chiaramente non esisterebbe alcun obbligo) ma anche morale, sarebbe assolutamente ingiusto farlo, senza alcuna motivazione. Perchè la proprietaria potrebbe in alternativa non rinnovarti il contratto, affidare la vendita ad una agenzia, prendere il prezzo piano in piena sicurezza, perchè non dovrebbe farlo? Ovviamente visto il rapporto che avete potrebbe favorirti, ma l'unico favore moralmente accettabile è che dia a te qualche tempo per valutare l'acquisto prima di venderlo ad altri
 

davideboschi

Membro Assiduo
Privato Cittadino
chiunque direbbe no
In effetti, per una casa pagata (spese incluse) 60.000 euro, la proprietà prende circa 5000 euro netti all'anno di affitto, cioè l'8% dell'investimento.
Rivendendola, quindi, liquiderebbe un investimento che le rende l'8%.
Per farlo, dovrebbe:
a) avere bisogno di soldi, oppure
b) avere sottomano un investimento che le rende di più, oppure che le rende uguale ma le dà meno rogne di una casa affittata.

Un investitore immobiliare non lo farebbe, né per 80.000, né per una cifra più alta, fiiguriamoci per una più bassa.

-----------------------

Poco più di un anno fa, un mio inquilino mi propose un affare del genere, ma senza sconto sugli affitti.
Tra affitti incassati e rivendita della casa, potevo chiudere l'affare con il 100% di guadagno sul capitale investito. Ero quasi lì lì per accettare. Con la liquidità che mi trovavo, potevo comprare due case all'asta invece di una.

Ma poi lui non ottenne il finanziamento, e non se ne fece nulla.

Per fortuna, dico ora. Perché la fonte delle aste si è parecchio inaridita negli ultimi anni: molta più concorrenza, prezzi più alti. Reinvestire quei soldi non mi avrebbe dato nemmeno lontanamente gli stessi risultati.

Quindi per ora la casa resta mia, e miei restano i canoni di affitto.
 

francesca63

Moderatore
Membro dello Staff
Privato Cittadino
vorrei acquista l’immobile e vorrei sapere se è possibile chiedere alla proprietaria di “scontarmi” il 50% degli affitti già pagati dal valore di vendita dell’immobile.
Ma, a parte la insensatezza della tua teoria, sai perlomeno se la proprietaria ha intenzione di vendere ?
 
Ultima modifica:

Lady25

Membro Attivo
Privato Cittadino
Buongiorno,

Vorrei sottoporvi la mia situazione, ad oggi vivo in un appartamento in affitto da quasi tre anni con un contratto che scadrà tra poco più di un anno, vorrei acquista l’immobile e vorrei sapere se è possibile chiedere alla proprietaria di “scontarmi” il 50% degli affitti già pagati dal valore di vendita dell’immobile.
Io attualmente pago un canone di 550€ mensili vorrei che la metà venga valutata come “anticipo” sull’immobile ( tipo affitto a riscatto) e procedere con l’acquisto.
La casa è stata comprata all’asta 7/8 anni a circa 50mila € e io vorrei acquistarla per 80mila €, cifra in linea con il mercato.
L’immobile necessita di manutenzioni e vari lavori, cosa mai fatta dalla proprietaria che ha abbandonato un po’ l’immobile.

Questo è possibile ?
La proprietaria può avere un guadagno da questo? Tipo risparmio sulla plusvalenza e sulle spese di un agenzia immobiliare per la vendita a terzi?

spero di essermi spiegato bene e vi ringrazio per le risposte
Hai un contratto d’affitto con riscatto? Non credo. La tua proposta non è sensata. Puoi solo proporle di acquistare tu l’appartamento a prezzo di mercato, rivolgendoVi comunque ad un agente per stabilire la cifra corretta ( quindi pagarlo solo per la consulenza e non per la mediazione). Devi comunque valutare se hai disponibile liquidità per le spese fisse: notaio, perizia , iter mutuo, assicurazione obbligatoria.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
perdonami ma...
perchè dovrebbe?

posto che il rendimento che l'immobile offre al proprietario difficilmente lascia pensare che ci sia la volontà di vendere....
se lo vende al primo che passa per strada lo vende a 100; perchè a te dovrebbe volerlo vendere a meno?
già grasso che cola se ti sconta le commissioni di intermediazione.
 
Ultima modifica:

davideboschi

Membro Assiduo
Privato Cittadino
già grasso che cola se ti sconta le commissioni di intermediazione
Non capisco da dove saltino fuori le commissioni di intermediazione, visto che non c'è un intermediario.

l'unico favore moralmente accettabile è che dia a te qualche tempo per valutare l'acquisto prima di venderlo ad altri
Finché il contratto è in essere, non sarebbe un favore, ma un obbligo, stante il diritto di prelazione del conduttore.

affidare la vendita ad una agenzia, prendere il prezzo piano in piena sicurezza, perchè non dovrebbe farlo?
Affidando la vendita a un'agenzia pagherebbe la provvigione, vendendo all'inquilino (a prezzo pieno) no.
 
Ultima modifica:

brina82

Membro Senior
Professionista
Ma a dirla tutta, siamo sicuri che con "l'affitto con riscatto" si riescono a spuntare somme interessanti?

Per quale motivo io proprietario dovrei "scalare" i soldi di 4 anni di affitto, e dunque perderli?

Magari potrei farlo a fronte di un prezzo pattuito, comunque superiore a quello che è il prezzo di mercato... o qualcosa del genere.

Esempio.

Poniamo il caso io avessi un immobile del valore di 50k (credo io) e che mi rende 5k annue.

Innanzitutto se ho questo immobile in affitto, è perché CREDO nella rendita proveniente da questo immobile affittato.

Ma mettiamo il caso io voglia venderlo; per quale strambo motivo potrei accettare 5x4=20k dilazionati in 4 anni, e 30k dopo?

Potrei farlo solo se trattasi di immobile talmente "sfigato", e allora parlare di 50k di valore sicuramente è un azzardo (perché magari ho pure provato a venderlo a 50k ma nessuno ha presentato un'offerta, o forse c'è stata solamente un'offerta a 35-40k), quindi potrei accettare un accordo del genere (a 50k) che va bene a me come va bene all'inquilino che sogna una casa di proprietà, e forse conviene più a me che a lui, a questo punto.

PS per Francesca, Eldic ecc.: l'altro giorno si parlava di cripto. Ho scoperto che il CEO di Binance ha un patrimonio stimato pari a circa 10 miliardi di dollari, tutto in cripto, e non possiede né una casa, né altri beni materiali (ovviamente non condivido la non differenziazione degli investimenti, neppure uno spiccio in banca possiede).
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
PS per Francesca, Eldic ecc.: l'altro giorno si parlava di cripto. Ho scoperto che il CEO di Binance ha un patrimonio stimato pari a circa 10 miliardi di dollari, tutto in cripto, e non possiede né una casa, né altri beni materiali (ovviamente non condivido la non differenziazione degli investimenti, neppure uno spiccio in banca possiede).
come Elon, insomma....
boh. forse questi pensano di vivere per sempre.
 

francesca63

Moderatore
Membro dello Staff
Privato Cittadino
Magari potrei farlo a fronte di un prezzo pattuito, comunque superiore a quello che è il prezzo di mercato... o qualcosa del genere.
Esatto; di solito penso si faccia quando chi vuole comprare non è sicurissimo che la casa sia quella giusta, e intanto la “testa”, e/o non è finanziabile per tutta la somma, quindi, se decide in seguito di comprare, in parte ha già pagato qualcosa .
Certo il venditore nel complesso dovrebbe prendere di più che per una vendita immediata ( a meno che sia proprio un immobile altrimenti invendibile).
Insomma, situazioni non usuali
 
Ultima modifica:

brina82

Membro Senior
Professionista
Esatto; di solito penso si faccia quando chi vuole comprare non è sicurissimo che la casa sia quella giusta, e intanto la “testa”, e non è finanziabile per tutta la somma, quindi, se decide in seguito di comprare, in parte ha già pagato qualcosa .
Anche. Non ci avevo pensato...

Per il venditore può essere conveniente il fatto che si abbatte il rischio di contestazioni e/o vizi sull'immobile (insorgenza umidità ecc.).
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Non capisco da dove saltino fuori le commissioni di intermediazione, visto che non c'è un intermediario.


Finché il contratto è in essere, non sarebbe un favore, ma un obbligo, stante il diritto di prelazione del conduttore.


Affidando la vendita a un'agenzia pagherebbe la provvigione, vendendo all'inquilino (a prezzo pieno) no.
Quale prelazione scusa?
I residenziali non la prevedono mai, tranne rari casi, non è un contratto commerciale.
Ma anche nei casi con prelazione non ci sarebbe alcun obbligo tanto meno alcun motivo di scontare dei canoni, la prelazione prevede solo che chi ce l'ha possa comprare l'immobile pagando lo stesso prezzo concordato con un altro, non esistono sconti con la prelazione. In oltre si può usufruire di una agenzia senza pagarla più di un 1% ad es, il resto lo paga l'acquirente e l'agenzia di solito spunta cifre superiori rispetto alla vendita privata ed anche a parità di cifre devi contare i rischi del fai da te, trovandosi magari a pagare un avvocato (e magari soccombendo comunque in giudizio)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Tommaso B ha scritto sul profilo di ingelman.
Buonasera, ho letto che ha grande esperienza in merito, ed ho anche letto una sua risposta a un quesito vecchio.

Mi trovo a 2 giorni dal rogito, a non avere ancora la minuta del mutuo, specificamente con banca BNL.

Ho letto da lei che è quasi normale purtroppo l'invio last minute della minuta al notaio.
Mi conferma anche con BNL?

Grazie mille, gentilissimo
il Custode ha scritto sul profilo di Miciogatto.
Non avevo dubbi che saresti il primo a usare la nuova funzione di modifica del nome utente 🥰
Mi dai sempre delle soddisfazioni! 😁
Alto