• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

blanco

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno,

scrivo per avere un consulto in merito all'acquisto di una prima casa che era stata oggetto di donazione.
Per farla breve, gli attuali proprietari con cui sto effettuando la compravendita avevano donato la casa oggetto di acquisto al figlio nel 2008. Dopo averci vissuto per 12 anni, il figlio decide di vendere ma, rivoltosi ad una agenzia immobiliare, gli viene fatto notare che l'immobile risulta di fatto invendibile con una donazione avvenuta in passato. Per questo motivo, il figlio e i genitori stipulano una RISOLUZIONE DI DONAZIONE per mutuo consenso con effetto "ex tunc".
L'agenzia mi aveva subito raccontato di questo "problema", ma mi aveva rassicurato dicendomi che con la risoluzione la donazione di fatto e' nulla e che non sarebbero sorti problemi.
Oggi per curiosità mi sono documentato e ho trovato opinioni e informazioni che mi hanno sorpreso.
Su diversi siti e forum leggevo che la risoluzione di donazione e' di fatto "interpretabile", nel senso che alcuni potrebbero interpretarla come una nuova donazione con tutti i problemi che ne conseguono. Piu' in generale, leggevo che la risoluzione non tutala del tutto l'acquirente.
Quello che vorrei chiedere e' dunque se effettivamente sia cosi, se nella situazione da me descritta rischio che fra qualche anno parenti/eredi possano rivalersi sull'immobile o se al contrario con la risoluzione sono in una "botte di ferro", ovvero non devo assolutamente preoccuparmi di nulla.
Ringrazio per l'attenzione e per eventuali risposte.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Come hai letto, ci sono state nel tempo interpretazioni contrastanti.
Fino a una decina di anni fa la risoluzione della donazione era sconsigliata, perché, appunto, veniva considerata come una nuova donazione, di fatto raddoppiando i problemi (due donazioni nella storia dell’immobile, invece di una sola).
Si ricorreva ad altri rimedi (ed esempio fideiussione del donante, o dei suoi eredi), ora invece considerate negativamente.
Attualmente invece, la risoluzione è la soluzione più praticata, ove possibile, perché di fatto viene considerata come se la donazione iniziale non ci fosse mai stata.
In più, ultimamente, sono uscite sul mercato delle polizze assicurative, per proteggere dal rischio “donazione”.
Credo che con la risoluzione si possa stare tranquilli, ma una chiacchierata con il notaio (e con la tua banca, se devi fare mutuo), ti convenga farla, visto che hai avuto notizia della situazione in anticipo ( e non a cose fatte, come a volte purtroppo succede).
 

plutarco

Membro Attivo
Privato Cittadino
Come bene hai letto l'interpretazione non è univoca... Si tratta di un bel dilemma... Io credo, però, che, essendo una risoluzione (è possibile anche risolvere il contratto di compravendita quindi vado per antonomasia) non sia una controdonazione ma, ripeto, l'interpretazione non è discussa solo dai privati cittadini, ma anche dai giuristi!!!
 

TensioneLeone

Membro Attivo
Agente Immobiliare
Posso portarti il mio esempio. Ho acquistato un immobile che aveva una donazione e chi mi ha venduto ha proceduto con uan Risoluzione per mutuo consenso. La banca mi ha erogato il mutuo e l ha sempre erogato per tutti gli altri immobili che ho seguito come professionista immobiliare
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Chi si accampa in giro è re sopra il feudo mio ma regina è lei che alta si schiude al mio regal desio
Vorrei porre un quesito agli esperti. Sono proprietario di un modesto terraneo cat.C/3. Mi viene richiesta la locazione da parte di un potenziale conduttore che vorrebbe usarlo come deposito e/o vendita di fotocopiatrici , calcolatrici etc. Io ho chiarito che nel contratto avrei specificato l'uso esclusivo del cespito in base alla C/3. Si può fare? A cosa si va in contro sia il locatore che il conduttore?
Alto