1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. robertcan

    robertcan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve,
    Vorrei acquistare un immobile proveniente da eredità testamentaria olografa. Dalle visure risulta una trascrizione di impugnazione del testamento olografo. L'immobile mi piace, che rischi ci sono se dovessi acquistarlo lo stesso?
    C'è un modo fideiussorio che mi garantisce?
    Grazie
     
  2. gaspol1960

    gaspol1960 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Buongiorno a te. In prima battuta, mi verrebbe da dirti che nun è aria. Infatti, com'è ovvio, una sentenza di accoglimento dell'impugnazione del testamento regolarmente trascritta è opponibile all'acquirente: quindi, si sarebbe costretti - di fronte a una richiesta dell'impugnante - a restituire l'immobile con i frutti, naturali o civili (equivalente di un canone di locazione attuale...), dal momento dell'acquisto del possesso. Si avrebbe diritto al rimborso delle spese per manutenzione e miglioramenti, ma non si avrebbe diritto di ritenzione (ossia, intanto si deve restituire l'immobile, poi si aspetta il rimborso...).
    Comunque, se proprio la casa ti piace ed è un affare, si potrebbe valutare lo stato del giudizio (eventualmente consultando o chiedendo al venditore di produrre gli atti di causa... Un'impugnazione per lesione di legittima ha presupposti e tempi di accoglimento diversi da quelli di un'impugnazione per non autenticità del testamento, o per dolo o violenza, o per indegnità...). In ogni caso, fermo restando che l'immobile va restituito in natura - a meno che non ci si metta d'accordo con l'erede "definitivo" - per la restituzione del prezzo una garanzia fideiussoria dovrebbe essere adeguata (sempre che, a mio parere, sia rilasciata da una compagnia assicurativa o da un istituto bancario: una fideiussione rilasciata da un privato ti esporrebbe comunque a un rischio di insolvenza troppo grande).
    In ogni caso, in bocca al lupo.
     
  3. robertcan

    robertcan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Chiarissimo e ti ringrazio. Una fideiussione assicurativa è quello che ci vuole. Per completare la mia richiesta posso dire che il testamento è stato impugnato dalle figlie della sorella pre-morta del decuius, in quanto lo stesso ha nominato erede universale il fratello. Il decuius era celibe.
     
  4. gaspol1960

    gaspol1960 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Le sorelle e i nipoti ex sorore (in caso di premorienza) non sono eredi necessari, quindi è da escludere che l'impugnazione del testamento sia avvenuta per pretesa lesione di legittima. Quindi, si tratta di un testamento apocrifo o comunque nullo, o il testatore era incapace di intendere e volere al momento della redazione del testamento. Spero che si riesca a trovare una compagnia assicurativa che si assuma un rischio del genere (io ho qualche dubbio, ma non si sa mai...). Attenzione, comunque, alle clausole della garanzia fideiussoria (pagamento a semplice richiesta, rinuncia a sollevare eccezioni relative al rapporto con il garantito - venditore, etc.). Io, comunque, un'occhiatina al carteggio della causa civile lo darei. Anche per riflettere su quanto tempo dovresti restare sulla graticola: è ben diverso il caso in cui il giudizio è già in fase conclusiva (posto in decisione, o comunque nella fase di precisazione delle conclusioni...) da quello in cui si è all'inizio, o, comunque, la fase istruttoria è ancora in corso - giudizi del genere vanno avanti a colpi di consulenza grafologica o di documentazione medica e testimonianze, e per arrivare a una sentenza possono volerci anni...). Una possibilità di fermare l'affare senza assumerti l'onere del pagamento dell'intero prezzo potrebbe essere stipulare un preliminare - da registrare e trascrivere - prevedendo che la stipula dell'atto di acquisto avvenga solo dopo la definizione del giudizio di impugnativa del testamento, e che la caparra (in tutto o in parte) sia lasciata in deposito presso il notaio fino a che non sarà data prova di tale definizione (sempre che il venditore sia d'accordo, e non si preveda una durata eccessiva della causa - l'effetto prenotativo della trascrizione del preliminare ha la durata di tre anni...).
     
  5. robertcan

    robertcan Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Posso affermare con certezza che il testatore era capace in quanto di mia personale conoscenza. Che il testamento olografo è stato periziato come autentico, ho letto la perizia. Chi ha impugnato il testamento lo ha fatto solo nper ostacolare la vendita non sapendo che perdendo la causa devono risarcire in solido dei danni subiti.
    Sempre Grazie per le tua info
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina