1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. NonnoMau

    NonnoMau Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buon giorno, sono nuovissimo del forum e quindi scusate se commetto errori.
    Vorrei affittare un appartamento a studenti o lavoratori precari con contratto transitorio facendo tanti singoli contratti quanti sono le persone, Anche in considerazione che non tutti avranno la stessa data d'accesso o di rilascio.
    Come debbo fare? Il comune e' Roma. Debbo usare il canone concordato? Come calcolarlo visto che c'e la stanza + le parti comuni? La certificazione energetica e' necessaria? Posso usare la cedolare secca?
    Grazie
     
  2. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Con modalità regolare non puoi locare “a posto letto”, in quanto l’accordo territoriale del Comune di Roma non fa alcun riferimento alla locazione di posti letto, modalità tipica della forma para-alberghiera. Puoi, invece, locare “a camere” o porzione del tuo appartamento (in genere l’uso esclusivo di una stanza e la condivisione degli spazi comuni), per un tempo limitato, scegliendo, se vi sono le condizioni previste dall’accordo territoriale del Comune di Roma, un contratto transitorio ordinario (in tal caso occorre esplicitare e documentare a contratto, allegando documentazione come prova, un’esigenza temporanea, a data prefissata, in capo al conduttore che ne giustifichi la brevità: ad es. trasferimento di lavoro, cure ospedaliere ecc.) che, a differenza delle altre tipologie contrattuali, non è soggetto ad obblighi di rinnovo automatico, oppure, con le medesime premesse, un contratto per studenti universitari fuori sede. In entrambi i casi, il canone non è libero, ma deve essere calcolato secondo gli accordi locali.

    Pertanto, puoi stipulare più contratti concordati (transitori o per studenti), con canoni differenti, a condizione che:

    a) individui specificatamente a contratto quale parte dell’immobile concedi in affitto esclusivo (si consiglia di allegare al contratto una planimetria dell’immobile evidenziando la stanza oggetto di locazione) e quale parte dell’immobile concedi in uso condiviso (se l’immobile ha due bagni, potresti anche locare anche una stanza + un bagno ad un conduttore ed una stanza + un altro bagno ad un altro conduttore , ma suppongo che la cucina sia una sola, e lo stesso dicasi per il soggiorno, salvo che tu non voglia locare il soggiorno come stanza);

    b) indichi gli arredi presenti nella stanza (se arredata) concessa in locazione;

    c) nel calcolo del canone, secondo i parametri contenuti nell’accordo locale di Roma, tu tenga conto unicamente dell’effettiva superficie della stanza o porzione d’alloggio oggetto della locazione: non puoi conteggiare cucina, soggiorno, bagno ecc. concessi in uso condiviso;

    Ogni conduttore avrà, in questo modo, il suo contratto individuale che soddisferà esigenze, tempi e scadenza propri di ciascuno. Inoltre si suggerisce di indicare a contratto il criterio guida per ripartire le utenze e le spese indivisibili (acqua, gas, energia elettrica, Tari, Tasi, spese condominiali ecc.).

    E’ evidente che il proprietario ha l’innegabile vantaggio di poter gestire direttamente i contratti parziali (non si tratta di contratti in solido che coinvolgono gli altri co-conduttori), se non fosse che locare singole stanze in luogo dell’intera unità immobiliare, in genere, non è vantaggioso, in quanto, la somma dei canoni richiedibili per parti d’alloggio, con contratti parziali plurimi, è decisamente minore del canone massimo applicabile all’intera superficie dell’alloggio con un contratto unico.
     
    Ultima modifica: 16 Ottobre 2013
    A topcasa, Sim e m.barelli piace questo elemento.
  3. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Scusa, NonnoMau, ma iersera andavo di fretta sicché mi sono scordata di rispondere agli ultimi due quesiti.

    Riguardo al primo, l’adempimento è obbligatorio, pena una serie di sanzioni, ma soprattutto la nullità del contratto. L’obbligo di allegazione è stato recentemente introdotto, pena la nullità assoluta dell’atto stesso. Il contratto di locazione privo dell’attestato è nullo, cioè privo di effetti.

    Quanto alla cedolare secca, con la circolare n°26/E/2011 l’Agenzia delle Entrate ha precisato che l’aliquota del 19% (ora 15%) si applica anche ai contratti – di cui all’art. 5, comma 2 della legge n°431/1998 - destinati a soddisfare le esigenze abitative di studenti universitari e - in forza del richiamo che il comma 3 dell’art. 2, stessa legge opera nei riguardi dell’art. 5 - l’aliquota del 15% trova applicazione anche per i contratti transitori ordinari.

    Attenzione, però: la circolare in questione ha anche precisato (vedi esempio n°1 a pag. 8) che il criterio guida cui riferirsi è la priorità temporale di sottoscrizione, vale a dire “che il reddito ritraibile dalla contemporanea locazione di porzioni di un’unità abitativa, cui è attribuita un’unica rendita catastale, deve essere assoggettato allo stesso regime impositivo”. Cosa significa ciò? Significa che se parti diverse dello stesso alloggio vengono locate contemporaneamente a conduttori diversi, non possono esserci tassazioni differenti (ad es. una stanza in cedolare ed un’altra in regime ordinario IRPEF). Spetta a te la decisione: o scegli la tassazione IRPEF per tutte e stanze locate nello stesso periodo, oppure opti per la cedolare.

    Un contratto di locazione per studenti universitari relativo alla stanza A (ad es. 1° ottobre 2013 – 30 settembre 2014) vincola all’esercizio dell’opzione per il medesimo regime (cedolare secca) anche il reddito derivante dalla contemporanea locazione della stanza B (ad es. 1° novembre 2013 – 31 ottobre 2014). Solo in sede di registrazione di un nuovo contratto relativo alla stanza A, a condizione, però, che la stanza B non risulti affittata (perciò dopo il 31 ottobre 2014: ad es. contratto stanza A 1° dicembre 2014 – 30 novembre 2015), sei libero di scegliere se esercitare o meno l’opzione, in ragione del fatto che la stanza B è sfitta. Se scegli di applicare la cedolare, l’eventuale stipula di un successivo contratto per la stanza B, nel periodo 1° dicembre 2014 – 30 novembre 2015, ti obbliga a scegliere la cedolare anche per la stanza B. :shock::confuso:

    Della serie: come una norma, nata con l’obiettivo di arrecare una enorme semplificazione degli obblighi fiscali e di riequilibrare il rapporto tra contribuente e Pubblica amministrazione, finisca per comportare effetti distorsivi e inutili complicazioni nelle modalità di gestione delle varie fattispecie al contribuente stesso.
     
    Ultima modifica: 17 Ottobre 2013
    A NonnoMau, Sim e m.barelli piace questo elemento.
  4. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Da tanti anni si parla di snellire il nostro sitema legislativo. Ma a quanto pare c'è la mettono tutta per andare contro corrente con il risultato che tu hai indicato cara Pennylove
     
  5. NonnoMau

    NonnoMau Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie Mille Pennylove, sei stata completamente esaustiva.
     
  6. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Affittare stanze non è una porzione di immobile, la porzione di immobile deve avere una sua autonomia, cosa che una stanza non ha. Meglio definirla attività di affittacamere.
     
  7. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Il contratto di locazione può riguardare l’intera unità immobiliare o solo una parte di essa. Non mi è del tutto chiaro cosa intendi per porzione di immobile autonoma, comunque, va detto che la locazione parziale di un immobile, o più comunemente l’affitto di una stanza, è sempre ammessa, nulla rilevando che la porzione d’alloggio abbia o meno una propria autonomia o determinate caratteristiche.

    Né la legge n°431/1998 nè il decreto ministeriale 30 dicembre 2002 fanno riferimento all’autonomia della porzione d’alloggio determinata, ad esempio (se questa è la caratteristica a cui ti riferisci), dall’uso esclusivo di cucina e servizi. I contratti allegati al decreto suddetto non fanno alcun riferimento ad un’ipotesi di locazione con obbligatorietà di cucina e servizi in uso esclusivo, ma si limitano semplicemente a identificare un’unità immobiliare “posta in ……… via ……………….. n° ….. piano ……. scala …….. int. ….. composta di n° …… vani, oltre cucina e servizi e dotata dei seguenti elementi accessori: ……………….. non ammobiliata/ammobiliata […]”. Con riguardo a quest’ultimo aspetto, non è certo l’uso condiviso di tali locali che può determinare l’illegittimità di un contratto di locazione parziale di un immobile ad uso abitativo: la giurisprudenza di merito non ha mai sancito l’incongruità di tale pattuizione, né mi risulta esistano pronunce giurisprudenziali che vietino la locazione di sole stanze.

    La normativa sulla porzione d’immobile (stanza o parte dell’alloggio) è la stessa che si utilizza per la locazione di unità immobiliari intere, pertanto, la disciplina speciale dettata dalla legge n°431/1998 può certamente applicarsi anche alle locazioni relative a “a camere” o “porzioni di immobile”, per le quali è indiscussa la destinazione abitativa.

    Il solo fatto di locare una stanza ammobiliata di un appartamento non significa poi che il proprietario della stessa sia effettivamente un affittacamere: di fatto l’unica conseguenza di locare una stanza rispetto all’intero immobile per il locatore consiste in una differente modalità di calcolo per l’individuazione dell’ammontare del canone (effettiva superficie della stanza locata in uso esclusivo), e la presenza dell’arredo nella stanza locata consente al locatore di chiedere, in genere, un aumento del canone base secondo i criteri definiti a livello locale dagli accordi depositati presso i Comuni.

    Inoltre il locatore, a differenza dell’affittacamere:

    a) non fornisce alcuna contestuale prestazione di servizi domestici o para-alberghieri (cambio biancheria da letto e da bagno, riassetto della stanza, ecc.), risultando assolutamente estraneo alla vita del conduttore;

    b) stipula un contratto scritto e registrato con un conduttore: l’affittacamere non stipula un contratto di locazione, essendo semplicemente richiesta la registrazione del cliente ai fini dei controlli da parte dell’autorità pubblica e la comunicazione delle generalità delle persone alloggiate in via telematica o attraverso consegna di apposita scheda alle autorità di P.S.
     
    Ultima modifica: 18 Ottobre 2013
    A NonnoMau e ludovica83 piace questo messaggio.
  8. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    - Alla b) parli dell' affittacamere in regola, io ne descrivo uno non in regola, ossia chi affitta camere di un immobile, eludendo la 431/98, bada bene, non dico nemmeno che mi tengo una camera di quell'immobile e ti lascio il resto a disposizione ( che avrebbe già un senso ), ma affitto le camere, a prezzi che non hanno niente a che vedere con un prezzo da canone concordato e da canone di mercato, come ho già spiegato sopra.
     
  9. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    La legge di riforma n°431/1998 (nata con l’intento di recuperare più spazi all’autonomia privata) – che regola tutt’ora i rapporti di locazione di immobili ad uso abitativo - non fa alcun riferimento all’obbligatorietà della locazione dell’intero immobile, né è ravvisabile un vincolo di tale natura nel decreto ministeriale 30 dicembre 2002 che aggiorna i criteri per la realizzazione degli accordi locali: la possibilità di locare stanze (che costituiscono porzioni di un immobile) non è negata né dalla legge di riforma né dal decreto ministeriale menzionato. La possibilità di locare parti di un alloggio trova ulteriore conferma nella legge finanziaria 2005 che, al comma 346 dell’articolo 1, dispone che “I contratti di locazione, o che comunque costituiscono diritti relativi di godimento, di unità immobiliari ovvero di loro porzioni, comunque stipulati, sono nulli se, ricorrendone i presupposti, non sono registrati”.

    Salvo che l’accordo territoriale espressamente lo vieti (vedi ad esempio l’accordo del Comune di Pisa che proibisce “qualsiasi forma di locazione parziale e/o posto letto”: siffatto divieto riguarda, però, solo i contratti per studenti universitari, non interferendo con altri tipi negoziali previsti dall’accordo), il locatore può utilizzare i contratti 4+4 a canone libero che offrono innegabili vantaggi: al locatore quello di poter gestire con maggiore flessibilità più contratti parziali, oltre alla possibilità di richiedere, in genere, un canone superiore a quello richiedibile se affittasse a canone concordato, e al conduttore quello del recesso singolo, oltre la possibilità di poter ospitare amici o parenti nella stanza, di cui gode l’uso esclusivo.

    In alternativa il locatore può scegliere i contratti convenzionati (3+2, transitori, per studenti universitari), avendo cura di specificare e disciplinare separatamente le porzioni locate in via esclusiva e quelle utilizzate in uso condiviso, con le modalità di calcolo illustrate al # 2 (il canone è rapportato alla superficie effettiva della sola stanza o porzione di immobile concessa in uso esclusivo, altrimenti si avrebbero porzioni di appartamento più grandi dell’appartamento stesso), ma ciò comporta – come osservato – che la somma dei canoni dei contratti parziali sia decisamente minore di quello richiedibile con un unico contratto: affittare le stanze a canone concordato rende, infatti, meno dell’affitto dell’intero immobile.

    Ebbene, tu affermi che la locazione di porzioni di immobile sarebbe tollerata solo dall’Agenzia delle Entrate (per la verità, la fattispecie, nelle sue concrete applicazioni, è prevista non solo in sede di registrazione (modello 69 – Quadro D - casella I/P (Immobile intero/Porzione di immobile), ma anche in sede di compilazione dei redditi (modello Unico – Quadro RB - rigo RB1 ovvero RB21) e che affittare tutte le stanze di un immobile separatamente sarebbe potenzialmente pregiudizievole e determinerebbe una condotta elusiva della normativa speciale delle locazioni.

    Preso atto di ciò, domando:

    a) Quale dettato normativo espressamente vieta di locare singoli locali di un immobile e impone che tutti i tipi e sottotipi contrattuali siano applicabili solo ed esclusivamente a contratti aventi ad oggetto l’intero immobile? La legge n°431/1998? Il decreto ministeriale 30 dicembre 2002?

    b) Locare parti di un immobile rientra tra le pattuizioni nulle di cui all’art. 13 della legge n°431/1998?

    c) Esiste un articolo del codice civile che escluda la validità o comunque neghi la legittimità della locazione (e della sublocazione) parziale di immobili urbani?

    Se riesci a fornire riferimenti dottrinali sull'illegittimità della locazione di porzioni di immobili ovvero sentenze di merito che abbiano annullato contratti di locazione parziale (4+4, 3+2, transitori ecc.) sarebbe utile e interessante analizzarli, in mancanza si tratta – come tu stesso hai precisato - di una tua personale opinione, che comprendo e rispetto, ma – che difettando di fondamento giuridico – mi spiace, al momento, non essere in grado di condividere.

    Penny:amore:
     
    A ludovica83 e panetto piace questo messaggio.
  10. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Risponderti è difficile perché tu parli come un avvocato ma le tue tesi non mi hanno ancora convinto.
    Credo che alla base ci sia un diverso significato che diamo alla parola immobile con una sua rendita catastale. Tu parli di stanze come se fossero immobili a sé.
    La 431/98 parla di immobile non di vani di immobile.
    Cosa vuoi dire che siccome la legge 431/98 non parla di vani o di stanze sia lecito affittare stanze come fossero un immobile?
    L'Agenzia delle entrate considera la porzione di immobile perché in effetti esiste una tipologia di immobile che catastalmente è unita ma di fatto può essere separata, situazioni da sanare, se si riesce, o no.
    L'immobile affittato parzialmente a mio parere non significa affittare la porzione di immobile, a meno che, all'interno dello stesso, non ci siano dei vani con una loro autonomia abitativa, cosa che non avviene affittando le camere con un bagno e una cucina in comune.
    Chiedi ai Comuni e senti cosa ne pensano.
    Naturalmente se non ci sono contestazioni da ambo le parti tutto é possibile, ma non mi sentirei mai di proporre o stilare dei contratti di locazione per delle stanze citando la legge 431/98 o peggio ancora inventarmi un canone concordato per delle stanze, prendendo come metratura la singola stanza, un sistema fantasioso che oltre a non avere alcun vantaggio monetario per il locatore, lo espone a contestazioni future. Avrebbe un senso, seguendo lo scopo della legge 431/98, se si calcolasse il canone concordato sull'intero immobile e l'importo si dividesse per il numero degli occupanti, e prima o poi anche questo sistema verrà regolarizzato dagli accordi locali, ma questo metodo sarà destinato a fallire, perché poco remunerativo oltre che di difficile gestione, che nessun locatore attuerebbe.
     
    A topcasa piace questo elemento.
  11. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Sono d'avcordo con dormiente
     
  12. panetto

    panetto Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Io, umilmente, no[DOUBLEPOST=1383509214,1383508974][/DOUBLEPOST]:)Per quanto ne sappia io, mi sento di condividere con quanto asserito da @Pennylove .
    L'affitto di una stanza abitabile è sempre consentito. E la normativa di riferimento è la stessa che regola la locazione di unità immobiliari intere, quindi la legge 431/98. In generale, non è prevista una via contrattuale predefinita, dipende dalle esigenze di proprietario e inquilino. L'alternativa è tra contratto libero, a canone concordato, oppure transitorio che è il più utilizzato per la locazione parziale,meno impegnativo ma va ben motivato.
    Trattasi di sostituire alla dicitura “locazione intero immobile” che il contratto è “per porzione d'immobile” l. 431/98 con relativo calcolo del canone concordato sui mq concessi in uso esclusivo più percentuali dei servizi in comune.
    Per il resto è stato ampiamente e chiaramente illustrato da @Pennylove
     
  13. lug

    lug Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, quantunque veda che le date dei post sono un poco vecchie, vorrei chiedere dove posso trovare l'accordo del Comune di Roma per gli studenti fuori sede. Ho cercato un poco ovunque ma non ci sono riuscito e mi viene il sospetto che a Roma le parti non si siano accordate. Grazie
     
  14. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    È possibile stipulare contratti per studenti universitari fuorisede anche nel comune di Roma. Tali contratti di locazione hanno durata da sei mesi a tre anni e possono essere sottoscritti dal singolo o da gruppi di studenti o dalle Aziende o Associazioni per il diritto allo studio. E’ previsto lo stesso criterio di calcolo dei 3+2. I contratti devono comprendere le dichiarazioni attestanti l'iscrizione e la frequenza ai corsi universitari e/o equiparati. E’ previsto il subentro di altro studente che deve accettare integralmente le condizioni della locazione.

    Info: http://www.unioneinquilini.it/public/doc/Roma.pdf
     
  15. lug

    lug Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie Pennylove.
    La ricerca é per mio figlio che deve andare all'estero per 2 anni e dato che gli universitari conosciuti si sono diretti altrove penso che utilizzerà un contratto transitorio ordinario per 18 mesi da stipulare però con un lavoratore. Andando però ad analizzare il canone di locazione da calcolare sulla base delle tabelle allegate all'accordo, viene il sospetto che non ci sia molta corrispondenza con la realtà. Nel caso di mio figlio dovrebbe applicare un canone di 3,75-7,20 euro al mq al mese ( incrementabili a 4,31-8,28) e dato che al massimo si tratta di 40 mq ( una ampia stanza, bagno e grande cucina abitabile) si otterrebbe un canone di 172-331 euro al mese.Quindi tra 2000 e 4000 euro all'anno lordi, su cui, dato che va all'estero occorre pagare circa 450 euro di IMU (perché sarà residente all'estero e l'immobile verrà considerato seconda casa), parte del condominio e 400-800 euro di cedolare.Rimarrebbe quindi un utile di 1.200-2.800 euro netti, che, quantunque sia meglio di nulla, mi sembra che non incoraggino proprio la legalità, sentendo in giro a quanto ammontino gli affitti di mercato. Ma a parte ciò, che ovviamente é un fatto puramente dialettico, mi resta da capire se l'incremento del 15% é dovuto al mobilio e se non é così, visto che l'arredo non viene citato da nessuna parte, come si considera?
     
  16. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    La variazione riguarda gli immobili di cui all’art. 1, comma 2, lett.a) della legge n°431/1998, vale a dire gli immobili storico-artistici vincolati o inclusi nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9: il canone può essere oggetto di un ulteriore aumento del 15% nei valori minimi e massimi

    In presenza di arredamento completo (i locali sono tutti dotati di arredo), decoroso e funzionale (attrezzature ed eletttrodomestici in grado di funzionare), i valori delle subfasce possono aumentare fino ad un massimo del 20% per l’intera durata contrattuale.

    Per un riscontro più puntuale si consiglia di rivolgersi presso una associazione di categoria.
     
  17. dormiente

    dormiente Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Ultima modifica: 6 Marzo 2014
  18. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Dipende dagli accordi di recepimento a livello locale. La convenzione locale di Modena, ad esempio, non prevede alcun aumento per i transitori ordinari. L’accordo di Roma prevede, invece, un aumento del 15% per i transitori ordinari e un incremento fino al 20%, se l’immobile è arredato, per i contratti di locazione per studenti universitari.
     
    A dormiente piace questo elemento.
  19. modalgvr

    modalgvr Membro Attivo

    Altro Professionista
    Ciao Pennylove,

    potresti, cortesemente riassumere le differenze, ed eventualmente i benefici (fiscali), eventuali limitazioni ed applicazioni, dell'affitto parziale rispetto all'affitto dell'intero immobile?

    Vale tutto anche per chi non è obbligato ad avere, per motivi di lavoro, la residenza nella prima casa (p.es. militari e forze di polizia)?
     
  20. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    La locazione di porzioni di alloggio o di camere (purchè abitabili/agibili e relativa ampiezza minima dei singoli locali che, in rapporto al numero dei conduttori – in caso di locazione parziale di appartamento - alcune convenzioni locali disciplinano in modo assai rigoroso) di una singola unità immobiliare ad una pluralità di conduttori con canoni differenziati, applicabile (salvo limitazioni previste dagli accordi locali) a qualsiasi tipologia abitativa, è vantaggiosa per il locatore perchè può gestire i diversi contratti in maniera diretta, senza l’obbligo di registrare continue cessioni e per il conduttore perchè quest'ulltimo risponde solo della sua quota d’affitto e del deposito cauzionale (le partite economiche relative a questi due aspetti sono individuali) e perché il recesso non è in solido (il conduttore non deve sottostare al consenso degli altri co-conduttori per uscire dal contratto).

    Il contro, in caso di sottoscrizione di più contratti separati a canone concordato, è che locando una porzione dell’alloggio, in luogo dell’intero, nel calcolo del canone di locazione occorre tenere conto, secondo le metodologie di calcolo previste dall’accordo locale, della sola superficie della porzione dell’immobile locata e non dei vani condivisi (cucina, disimpegno, sala ecc.), salvo espresso metodo di calcolo previsto dall’accordo stesso (alcune convenzioni locali, in caso di locazione parziale transitoria, considerano al 100% i metri quadrati di utilizzo esclusivo e al 50% quelli condivisi, escludendo ogni maggiorazione per i metri quadrati relativi all’arredamento), di fatto riducendo cospicuamente il canone che si potrebbe ricavare locando l’intero immobile (la somma dei canoni dei singoli contratti, in genere, è minore del canone applicabile all’intera superficie dell’alloggio).

    Riguardo la residenza, il fatto che chi utilizza un appartamento non abbia la residenza all’interno dei locali a lui locati, non esclude che possa essere legittimamente intestatario di un contratto di locazione: la legge di riforma n°431/1998 non impone l’obbligo di residenza per il conduttore. Il tema della residenza del conduttore è legato alla possibilità o meno che il locatore ha di usufruire dei bonus fiscali eventualmente stabiliti dai vari Comuni per i contratti 3+2 (IMU) oppure per i lavoratori dipendenti fuori sede di usufruire di particolari detrazioni legate alla locazione (art. 16, co. 1-bis del TUIR).
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina