1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera,
    mi scuso in anticipo per la lunghezza della mia discussione (e per eventuali errori di sintassi e/o ortografici), ma necessitiamo di un aiuto urgente.
    Non riusciamo più a gestire i rapporti con l'agente immobiliare a cui abbiamo affidato la nostra casa nel Marzo 2014.
    Inizialmente le cose andavano abbastanza bene, portava persone, nessuna proposta, e va bene, capita, il mercato è cambiato.
    Verso il Natale dello stesso anno, delle persone si rivelano estremamente interessate nel comprare la casa, ma alla fine la vendita sfuma perchè si son rese conto che i progetti che l'agente immobiliare aveva loro presentato erano completamente errati. In poche parole, i potenziali acquirenti desideravano abbattere alcuni muri e creare una stanza da letto molto grande, e i progetti che l'agente aveva presentato erano impossibili da realizzare perchè già a occhio era evidentissimo che i metri quadri non erano sufficienti. L'agente immobiliare non faceva altro che insistere, ma alla fine ha ceduto e ha ammesso che c'erano degli errori, attribuendo il misfatto al suo geometra (dopo qualche mese dirà che era colpa dell'aiutante del geometra, poi di nuovo del geometra). Inutile dire che quelle persone non si sono più fatte sentire. E di fatto anche l'agente immobiliare non si è fatto più sentire, e nel frattempo il contratto di mediazione scadeva.

    Torna a farsi vivo a ottobre di quest' anno (si esatto, non ha mai più richiamato per circa 10 mesi, nemmeno per scusarsi con noi) portandoci degli altri potenziali acquirenti. Tra questi arriva una coppia che fa una proposta d'acquisto molto ragionevole. Il prezzo di vendita di 159000, loro proponevano 157000. L'agente immobiliare ci fa però un discorso tutto contorto facendo schemini e contro schemini, in cui alla fine risultava che noi avremmo avuto puliti in tasca 150000 euro. La sua provvigione, secondo contratto di mediazione, dell'1% (la percentuale degli acquirenti risultava invece dell'8). Fatto sta che non si era ben capito come mai da 157000 proposti dalla controparte si andava a scendere a 150000. E vabbè, ci riflettiamo su. Nei giorni successivi telefona due volte per ricordarci che la proposta era di 150000 e che bisognava dare 7000 euro in mano a lui.
    Noi continuiamo a essere confusi perchè non comprendiamo il motivo di una tale richiesta. Fatto sta che poi leggiamo bene la proposta e salta fuori che aveva inserito (in modo poco evidente) che noi venditori avremmo dovuto pagare l'atto notarile degli acquirenti. E questa cosa lui quando ci ha presentato la proposta non l'ha mai spiegata, o se l'ha detta, l'ha inserita in mezzo al mare di parole che ha sempre usato per fare i suoi discorsi LUNGHISSIMI e VELOCISSIMI. In realtà leggendo ancor meglio, saltava fuori una clausola che andava a contraddire quello che avevamo appena scoperto, ovvero che ogni spesa era a carico della proponente. Quale clausola vale?? E soprattutto, quando ci chiamava per ricordarci di quei 7000 euro, perchè non diceva semplicemente "Ricordate che dovete pagare l'atto notarile della controparte".
    Alla fine gli diciamo di rifare la proposta, accontendandoci di 150000 euro e facendogli aggiungere il tanto della percentuale che avremmo dovuto dargli. Voleva 2000, bene e allora 152000. Firmiamo la proposta, ma non ci dà l'assegno. Probabilmente non ha mai nemmeno inoltrato la nostra accettazione alla controparte. E allora decidiamo di farlo noi dopo qualche giorno inviando un telegramma. Anche la controparte, con la quale abbiamo avuto modo di parlare, seppur per poco, dice che l'assegno ce lo darà quando otterrà il mutuo.
    Inutile elencare tutte le cose che poi abbiamo scoperto non andare bene in quella proposta: date sbagliate e ristrettissime che coincidevano con quelle della vecchia proposta, clausole lunghissime e incomprensibili e anche incoerenti. Data di presentazione della proposta di 152000 uguale a quella di 157000.
    La controparte non è ancora potuta andare a richiedere il mutuo perchè ci sono degli intoppi al comune che fanno tardare la consegna dei documenti necessari per compilare l'APE (l'ingegnere che se ne occupa è una persona amica di famiglia, non ci siamo fidati di dare pure questo compito a un collaboratore dell' agente, visti i precedenti col suo geometra), ma di fatto nella proposta c'è scritto che l'assegno verrà consegnato non appena le verifiche sulle conformità edilizie saranno confermate. E infatti l'agente immobiliare, seppur con immenso ritardo (ricordo che la casa la ha da più di un anno), ha controllato ed è risultato tutto ok. E intanto noi siamo così, in attesa di avere l'APE, senza caparra per fermare l'altra casa, con la controparte probabilmente più inesperta di noi, con una proposta accettata piena di errori gravi (la data per avere la seconda caparra di 15mila euro sta per scadere) e con un agente immobiliare che sino all'altro giorno ci stava imponendo di non vedere case con altre agenzie immobiliari ma di chiedere a lui di farci da intermediario con le altre agenzie.
    Inutile dire che alla fine abbiamo litigato con lui perchè ci stava facendo letteralmente impazzire. Ci chiamava in continuazione per agitarci dicendo che nella casa c'erano dei problemi e bisognava spendere botte di 300 e 400 euro per risistemare le cose, per poi mandarci un messaggio il giorno dopo per dire che era tutto ok. Inutile dire anche che si è andato a scontrare col nostro ingegnere che gli ha fatto chiaramente capire che senza avere la certezza sulle cose non ci si può fasciare la testa.
    Il problema ora è questo: abbiamo accettato una proposta, ma se passa troppo tempo rischiamo di perdere la casa che intendevamo acquistare e che ci avrebbe permesso di rientrare giusti giusti con le spese ed estinguere il mutuo. E magari rischiamo pure di dover pagare la parcella a una persona che non ha fatto il suo lavoro come si doveva, pretendendo che non ci fossero di mezzo commercialisti o avvocati per leggere le cose che ci presentava da firmare.
    Aiutateci...
     
  2. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ho dimenticato di aggiungere una cosa: navigando sul forum mi pare di aver capito che ad oggi c'è una clausola che condiziona l'efficacia del contratto all'ottenimento del mutuo, ma allora mi chiedo: perchè l'agente immobiliare con noi non è stato chiaro e non ci ha spiegato a cosa incorrevamo? Alla fine tra tutti i suoi modi di fare e i suoi discorsi ci siamo resi conto che qualcosa bolliva in pentola, e ci siamo sentiti un pò presi in giro perchè a lui abbiamo dato TOTALE FIDUCIA, ma ad oggi ci pentiamo amaramente di aver firmato la proposta e di aver permesso di abbassare ancora di più il prezzo della casa acquistata con tanto sacrificio e che purtroppo stiamo vendendo per serie necessità economiche. Quindi insomma, non è che fossimo una bella gatta da pelare, ma magari ai suoi occhi è sembrato di aver fiutato l'affare.
    Vorrei sbagliarmi, ma mi sento proprio tanto demoralizzata
     
  3. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    A parte che se riuscite a vendere a 152000 anzichè 157000 euro vi va ancora di gran lusso, avreste dovuto leggere attentamente la proposta prima di sottoscriverla.
     
    A Tobia piace questo elemento.
  4. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Certo, indubbiamente, però gli acquirenti avevano proposto 157000. Non si sa cosa l'agente immobiliare abbia detto poi per giustificare quell'ulteriore ribasso che loro non avevano chiesto.Probabilmente non gli sarà sembrato vero!!! Non è che capita tutti i giorni di fare una proposta d'acquisto e di dover poi tornare per farne una ancora più bassa. Noi abbiamo abbassato il prezzo perchè lui ci faceva delle richieste strane di pagamenti a parte. Facendo scendere la proposta a 152000 non avrebbe più potuto approfittarne perchè sapeva benissimo che c'era un mutuo di 39000 euro da estinguere e che il rimanente ci sarebbe servito per rientrare giusti giusti con le spese notarili e parcelle per l'altra casa.
    Non è solo un problema di prezzi al ribasso, sono le richieste pocochiare che faceva lui e la poca chiarezza in generale quando gli si chiedeva qualche spiegazione sul perchè stava agendo così.
    Si è limitato a dire "Ah si quella clausola sull'atto notarile dovevo rivederla". E quando pensava di rivederla? A proposta accettata?
    Poi è normale che alla fine si perde la fiducia. Abbiamo sbagliato eccome a firmare e a basarci solo su ciò che ci diceva lui perchè pensavamo che essendo un professionista sarebbe filato tutto liscio.
     
  5. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    È chiaro che vi siano molti aspetti poco trasparenti, compresa l'entità sbilanciata delle provvigioni. A questo punto però bisogna avere senso pratico e se vi fa chiudere l'affare fossi in voi non mi farei tanti interrogativi cervellotici.
     
    A Seya piace questo elemento.
  6. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    E dice che è una cattiva idea andare da un avvocato o da un notaio per ridefinire gli aspetti più importanti con la ocntroparte, ovvero le date in cui dovranno essere versate le successive caparre e quando giungere all'atto? La provvigione all'agente immobiliare la paghiamo ovviamente, ma dopo tutti questi suoi errori sulle proposte scritte non vogliamo perdere altro tempo con proposte redatte in modo incomprensibile e senza filo logico tra uno step e un altro. Senza contare che ci abbiamo litigato e siamo rimasti in contatto solo con gli aspiranti acquirenti.
     
  7. specialist

    specialist Membro Senior

    Privato Cittadino
    Tutto si può fare, ma molto dipende dal fatto che queste condizioni poco chiare le abbiate sottoscritte oppure no.
     
  8. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    In generale quelle apposte a mano superano quelle scritte nei moduli.

    Perdona la domanda, ma come mai, essendo (magari anche a ragione) insoddisfatti dell'operato avete continuato con questa persona e non avete cercato un altro agente con cui instaurare un rapporto diverso?
     
    A Bagudi e Seya piace questo messaggio.
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    In questa situazione l'idea di fare chiarezza su quel contratto con le date ben specificate e sottoscritte non la vedo una cattiva idea anche perché non ho capito se quella clausola della sospensiva abbia una data entro la quale deve confermare il mutuo. Sulle altre cose vorrei soprassedere ma mi fermerei sull'ape. Come mai non lo avevate già?
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  10. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Me lo domando anche io. L' unica cosa che mi viene da dire è: ci siamo fidati e speravamo che fosse solo un incidente di percorso. Poi le cose sono andate a sommarsi e alla fine capisci che non si trattava solo di piccole coincidenze...

    Nei moduli non c'è nulla inserito a mano perchè lui non parte da contratti standard, ma li modifica a macchina. Poi magari arrivi al rogito e trovi la controparte che ti chiede di pagare l'atto facendo valere la clausola tale, e tu che le fai leggere quella precedente dove c'è scritto che deve pagarla chi acquista.
     
  11. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    La sospensiva ha data improrogabile 23 ottobre come termine ultimo per comunicare all'agente l'impossibilità di accedere al mutuo. Però poi sopra scrive che la controparte andrà a fare richiesta per il mutuo solo quando avrà tutti i documenti. E siccome questi documenti non si sa quando arrivano, quella data praticamente non ha senso, soprattutto perchè lui avrebbe dovuto spostarla quando ha fatto la seconda proposta, e invece l'ha tenuta come nella proposta iniziale.

    L' agente per l'APE ha detto che non c'era fretta. Noi che non siamo del mestiere abbiamo pensato che si trattasse di una cosa che si prepara in poco tempo. Ci ha detto di prepararlo quando è arrivata la proposta. Solo dopo abbiamo scoperto che le tempistiche erano ben più lunghe, e suppongo che operando in zona anche lui lo sapesse.
     
  12. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Quella proposta é scaduta. Le parti non hanno prorogato la data ....
    Prendi in mano la situazione perché non la vedo bene.
     
    A Luna_ e Seya piace questo messaggio.
  13. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Allego la parte del preliminare con le date strane sperando che si legga bene. Nel caso riprovo ad allegare un file più chiaro o a riportare a mano ciò che c'è scritto.
    Lei mi dice che questa proposta firmata non vale più nulla? Io quindi se volessi potrei mandare un telegramma all'agente immobiliare per sollevarlo dal suo incarico (e liberarmi dell'incubo con questa persona) e lasciar perdere la vendita con i signori e ricominciare daccapo tra qualche mese con un'agenzia più seria?

    Immagine2.png
     
  14. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
  15. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Io con il cellulare non riesco ad ingrandire e leggere.
    Domami davanti al pc lo farò. Non agire d'impulso. Bisogna prima capire. Io chiederei un incontro in agenzia con gli acquirenti.
     
  16. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    No reagire di impulso no. Abbiamo aspettato tutte queste settimane e aspetteremo ancora. Se possibile vorremmo evitare di reincontrare l'agente immobiliare e rischiare di prenderci altro nervoso. Preferiamo perdere la vendita, dimenticare l'accaduto e provare a ricominciare tra qualche mese.
    Grazie per l'aiuto
     
  17. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Ho letto con attenzione tutti post esclusi i due con l’immagine del contratto e da semplice privato cittadino ho capito che tale agente immobiliare è un confusionario. Gestire in modo razionale i modi e i tempi di una compravendita immobiliare è un obbligo precipuo del mediatore che deve smussare gli "angoli" umani e giuridici di una trattativa e non farne spuntare degli altri. Il ruolo dell'agente immobiliare è quello del "facilitatore" non quello del "complicatore".
    Non ho, invece, capito, se lo stesso sia in combutta o meno con l’acquirente e, soprattutto, non mi è chiara per nulla la storia dei 7 mila euro; se il venditore ha pattuito con lui una provvigione dell 1% il totale dovrebbe fare 1500 euro…7000 euro rappresenta il 4.66% del prezzo dell’immobile…
    A che titolo quest’ultima ulteriore pretesa? Come la giustifica il mediatore?

    Staremmo freschi se tutti gli agenti immobiliari su ogni affare dovesse attingere l’8% dall'acquirente e il 4.66% dal venditore.
    Ci sarebbe il blocco immediato delle compravendite….
     
    Ultima modifica: 9 Novembre 2015
    A Seya piace questo elemento.
  18. tiffany6545

    tiffany6545 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Quei 7000 li giustificava parlando di provvigioni.

    Ultimo aggiornamento: ha scritto una lettera che poi è ci stata spedita dalla controparte, in cui ci chiedevano gli ultimi documenti per accedere al mutuo e ci invitavano a ripresentarci dall'agente immobiliare per firmare un secondo contratto preliminare. Da ciò deduco che il primo è scaduto, proprio come ha suggerito l'utente più su.

    Mi domando come abbia fatto a registrare il preliminare all' Agenzia delle Entrate, visto che quando l'ha fatto (in data 2 novembre) la condizione sospensiva è scaduta il 23 ottobre. Questo comprometterà la nostra futura vendita a qualcun'altro?

    Inoltre, sempre sulla scia dell' agente immobiliare confusionario, scrivendo quella lettera ha sbagliato pure nell'inserire la data in cui abbiamo accettato la proposta. Quel giorno abbiamo chiamato la controparte per farle notare che l'agente immobiliare stava continuando a sbagliare TUTTO e ad essere poco attento, ma questa persona sminuiva il problema, come se non gliene importasse che il mediatore è un incompetente a tutti gli effetti. Quindi nemmeno noi riusciamo a capire che rapporto ci sia tra loro. Di certo sappiamo che stanno continuando ad avere contatti con l' immobiliare e che si stanno affidando molto a lui.

    Vorrei infine aggiungere che è saltato fuori un problema di progetto. In poche parole, il costruttore non ha aggiornato il progetto in comune e risulta che c'è un tramezzo che nella realtà noi non abbiamo mai avuto. In catasto invece tutto corrisponde alla realtà.
    Noi non sapevano di questo problema, e nonostante ciò l'agente immobiliare, sapendo che quelle persone dovevano richiedere il mutuo ha comunque proceduto con la proposta, fornendo loro documentazione varia che di fatto risulterà inutile perchè il mutuo regionale non lo danno se ci sono abusivismi.
    Mi domando anche che tipo di documentazione avrà fornito, visto che le carte che abbiamo noi parlano chiaro.
     
  19. Seya

    Seya Membro Attivo

    Altro Professionista
    la planimetria catastale è conforme allo stato di fatto va tutto bene, bisognerebbe eventualmente solo modificare quella comunale, ma non ci sono problemi o meglio non è il problema reale di tutta la faccenda, rimango perplessa sul suo operato
     
  20. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Veramente le cose sono al contrario.
    Se il lato urbanistico è corretto l'accatastamento è solo una formalità, ma il contrario, bè, è da vedere...
     
    A Seya piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina