• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

riccardo12345678

Membro Junior
Professionista
Salve, volevo chiedervi un chiarimento per l'agibilità degli edifici Ante 67. Gli Ante 67 non hanno il certificato, ma con quale legge e quando è diventata obbligatoria l'agibilità dopo una ristrutturazione più o meno pesante?

Grazie per la vostra gentilezza.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Intanto, considerato che si parla di immobile prima del 1967 si deve parlare di Abitabilità, vigente in quegli anni, e non di agibilità.
L'agibilità è storia più recente.

L'abitabilità in forma di certificazione veniva introdotta obbligatoriamente con il R.D. 1265/1934.
La procedura nel corso degli anni ha subito numerose modifiche (come facilmente immaginabile), sino ad approdare all'attuale DPR 380/2001
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
Il decreto è quello che è già stato scritto, faccio solo notare che al tempo l'abitabilità non riguardava la conformità edilizia e che per gli edifici costruiti in territorio rurale dal 1942 al 1967 non vi erano obblighi in merito alla richiesta di titolo edilizio. Quindi spesso ci si "scordava" anche di richiedere l'abitabilità che era un'autorizzazione a parte e che riguardava indistintamente tutti gli edifici del territorio comunale.
 

riccardo12345678

Membro Junior
Professionista
Vi ringrazio per le vostre risposte ma non ho risolto il problema. Quello che mi interesserebbe sapere è la legge e da quando dopo una ristrutturazione pesante è necessaria l'agibilità/abitabilità. Perché le Ante 67 sono senza certificato ma se hanno fatto una ristrutturazione lo devono avere. Ma da quando? Quando è stata introdotta la legge? Se una Ante 67 ha ristrutturato nel 68 lo ha allora il certificato o no?
Vi ringrazio per le gentili risposte.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
sei troppo vago.
devi vendere ?
devi acquistare ?

Se la ristrutturazione è del 1968 (esempio) significa che il tutto non è a norma allo stato attuale, almeno per la questione impiantistica.
quindi o fai un adeguamento e poi chiedi il certificato di Agibilità.
oppure (cosa da escludere) chiedi ad un tecnico di attestarne la conformità, ma nessun tecnico sano di mente accetterebbe di fare tale attestazione se gli interventi sono del 68.

per toglierti ogni tuo dubbi: anche se vi sia una abitabilità del 68, non te ne faresti nulla per il semplice fatto che tutto quanto concerne l'aspetto degli impianti non sarebbe a norma allo stato attuale.
 

riccardo12345678

Membro Junior
Professionista
La ringrazio per la risposta, devo acquistare. L'immobile non ha agibilità. Non è chiaro quando sia stato ristrutturato. È un Ante 67. Per questo non capisco come mai non la ha e se subito lavori abusivi o meno. Per questo chiedevo il caso limite. Se per caso avessero ristrutturato nel 68 lo dovrebbero avere l'agibilità? (allo stato attuale non hanno proprio nulla). Da quando insomma su una ristrutturazione importante è richiesta dopo per legge l'agibilità? Se avessero ristrutturato negli anni 80 la dovrebbero avere o no?
Grazie per la sua gentilezza.
 

Jan80

Membro Attivo
Professionista
La risposta è sempre quella: 1937.
Però dal 1942 al 1967 in territorio rurale non era necessario alcun titolo edilizio quindi spesso non venivano richieste neppure le autorizzazioni di varia natura a fine lavori (abitabilità/usabilità, scarico, passo carrabile, ...).

Io onestamente mi preoccuperei di più se l'immobile come da te visionato rispecchi o meno lo stato legittimo giusto per evitare sorprese dopo aver fatto la proposta.
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Sono dello stesso avviso, si dovrebbe preoccupare dello stato di legittimità dell'immobile.
Il fatto che sia anteriore al 1967 non significa che non debba essere dotato di titolo edilizio......la condizione del 67 si attua solo a determinate condizioni.

Non puoi ragione in questi termini
Da quando insomma su una ristrutturazione importante è richiesta dopo per legge l'agibilità? Se avessero ristrutturato negli anni 80 la dovrebbero avere o no?.
Devi sapere se e quando si siano attuati interventi e determinare se per questi hanno richiesto abitabilità o agibilità........e non il contrario.
Consiglio, dato che stai acquistando interessa un tecnico e fagli fare i controlli del caso .....solo cosi ne verrai fuori.
 
Ultima modifica:

riccardo12345678

Membro Junior
Professionista
Ok vi ringrazio per le vostre gentili risposte. Quindi concludendo, se un immobile Ante 67 ha fatto una ristrutturazione pesante dal 67 a oggi sicuramente (a meno che non abbia fatto ristrutturazioni abusive) deve avere agibilità/abitabilità? Quindi praticamente pochissimi immobili sono sprovvisti di certificato agibilità/abitabilità perché alla fine quanti immobili non vengono ristrutturati da 52 anni (2019-1967) è giusto?

Grazie per i vostri chiarimenti.
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
La domanda è posta male e troppo generica.
Se non ti stai interessando dell'evoluzione normativa per motivi di studio ma ti occorrono concrete informazioni su un edificio dovresti essere più specifico

Chiariamo:
La definizione di "Immobile ante 67" NON HA NULLA A CHE VEDERE con la sua LEGITTIMITA' URBANISTICA, è una formula utilizzata per rendere vendibile il bene senza dover andare a dimostrare che abbia o meno una licenza edilizia.
ci sono delle motivazioni che abbiamo ribadito in svariate occasioni, con una ricerca sul forum le troverai

Soprattutto
"ante 67" ha una valenza urbanistica mentre "l'agibilità" ha una valenza sanitaria, mischi le pere con le mele

Quindi concludendo, se un immobile Ante 67 ha fatto una ristrutturazione pesante dal 67 a oggi sicuramente (a meno che non abbia fatto ristrutturazioni abusive) deve avere agibilità/abitabilità?
Eh no!
Intanto, la defnizione "ante 67" esiste dall'entrata in vigore della 47/85 sul condono edlizio

Poi, se non puoi dimostrare la legittimità della preesistenza, non puoi nè fare legittimamente un'intervento di ristrutturazione nè chiedere agibilità.

(NB il termine "ristrutturazione pesante" è stato introdotto dalla 380/2001)
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Quindi praticamente pochissimi immobili sono sprovvisti di certificato agibilità/abitabilità perché alla fine quanti immobili non vengono ristrutturati da 52 anni (2019-1967) è giusto?
Esistono moltissimi immobili sprovvisti di certificato di abitabilità, per varie ragioni.
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Provo a dire la mia.

Che ci siano moltissime case non doate di certificato di agibilita o abitabilità, non significa che non possano ottenerlo.

In primis, visti i dubbi impliciti nella domanda iniziale, suggerirei a riccardo di incaricare un suo tecnico per accertarsi della regolarità urbanistica di ciò che intende acquistare: la presenza di un abuso non sanabile porterebbe alla nullità dell'atto.

Una volta accertato che non ci sono irregolarità sotto il profilo urbanistico (la casa è conforme a quanto autorizzato e noto al comune), dovrai valutare il prezzo, le condizioni, e gli eventuali adempimenti necessari per ottenere la agibilità; anche gli impianti non sono un problema: si compravendono immobili anche non dotati di impianti. Importante è conoscerne lo stato. Certo che se si ritiene sia vecchio di 50 anni, meglio preventivare da subito il rifacimento prima di entrare. Adeguando l'offerta.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, vorrei un vostro parere. Stiamo acquistando un appartamento che alla visura ipotecaria risulta avere un preliminare di vendita con una terza persona. A detta del priprietario dell'immobile, si tratta di un rogito fallito poichè l'acquirente si è presentato con un assegno di 10000 euro in meno a quanto pattuito nel preliminare. Ora posso acquistare senza correre alcun rischio?
Carlo Garbuio ha scritto sul profilo di Zagonara Emanuele.
Ciao, sono agente immobiliare e sono di Treviso e abito a 25/30 km dalla zona da te indicata. Sono disponibile a valutare, via mail info@meridiana21.it, le questioni che intendi risolvere per i tuoi immobili
ciao
Alto