1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    In sintesi, col mio post, del 16 Settembre 2010, delle ore 3.42, intilolato:
    " Anche nei fiilm si nota la differenza tra un Agente Immobiliare italiano e uno straniero" volevo sottolineare che in America opera solo una figura di Agente Immobiliare: quello professionista con tanto di formazione , patentino, ufficio e segretaria. La società accetta solo quel tipo di mediatore e basta. E solo di quello si fida, come vediamo nelle scene iniziali del film Psyco.
    Invece, in Italia, esistono due tipi di mediatori: l'agente immobiliare, da una parte, simile, nella preparazione, nell'organizzazione dei mezzi a quello degli Stati Uniti, e "il sensale di piazza" che, invece, opera nella più completa deregolamentazione, ai limiti della illegalità e in modo abusivo.
    Ma in Italia, a differenza che in America, sono SOCIALMENTE ACCETTATI ambedue
    Anzi, il mediatore abusivo riscuote, persino, più simpatie di quello regolarizzato.
    Nel film "Arragiantevi" ne vediamo in opere uno, il "mitico" Pino Calamai, che, se pur rappresentato in modo piuttosto untuoso e viscido dal grande Vittorio Caprioli, tutto sommato viene considerato, bonariamente, un povero diavolo che deve sbarcare il lunario pure lui. Viene pertanto assolto dal regista.
    Dopo tutto deve "arrangiarsi" come tutti gli italiani, per l’appunto.
    E il fatto che, due film coevi, una italiano l'altro statunitense, mettono in scena la stessa figura professionale, MA IN MODO RADICALMENTE DIVERSO, mi faceva sorgere il dubbio che il mediatore inteso come “ sensale di piazza” sia una figura antropologica ineliminabile dal panorama sociale italiano, una sorte di archetipo millenario della nostra psicologia del profondo. Riflettete: ce lo vedete voi, un mediatore regolare ed onesto, come protagonista di un film italiano?
    Io ho visto sempre rappresentare sul grande schermo mediatori italiani abborracciati, acciabattati, maneggioni e con le mani in pasta… Un pregiudizio inaccettabile dei cinematografari o specchio, almeno parziale, della realtà?


    Insomma, arrivo a pensare che lottare contro gli abusivi sia tempo perso perchè si va contro una delle caratteristiche più salde e resistenti dell’ “italianità”. Non si può combattere contro la tipologia dell’italiano “eterno”.

    Cosa ne pensate?
    Forse esagero?
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Secondo me c'è solo poca voglia di farlo da parte di chi deve controllare......
    E' così facile scovarli...
     
  3. ma70

    ma70 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    io li vedo su grande schermo di: MONTECITORIO, PALAZZO CHIGI, IL COMUNE DI RESIDENZA, LA PROVINCIA, IL CONSIGLIO REGIONALE, I PARTITI POLITICI, ecc. ecc.
     
    A Limpida piace questo elemento.
  4. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Non hai tutti i torti.
    Ma se il "sensalismo" di piazza è un nostro tratto incancellabile, è logico che anche i rappresentanti in Parlamento e nei Consigli degli Enti locali siano come i rappresentati.
     
  5. cinoxx

    cinoxx Membro Junior

    Altro Professionista
    perchè puntare il dito sui sensali di piazza che a malapena riescono a sopravvivere e non sui liberi professionisti che, acquistata la fiducia del cliente, si sostituiscono alle agenzie??

    Nella zona dove opero parecchi "sensali di piazza o abusivi" operano come acquisitori, a vendita conclusa percepiscono quanto pattuito e rilasciano regolare ricevuta sulla quale si effettua la ritenuta alla fonte.

    Credo che a tutti si debba lasciare spazio, importante non mascherarlo con l'ipocrisia, ciascuno nelle rispettive funzioni: il sensale come acquisitore,l'agente immobiliare come promotore e mediatore, e il libero professionista come fiduciario.

    Questo mi appare come fine democratico ed inizio di coesistenza.
     
    A Limpida piace questo elemento.
  6. ma70

    ma70 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    regolare ricevuta con partita IVA per quale attivita? :shock:
     
  7. cinoxx

    cinoxx Membro Junior

    Altro Professionista
    hai ragione, l'ipocrisia è dover giustificare con causali a volte poco pertinenti il lavoro svolto.
    concretamente però si rispettano le transazioni in denaro e questo è positivo per il sig. tremonti.

    Aggiunto dopo 19 minuti :

    ops mi è scappato un invio prima di chiudere la risposta.
    concludenedo: il mio parere è che ciascuno dovrebbe dichiarare di che cosa si occupa e per questo certificare il proprio guadagno. L'architetto, l'avvocato o il commercialista tramite la loro professione si sostituiscono alle agenzie oppure hanno pattuito con esse il loro tornaconto. Mi piacerebbe che nel concetto di abusivismo fose inserito in primo piano questo aspetto e non il sensale, personaggio in via di estinzione o in grande difficoltà economica.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina