1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. aleambro

    aleambro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buon giorno. Il mio problema è questo: non so se su un mio terreno un tizio sta coltivando da meno o da più di 20 anni. Se fossero già passati i famigerati 20 anni e se io mandassi ora la lettera di affermazione di proprietà e di diffida dal continuare a coltivare il mio terreno, avrebbe l'effetto voluto? Ovvero: chi si è appropriato indebitamente del mio terreno è allontanabile finché non inizia lui le pratiche per l'usucapione? Faccio anche presente che ho acquisito la proprietà sempre per successione: per 1/4 nel 1995 alla morte di mio padre e per l'intero nel 201o alla morte della mamma. Ma più in generale, si mantiene il diritto a usucapire anche se nei 20 anni di possesso previsti c'è cambio di proprietà? Grazie 1.000!
     
  2. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Prego

    Smoker
     
  3. ilragno

    ilragno Ospite

    La prova che sono trascorsi i 20 anni di possesso continuato deve essere fornita dal possessore. E deve essere prova certa.

    In alcuni casi di fondi rurali la durata è ridotta a 15 anni.

    Capisco la tua amarezza figlio-erede che può vedersi portare via una proprietà di famiglia.

    La questione adesso mi sembra di tattica su come tentare di evitare l'usucapione.

    1^ alternativa : inviare la lettera di cui parli e vedere se il coltivante intraprende una causa di usucapione e se la vince : ricorda prova certa di quando è iniziato il possesso.

    2^alternativa : valutare con un legale se esercitare atti, quali l'adempimento delle pratiche IMU agricola, possono essere considerate affermazione di proprietà.

    Se fosse stata pagata dai tuoi genitori, l'ICI negli anni scorsi, si potrebbe tentare di affermare che i tuoi genitori lo avevano dato in comodato d'uso, che tu hai confermato verbalmente dopo l'eredità.

    Un legale esperto nel settore (avvocati ce ne sono tanti, ma quanti sono esperti sull'argomento ?) può consigliarti meglio dopo maggiori dettagli che qui non hai fornito.
    Più tempo fai passare peggio è !
     
    A Limpida piace questo elemento.
  4. aleambro

    aleambro Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta. E' davvero molto importante avere un parere preventivo prima di agire. Chiedo un'ultima cosa. Quando 2 mesi fa ho fatto presente verbalmente al tizio in questione che intendevo porre fine a questa occupazione abusiva del terreno, ha affermato che non c'era problema e che finito il raccolto di quest'anno (settembre) smetterà di coltivarlo. Mi conviene aspettare e vedere se tutto finisce per il meglio senza lettere e avvocati? Temo che mandandogli la lettera, magari si impunta e allora può tentare di usucapire... non so come possa provare di essere sul terreno da oltre 20 anni se non con testimonianze, ma se pensa di espropriarmi, in base alla Sua risposta, lo può fare indipendentemente dal ricevere la mia lettera o no... e le pulci nell'orecchio in una situazione così delicata è meglio non metterle. Sbaglio? Del resto io non posso provare che ci sia da meno di 20 anni, anche se l'onere della prova è dell'occupante, come mi ha scritto Lei. Ma la questione è: quando posso essere tranquillo che non c'è più pericolo di perdere la proprietà? Con che atto? Grazie.
     
  5. ilragno

    ilragno Ospite

    Grazie, ma dammi del tu (mi hanno ricordato dell'art.13 del regolamneto immobilio.it).

    Io stesso ti ho invitato a scegliere una strategia fra alternative. La lettera di rilascio , dopo quanto hai raccontato tu delle disponibilità del coltivatore a farlo spontaneamente, sarebbe probabilmente un passo falso.
    La questione dichiarazione IMU sarebbe indice di buon diritto, per sostenere che era un comodato d'uso gratuito.
    La prova del possessore (il contadino) deve essere certa e la cassazione ha rifiutato testimonianze generiche di possesso di tempo "immemorabile".
    La Cassazione ha chiesto, nel caso citato, un documento con data certa di esistenza del possesso : faccio un esempio-il contratto di utenza elettrica o idrica al fondo. In caso di documento, il comodato potrebbe trabballare, ma non è detto che il giudice lo consideri probante del possesso. Averne pagato, da parte del coltivatore o dei tuoi genitori, invece le imposte ICI or IRPEF è un elemento più probante di possesso o comodato a seconda delle alternative.

    La scadenza di dichiarazione IMU agricola mi sembra di ricordare sia il 30 settembre 2012, ma potresti farla anche subito. Mi è stato detto che, a prescindere che è obbligatoria, non comporta, per l'agricolo, imposte pesanti.

    Altro per ora non mi viene in mente se non comportarti da proprietario.

    Ciao
     
  6. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    Hai gli estremi della sentenza?

    Smoker
     
  7. ilragno

    ilragno Ospite

    Dovrei cercarla nuovamente, credo Altalex.
    E' una sentenza di assazione, dopo che il possessore aveva vinto I° e II° grado.
    Non si porta via una proprietà con i semplici ricordi di testimoni.
    Secondo la cassazione "tempo immemorabile" non prova che siano maturati i 20 anni.
    Ci vuole un data di riferimento certa, da cui far decorreree il termine.

    Come si dice le chiacchere stanno a zero. Soprattutto nel campo dei diritti reali.

    Fai una ricerchina anche tu.
    Ciao
     
  8. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    cosa significa?

    Smoker
     
  9. ilragno

    ilragno Ospite

    Che oggi non vogli di ripetere la ricerca che ho fatto la notte scorsa per tirare su di morale aleambro, dicendogli che la partita non è persa ma ancora tutta da giocare.

    Se capita ti trovo la sentenza e la linko, come si dice adesso, nel frattempo prova a fare un ricerchina per conto tuo.;)
     
  10. smoker

    smoker Membro Senior

    Privato Cittadino
    volevo sapere cosa intendessi per: adempimento pratiche IMU agricola.

    Smoker
     
  11. ilragno

    ilragno Ospite

    Perdonami l'equivoco. I proprietari o possesori devono fare acuni adempimeti a riguardo dell'IMU che ha modificato la vecchia ICI.
    Con la vecchia ICI pagavano solo i tereni agricoli coltivati, con l'IMU devono pagare tutti anche gli incolti, ma ci sono delle agevolazioni che ricordo devono ancora essere chiariti.
    Una regolarizzazione ai fini IMU potrebbe essere una occasione per aleambro di assumere i compiti propri del proprietario. Non facendolo conferebbe indirettamente il suototale disinteresse per il terreno in questione. Peggio ancora se il coltivatore diretto adempisse agli obblighi IMU sotituendosi al proprietario.
    Questo è il mio punto di vista, con tutta l'umiltà del possibile errore o di inutilità allo scopo di evitare l'usucapione. una regolarità fiscale può fare andare a testa alta davanti ad un giudice attento.
    Ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina