• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  • Creatore Discussione Utente Cancellato 59287
  • Data di inizio
U

Utente Cancellato 59287

Ospite
Buongiorno a tutti!
Sono a rivolgermi a voi tutti per un quesito.
Oramai mesi fa il mio vicino senza nulla chiedere mi apre una finestra accanto al mio balcone durante la ristrutturazione di un vecchio immobile.Allego foto 1 dove si evince come fosse la facciata in origine e dove sono i miei balconi confinanti.Ora mi ritrovo con questa(vedi foto 2 e 4).Foto rubate a loro insaputa facendo finta di non essere in casa mia, perche' altrimenti solo quella finestra la tengono coperta(vedi foto 3).Ho chiesto chiarimenti in comune e mi rispondono con questo virgolettato:'
..Considerato che il sottoscritto ha effettuato sopralluogo in sito ed ha
verificato che la finestra non è ancora stata aperta/completata;
Verificata la SCIA n. 243 dell'1 .08.2018 presentata dai suoi vicini con
prot. n. 5065 in data 05.07.2018 e che nella stessa si prevede il ripristino
dell'apertura presistente (come si evince dalla fotografia da lei presentata
della facciata ovest originaria );
- che lella sopraccitata SCIA si prevede per l'apertura da ripristinare, il
posizionamento di serramento in legno ed inferiata antiaffaccio e che
altresì da colloquio con D.L. e l'impresa esecutrice, si prevede inoltre il
posizionamento di vetro fisso tipo "satinato" anti veduta, di conseguenza
non può considerarsi l'opera una finestra ma semplice LUCE.
Con la presente si è a comunicare inoltre in risposta alla Vostra che:
Il fine lavori degli interventi sull'intero immobile non ancora stato
effettuato e comunicato;
che le opere si stanno eseguendo in conformità a quanto presentato;
che eventuali discordanze e/o divergenze fra confinanti dovranno essere
risolte in altre sedi in quanto controversie fra privati, secondo il C.C.. ''

Letto questo e dopo ulteriore mio sollecito mi rispondono definitivamente con l'allegato 1 .
Dato che abusando della mia innata fiducia nel prossimo ho gia' subito danni al mio tetto dove,sempre senza chiedermi nulla, hanno posizionato ponteggi per piu' di 3 mesi creandomi infiltrazioni di acqua che ho tutt'ora causa rottura tegole...ora sono a richiedervi se per voi non e' un abuso edilizio tale finestra.Saro' ignorante in materia ma non mi sembra un punto luce e soprattutto che rispetti la normativa vigente.Ma poi vi chiedo e' possibile aprire una finestra che saranno almeno 70 anni che e' murata?I quesiti sarebbero molteplici,ma trovo strano che di tutte le finestre che hanno rifatto(e sono una dozzina)solo quella hanno timore di coprirla.Esiste una prescrizione dopo cui tale manufatto non e' piu' denunciabile?
Posso solo che ringraziarvi anticipatamente per ogni suggerimento utile che mi darete.Auguro a tutti voi una serena giornata.
Grazie!!!
 

Allegati

akaihp

Membro Attivo
Professionista
Il Comune non vigila adeguatamente (ha assolutamente ragione a dire che la SCIA non è assenso, le responsabilità del tecnico ecc, ma una minima verifica e tutela dovrebbe comunque farla).
Dovrà quindi chiedere una consulenza ad un avvocato e ad un professionista tecnico (arch, ing, geo).
In linea di massima la veduta per essere tale deve avere determinate caratteristiche che generalmente non si limitano alla opacità del vetro.
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Tutto il sunto è un questa parte
eventuali discordanze e/o divergenze fra confinanti dovranno essere
risolte in altre sedi in quanto controversie fra privati
, secondo il C.C..
quindi diventa una controversia tra vicini, che va eventualmente risolta in ambito legale.
Appropriato anche il consiglio di far fare un sopralluogo ad "un professionista tecnico (arch, ing, geo)".

Anche se si trattasse di una "LUCE" (e quindi non di veduta) non ne rispetta i requisiti, e non si può qualificare un apertura (finestra) come luce perchè ha (o avrà) i vetri satinati che impediscono di vedere.
In merito al vetro: "fisso" deve essere l'anta in cui è posizionato lo stesso vetro, il vetro in se e per se è già fisso. In altri termini l'infisso non dovrebbe essere apribile.
........e' possibile aprire una finestra che saranno almeno 70 anni che e' murata?
da cosa si evince ? si dovrebbe avere elementi certi per asserirlo.
Anche se in origine vi fosse in essere una qualche servitù di veduta (costituitasi) questo congruo lasso di tempo di 70 anni, di certo l'hanno fatta cessare.
 
Ultima modifica:

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Non necessariamente.
Anche servitù cosiddetta del "padre di famiglia" venutasi a creare per creazione del primo ed unico proprietario, che poi successivamente ha trasferito ad altri le 2 diverse unità.
Sarebbe sufficiente che in atto sia indicata la classica frase:
" si trasmette con tutti i diritti, servitù passive e attive "
 

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Ho dovuto affrontare una situazione simile, ....

Più di 8 anni di causa civile, per il solo primo grado, condanna del vicino a trasformare la finestra in luce ecc, compensazione delle spese (non si capisce il perchè), ....
nel frattempo connivenze tra ufficio tecnico, CTU e controparte, sostanziale ricusazione del CTU da parte del giudice.... , modifiche al regolamento edilizio comunale per rendere incerta l'interpretazione,...

Per te suggerirei 3+1 punti:
- le luci devono essere cl lato inferiore a non meno di m.2,50 dal pavimento, inferriata con maglie di max 3 cmq (art. 901)
- verificare la sussistenza di una servitù o di sua decadenza: giurisprudenza in merito.
- considerare la nuova legge che impone una distanza di 5+5 mt per apertura di finestre verso pareti finestrate di altro proprietario.
- Regolamento edilizio comunale in merito alle distanze su costruzioni esistenti

e per ultimo un buon tecnico, meglio se avvezzo ad operare in veste di CTP o CTU, ed un buon avvocato: aggiungere una buona dose di pazienza, portafoglio rifornito, "aver rason, e trovar chi te la daga, ..."

Dubito che sia il tuo caso, come non lo era il mio: ma se la controparte si rendesse disponibile ad una compensazione-compromesso, sarebbe la soluzione migliore.

Per prendere la cosa in punto di principio, devi essere disposto ad arrivare anche al 3° grado: ne beneficeranno forse i tuoi figli o nipoti.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Recesso contratto di mediazione
Salve si può recedere da un contratto di mediazione della durata di un anno, ma in 8 mesi neanche l'ombra di un appuntamento?
Balian ha scritto sul profilo di Andrea Gurieri.
ti lascio il mio num se ti servono info su come fare socio di capitale in una immobiliare +39 3348484943 ( contattami prima su WA gentilmente che ho un fuso orario -6 sono in canada )
Alto