1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Roberto Fontanella

    Roberto Fontanella Membro Junior

    Altro Professionista
    Ciao a tutti sono in procinto di ristrutturare una parte dell'abitazione dei miei genitori divisa su due piani di circa 110 mq ciascuno. Catastalmente l'abitazione è costituita da 110 mq del piano interrato più circa 70mq del piano terra comunicante con scala interna, mentre i restanti mq 40 costituiscono un laboratorio artigiano(c3) non più usato da quasi vent'anni.
    La mia intenzione è quella di cambiare la destinazione d'uso del laboratorio(mq40) in abitazione e sommarci una stanza di mq10 dei restanti 70 e procedere ad una ristrutturazione totale con rifacimento pavimenti,impianti,infissi, ecc, così da ricavare un nuovo appartamento di mq 50 mentre l'abitazione dei miei si ridimensionerebbe a circa mq 170 (110+60)
    Vi chiedo se è corrette da parte del Comune chiedere Oneri di urbanizzazione per svariate migliaia di euro dal momento che non vi è aumento di cubatura rispetto alla costruzione originaria ne tantomento un cambiamento della sagoma esterna?
    Ovviamente essendo un profano in materia potrebbe essere un dubbio stupido di cui mi scuso in anticipo, ma dal momento che parliamo di soldi e non pochi....
    ...e il famoso "piano casa" non mi aiuta in questo caso?'

    Grazie :basito:
     
  2. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Così facendo vai a creare due unità immobiliari, ti vengono richiesti gli oneri perchè stai incrementando la potenzialità abitativa dell'immobile e i conseguenti consumi relativi .... che poi sia corretto a livello etico chiedere soldi da parte dei comuni potremmo stare qui tutta la notte a discuterne:???: sta di fatto che in Italia tutto sa' da pagà:disappunto::disappunto:
     
    A Roberto Fontanella piace questo elemento.
  3. piccola63

    piccola63 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Approfitto della vostra professionalità per porre un quesito: siamo intenzionati ad acquistare una villetta in attesa di concessione in sanatoria per l'ultimo condono; l'agenzia immobiliare dice che loro, di solito, inseriscono in atto che le spese per il ritiro della concessione rimarranno a carico della parte venditrice, mentre il nostro geometra sostiene che invece è meglio che ci facciamo decurtare oggi quelli che saranno i costi fra X anni che lui quantifica in circa 8.000 euro (140 mq casa e 70 circa di garage e per i quali sono stati pagati solo i bollettini delle oblazioni relative alla domanda). Vi sembra corretta e realistica sia la procedura che gli importi?
    Ringrazio anticipatamente
     
  4. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Non credo possiate comprare un immobile dove è stata solo presentata domanda di condono ( poi condono? in che senso di che sanatoria si tratta?) Al momento del contratto finale deve essere tutto conforme la sanatoria deve essere non solo presentata ma anche accolta dall'amministrazione comunale in commissione edilizia con oneri pagati dal venditore. Non capisco come volete fare in altro modo.... spiegati meglio
     
  5. piccola63

    piccola63 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    si tratta di un immobile costruito nel '99 senza lic. , come il 90% di quella zona, e pare che sia normale, anche perchè stanno ritirando le concessioni gli immobili costruiti abusivamente negli anni 70.... Qualche geometra mi sa aiutare???
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina