• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Alessandro Bica

Membro Junior
Agente Immobiliare
Buonasera, in sostanza dovrei far stipulare un contratto a canone concordato, con le parti vorremmo trovare un accordo economico che è leggermente inferiore a quello che mi viene nel calcolo, (che per altro secondo me non è a mercato), è un problema per la certificazione? l'immobile rientrerebbe nella cosiddetta fascia C (la migliore) solo che il canone per cui si vorrebbero accordare è leggermente inferiore.
 

marchesini

Membro Assiduo
Privato Cittadino
Non credo vi siano problemi a concordare un canone inferiore.
Gli accordi stabiliscono a seconda della fascia il canone massimo che puoi chiedere.
 

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
Paradossalmente interpretando la lettera degli accordi qualche problema ci potrebbe essere, ma nella realtà dei fatti le vere soglie sono solo quelle superiori.
 

Alessandro Bica

Membro Junior
Agente Immobiliare
bisogna legge bene l'accordo territoriale
se è presvisto un canone massimo ed uno minimo stare al di sotto del minimo non permetterebbe di ottenere una attestazione attendibile
diciamo che andrei leggermente sotto il minimo della categoria C, mi sembra assurdo che rivolgendomi al sindacato degli inquilini (appunto degli inquilini..) mi possa fare storie, per altro basterebbe non dichiarare alcune caratteristiche della casa (tipo arredamento o aria condizionata o impianto d'allarme, che l'immobile passerebbe in fascia B e non credo incorrerebbero in problemi, su quest'ultima cosa correggetemi se sbaglio, come controllerebbero?
 

Carlo Garbuio

Membro Senior
Agente Immobiliare
diciamo che andrei leggermente sotto il minimo della categoria C, mi sembra assurdo che rivolgendomi al sindacato degli inquilini (appunto degli inquilini..) mi possa fare storie, per altro basterebbe non dichiarare alcune caratteristiche della casa (tipo arredamento o aria condizionata o impianto d'allarme, che l'immobile passerebbe in fascia B e non credo incorrerebbero in problemi, su quest'ultima cosa correggetemi se sbaglio, come controllerebbero?
è rigore quando arbitro fischia ;)
se nessuno controlla non c'è problema
se qualcuno controlla e trova l'errore si può risalire a chi e come ha sbagliato
 

aldoiaco

Membro Junior
Privato Cittadino
Se il canone è troppo basso l'ADE potrebbe rilevare un tentativo di elusione fiscale. Conviene pertanto stare al di sopra del minimo valore del canone (oltre che al di sotto del valore massimo dello stesso) dichiarando opportunamente le caratteristiche dell'immobile da locare,
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
In teoria le stesse associazioni sindacali che dovrebbero asseverare il contratto, potrebbero opporsi.
 

Carlo Garbuio

Membro Senior
Agente Immobiliare
In teoria le stesse associazioni sindacali che dovrebbero asseverare il contratto, potrebbero opporsi.
secondo me devono opporsi altrimenti a cosa servirebbero?
Quale sarebbe il loro ruolo?
Nel mio ufficio ha sede una associazione che rilascia le attestazioni e se il contratto non rispetta gli accordi non viene rilasciata. Vengono svolti controlli dettagliati, anche troppo per i miei gusti, ma questo mi dà sicurezza e dà sicurezza agli associati che si rivolgono all'associazione. Questo perchè l'associazione, per il ruolo che ha, deve controllare, deve opporsi.
In altre zone d'Italia invece apprendo che questa è una possibilità.
Prendo nota e segnalo a chi di competenza
 

Alessandro Bica

Membro Junior
Agente Immobiliare
Se il canone è troppo basso l'ADE potrebbe rilevare un tentativo di elusione fiscale. Conviene pertanto stare al di sopra del minimo valore del canone (oltre che al di sotto del valore massimo dello stesso) dichiarando opportunamente le caratteristiche dell'immobile da locare,
Questo capita se troppo basso in generale, non in base all'accordo territoriale, per non avere grane il canone annuo non deve essere inferiore al 10% del valore catastale dell'immobile... Non sarebbe questo il caso.
 

Alessandro Bica

Membro Junior
Agente Immobiliare
No, se tu non applichi correttamente i parametri dell'accordo, le associazioni non ti asseverano il contratto.
E' proprio su questo il dubbio... Cioè so che se sforo in eccesso è un problema, non sono sicuro se sforo in difetto, vedo che AB. che è di Roma è d'accordo con me, non so che fare.
 

aldoiaco

Membro Junior
Privato Cittadino
No, se tu non applichi correttamente i parametri dell'accordo, le associazioni non ti asseverano il contratto.
E' l'associazione che mette i valori. Il cliente deve solo dare l'indirizzo (via, piazza, etc.) e le caratteristiche (ascensore, riscaldamento, verde, infissi, piano, superficie calpestabile, etc.) dell'immobile.
 

ab.qualcosa

Membro Storico
Agente Immobiliare
Esempio pratico reale ma con cifre inventate:
Inviata scheda con valori da compilare da parte loro e con canone indicato a 900 euro mese.
Correzioni effettuate rispetto ad alcuni aspetti segnalati, canone minimo calcolato da loro 920, canone massimo 1150, attestazione firmata per approvazione.
Parliamo di una delle principali associazioni dei proprietari.

E secondo me nella sostanza hanno ragione.
Il problema, se così vogliamo dire è che in moltissime zone i canoni concordati non sono canoni di particolare convenienza, ma praticamente di mercato.
Il ché non credo sia proprio nello spirito della legge.
 

Alessandro Bica

Membro Junior
Agente Immobiliare
Esempio pratico reale ma con cifre inventate:
Inviata scheda con valori da compilare da parte loro e con canone indicato a 900 euro mese.
Correzioni effettuate rispetto ad alcuni aspetti segnalati, canone minimo calcolato da loro 920, canone massimo 1150, attestazione firmata per approvazione.
Parliamo di una delle principali associazioni dei proprietari.

E secondo me nella sostanza hanno ragione.
Il problema, se così vogliamo dire è che in moltissime zone i canoni concordati non sono canoni di particolare convenienza, ma praticamente di mercato.
Il ché non credo sia proprio nello spirito della legge.
E' più o meno simile a la situazione, lo spirito della legge sarebbe appunto quello di far pagare canoni più bassi rispetto al mercato, per cui capirei la problematica se sforassi in eccesso, in ogni caso abbiamo deciso di provare a farlo asseverare con le cifre accordate tra le parti, poi si vedrà tanto abbiamo tempo fino a dicembre per trovare la soluzione.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, avrei bisogno di un parere sulla possibilità di poter accessoriare un locale cantina di circa 37 mq mettendo prese antenna e 3/4 punti luce oltre ad acqua calda. Lo chiedo per sapere se questo implica un Cambio di destinazione d’uso e quindi il rischio che mi venga ordinato il ripristino. Grazie
Buongiorno , una mia nipote,ha intenzione di acquistare una casa di cui siamo proprietari io (al 12,5%) le mie sorelle ( 2, al 12,5%) e mia madre al 62,5%. Vorrebbe sottoscrivere un compromesso avvalendosi della firma solo di mia madre e di sua madre, per iniziare i lavori di ristrutturazione, avendo la quota maggioritaria favorevole. Puo’ iniziare i lavori ? Grazie
Alto