1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. toxicity967

    toxicity967 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Bungiorno, vorrei sapere quali sono gli impegni che devo rispettare per quanto riguarda il canone rai e la tassa sui rifiuti relativi a una casa in cui sto in affitto.
    La situazione è la seguente: la padrona di casa ha lasciato la residenza per avere i benefici fiscali sulla prima casa, la mia ragazza è residente mentre io no. Posso in questa situazione chiedere alla padrona di casa la metà del canone rai (l'utenza è intestata alla mia ragazza) e la metà della tassa sui rifiuti in virtù del suo stato di residente?
    Grazie e buona giornata
     
  2. Gherardo5

    Gherardo5 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Se lo facessi ...... sarebbe un ricatto in quanto la proprietaria sta commettendo un reato.
    Evidentemente non ha registrato il contratto e quindi evade il fisco.

    Televisione e tassa sui rifiuti competono a chi abita l'appartamento (e dovrebbe anche avere intestate le utenze, tipo l'energia elettrica, perché non può essere pagato da una persona e rifatturata ad un'altra)..

    Per assurdo, il fatto che due diverse entità (la tua ragazza e la proprietaria) risultino entrambe residenti vorrebbe che entrambe pagassero il canone (entrambe il 100% e non a metà).
     
  3. gagarin

    gagarin Membro Junior

    Amministratore di Condominio
    ...direi che sarebbe una prepotenza: è vero che la locatrice ha lasciato la residenza, ma, in realtà, non abita nell'appartamento, cioè non usufruisce nè di TV, nè di smaltimento rifiuti.

    ...non credo che sia un reato mantenere la residenza nella casa affittata: non mi sembra sia illegale affittare la prima casa o una casa in cui si risiede e il contratto si può fare benissimo (toxicity967 non ha scritto che il contratto non c'è...)

    ...non vorrei sbagliarmi, ma mi sembra che, in base alle ultime delucidazioni dell'AdE (ogni tanto ne scrive un pò, per cercare di sbrogliare l'intricata matassa in cui il Governo l'ha ficcata), se si dimostra la convivenza nello stesso immobile, anche di persone non in relazione di parentela, il canone RAI si paga una volta sola.
     
  4. Gherardo5

    Gherardo5 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Dispositivo dell'art. 43 Codice Civile
    Il domicilio di una persona è nel luogo in cui essa ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi.
    La residenza è nel luogo in cui la persona ha la dimora abituale

    Per cui mi sembra che la proprietaria commetta il reato di non rispettare questo articolo del C.C. e lo fa per avere i benefici fiscali della prima casa.
    Quali sono questi benefici ? Evadere le tasse !

    In caso di "convivenza" oppure di colf e badanti.
    Nello specifico, la proprietaria dell'appartamento non ha nessuno di questi rapporti con il "nostro amico"
     
  5. gagarin

    gagarin Membro Junior

    Amministratore di Condominio
    ....io ho lavorato e abitato per 3 anni a Udine e tuttora lavoro e abito (in affitto) in un'altra città, ma ho mantenuto la residenza nella mia città natale, affittando temporaneamente la mia casa: non credo che qualcuno mi possa contestare qualche violazione della legge (quelle del C.C. sono solo definizioni per chiarire i termini, ma non comportano sanzioni o quant'altro). Nessuno può essere obbligato a cambiare residenza. Poi ognuno ha le sue ragioni (che non sono necessariamente l'evasione fiscale) per risiedere in un posto e abitare in un altro.
     
  6. Gherardo5

    Gherardo5 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non è così, a mio parere.
    Per esempio, la residenza determina il recapito delle multe automobilistiche e quindi prevede di avere una reperibilità presso la residenza. Il rapporto di locazione invece non lo prevede.
    E la Legge non prevede neanche di lasciare la residenza in un appartamento precedentemente abitato ed attualmente locato per ottenerne vantaggi economico-fiscali.
    In altre parole, se va tutto bene ....... nessuno si accorge di niente ma se capita qualcosa allora il C.C non è "per chiarire i termini" ma è la Legge.
     
  7. gagarin

    gagarin Membro Junior

    Amministratore di Condominio
    E' un tuo parere, che potrebbe andare da un punto di vista "etico", ma, ritengo, non legale. La reperibilità c'è comunque per il solo fatto di risiedere in un posto: se qualcuno mi cerca chi mi impedisce di dire che risiedo lì, ma abito, più o meno temporaneamente altrove per motivi miei? Se arriva una multa, viene lasciato un avviso e, se non la ritiro e non la pago nè subirò le conseguenze; inoltre chi potrebbe dimostrare che si è lasciata la residenza per motivi fiscali e non per altri? Finora il principio di presunzione "tributaria" è applicato solo al canone RAI (se hai una bolletta elettrica DEVI avere anche un apparecchio TV e se non ce l'hai lo devi dimostrare tu: una disposizione bizzarra e, forse, anche incostituzionale); per tutto il resto è l'AdE che deve dimostrare il motivo per cui sei soggetto ad una tassa o ad un'imposta.
     
  8. Gherardo5

    Gherardo5 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Passando dall'astratto al concreto il caso del nostro amico ha precise connotazioni :
    - ha affittato un appartamento (e non una porzione di appartamento)
    - la proprietaria non ha più alcuna relazione con quell'immobile ad eccezione della proprietà
    - per cui la proprietaria non può sostenere di risiedere lì
    - se arriva una multa in teoria deve tornare al mittente per destinatario sconosciuto
    - lasciarci la residenza è una omissione (quella di non aver comunicato l'avvenuto cambio)

    Tutte le eccezioni da te poste vengono "smontate" dalla frase iniziale "la padrona di casa ha lasciato la residenza per avere i benefici fiscali sulla prima casa" da cui ne deriva che paga meno tasse di quelle che pagherebbe se avesse spostato la residenza.
    Si tratta di una frode fiscale.
     
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    E mica è affare dell'inquilino se la proprietaria non paga le tasse .... Se la vedrà lei in caso di un controllo. Non credo che chieda qualcosina all'inquilino il quale avrà un contratto da rispettare. Canone rai e rifiuti saranno a carico suo. Se non ha la tv non paga il canone ma è una sua responsabilità.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina