• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

screamieri

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buongiorno a tutti, il 20 marzo ho avuto la delibera da Intesa San Paolo per il mutuo. Il rogito è programmato entro il 1 settembre. Con questa situazione la mia azienda ha deciso di metterci in cassa integrazione al 50% per poche settimane. Sperando che il tutto duri al massimo uno/due mesi, la banca potrebbe effettuare nuovamente verifiche al momento del rogito e negare il mutuo vedendo questo periodo di cassa integrazione oppure avendo la delibera non ci saranno ulteriori controlli?

Premetto che il mutuo è cointestato, entrambi contratto indeterminato da più di 4 anni con rata del mutuo pari al 19% del reddito.
 

francesca63

Membro Storico
Privato Cittadino
Più che chiederti se la banca farà altri controlli, conviene chiedersi se potrete pagare il mutuo, nel caso il vostro stipendio non sia più così sicuro.
Poi dipende da quanto mutuo chiedete, e quanto sarà sostenibile la rata se le cose volgeranno al peggio.
 

Giuseppe Di Massa

Membro Senior
Agente Immobiliare
Buongiorno a tutti, il 20 marzo ho avuto la delibera da Intesa San Paolo per il mutuo. Il rogito è programmato entro il 1 settembre. Con questa situazione la mia azienda ha deciso di metterci in cassa integrazione al 50% per poche settimane. Sperando che il tutto duri al massimo uno/due mesi, la banca potrebbe effettuare nuovamente verifiche al momento del rogito e negare il mutuo vedendo questo periodo di cassa integrazione oppure avendo la delibera non ci saranno ulteriori controlli?

Premetto che il mutuo è cointestato, entrambi contratto indeterminato da più di 4 anni con rata del mutuo pari al 19% del reddito.
La banca saprà tutto, se decide di cercare, oppure far finta di nulla, dipende da quanto hai cheisto in termini percentuali. Occhio adesso alle caparre o spese da sostenere, al momento il contratto è concluso ed è tutto ok, magari versi caparra e paghi agenzia (se c'è) ma poi la banca potrebbe dirti no. Inutile anche chiedere adesso alla banca, non si prenderà mai la responsabilità di dirti se l'atto lo farai comunque, situazione intricata, finchè non si chiarisce non tirare fuori soldi (finchè nn rischi inadempimenti), prendi tempo e resta in contatto con il venditore e l'agenzia nel modo più trasarente possibile.
 

titti_roma

Membro Junior
Privato Cittadino
Buongiorno a tutti, il 20 marzo ho avuto la delibera da Intesa San Paolo per il mutuo. Il rogito è programmato entro il 1 settembre. Con questa situazione la mia azienda ha deciso di metterci in cassa integrazione al 50% per poche settimane. Sperando che il tutto duri al massimo uno/due mesi, la banca potrebbe effettuare nuovamente verifiche al momento del rogito e negare il mutuo vedendo questo periodo di cassa integrazione oppure avendo la delibera non ci saranno ulteriori controlli?

Premetto che il mutuo è cointestato, entrambi contratto indeterminato da più di 4 anni con rata del mutuo pari al 19% del reddito.
Ciao, hai avuto novità? Hai deciso di chiamare in banca per avvisare della situazione o avendo il mutuo già deliberato aspetto fino al rogito e vedi se saltano fuori problemi (speriamo di no)? Facci sapere se hai novità, intanto in bocca al lupo
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Chi si accampa in giro è re sopra il feudo mio ma regina è lei che alta si schiude al mio regal desio
Vorrei porre un quesito agli esperti. Sono proprietario di un modesto terraneo cat.C/3. Mi viene richiesta la locazione da parte di un potenziale conduttore che vorrebbe usarlo come deposito e/o vendita di fotocopiatrici , calcolatrici etc. Io ho chiarito che nel contratto avrei specificato l'uso esclusivo del cespito in base alla C/3. Si può fare? A cosa si va in contro sia il locatore che il conduttore?
Alto