1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. doradora

    doradora Membro Junior

    Privato Cittadino
    Nel contratto transitorio della durata di max 18 mesi,a chi spetta imbiancare a fine locazione?
    Quante mensilità si possono chiedere come deposito cauzionale?
    Si può aumentare fino al 20 % il parametro del concordato?
    Bisogna stilare il contratto su un modulo particolare?
    Grazie !
     
  2. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino


    Il ritinteggio dei locali a fine locazione (altro discorso è la manutenzione ordinaria durante la locazione disciplinata dall’allegato G del DM 30 dicembre 2002), in regime della legge n°431/1998, sussiste se:

    a) le parti contrattualmente danno atto, in relazione allo stato dell’immobile, che il medesimo viene consegnato tinteggiato a nuovo ovvero viene redatto un verbale di consegna in cui si precisa che l’immobile viene consegnato tinteggiato a nuovo;

    b) nel contratto è inserita una specifica clausola nella quale il conduttore si impegna, per patto espresso, a restituire i locali a lui locati ritinteggiati a nuovo, in deroga all’art. 1590 del codice civile che, in genere, in tutti i contratti, viene riprodotto sotto questa forma: “Il conduttore si impegna a riconsegnare l’unità immobiliare nello stato in cui l’ha ricevuta, salvo il deperimento d’uso, pena il risarcimento del danno”. Tale clausola, in deroga all’art. 1590 cod. civ., in vigenza della nuova legge n°431/1998, non costituisce più patto contrario alla legge;

    c) nel contratto non è inserita tale specifica clausola, ma il degrado va oltre il normale deperimento d’uso della cosa locata (art. 1590 cod. civ.) causa incuria, danni procurati dal conduttore ecc.



    Dipende dall’accordo territoriale. Il comune di Bologna, per i contratti transitori ordinari, ad esempio, stabilisce che: “Il deposito cauzionale non potrà essere superiore all’importo di una mensilità del canone per contratti sino a sei mesi, non superiore a due mensilità per contratti di durata fino a diciotto mesi”.



    Solo se l’accordo territoriale del tuo comune lo prevede. Firenze ed Udine, ad esempio, prevedono un incremento del 15% dei valori minimi e massimi della fasce di oscillazione. Trieste e Genova del 10%.




    Il contratto deve essere stipulato esclusivamente utilizzando i contratti-tipo stabiliti negli accordi locali e depositati presso ciascun comune. L’obbligo di conformazione è comunque soddisfatto anche attraverso l’utilizzo di modelli contrattuali che, sebbene non identici a quelli previsti negli accordi locali, ne rispecchino comunque il contenuto e i vincoli in tema di durata e di misura del canone.
     
    A Bastimento piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina