1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. francesca7

    francesca7 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Gentili colleghi, come comportarsi nelle collaborazioni, mi spiego meglio!! E pacifico che nella collaborazione tra due agenzie, ogni agenzia percepisce dal proprio cliente la provvigione, ma questo è possibile se si riesce a trovare l'immobile adatto. Mettiamo che il cliente acquirente tra le cose che ha visto non riesce a scegliere e che dopo tempo il collega che aveva collaborato, riesce ad avere quello che sarebbe potuto andare bene, ma attenzione, non si rivolge al collega che ha presentato i clienti ma direttamente ai tuoi acquirenti con i quali nelle varie visite si sono scambiati i rispettivi numeri di telefono e notizie varie. A me è successo anche che l'acquirente che io avevo presentato è andato direttamente dal collega che ha visto bene, gli era rientrato un'immobile che è piaciuto, di fare l'affare per conto proprio. In queste situazioni c'è da restarci male, ma per un vivere sereno e reciproco rispetto che porti lontano le tentazioni, non c'è niente che si possa scrivere e che abbia valenza legale??
     
  2. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Scambiatevi i clienti come se fossero immobili con patto di compensazione tra agenti:
    Agente A presenta un cliente x all'agenzia B per l'acquisto di un suo immobile.

    Preparate una scrittura privata dove l'agenzia A presenta e condivide il cliente x con l'agenzia B.
    La scrittura prevede che per qualunque vendita effettuata dall'agenzia B al cliente x nei 12 mesi successivi, verrà riconosciuta all'agenzia A una percentuale del 33% del prezzo di vendita.

    L'agenzia A, a compensazione della somma, riconosce all'agenzia B un termine d'esclusività di soli 12 mesi, scaduti i quali nulla sarà più dovuto ed un maggior profitto (pari al 67% dell'operazione di vendita) per il suo lavoro di mediazione tra proprietario e acquirente che ha portato alla conclusione dell'affare.

    Il cliente x è svincolato dagli impegni presi tra le due agenzie e queste ultime sono legate da un semplice contratto, limitato nel tempo ed equamente bilanciato negli impegni tra le parti.



    Ps
    Le collaborazioni io le concepisco formate da tre partecipazioni:
    chi porta l'acquirente, chi porta la casa e chi svolge il lavoro.

    33% chi porta l'acquirente
    33% chi porta la casa
    34% a chi trova la combinazione giusta tra i diversi acquirenti condivisi e le diverse case condivise, svolgendo il lavoro di mediazione per la conclusione dell'affare. (la somma potrebbe anche essere divisa tra le agenzie in caso di divisione dei lavori)


    Tutto ovviamente IMHO
     
    Ultima modifica: 31 Ottobre 2014
    A andrea boschini piace questo elemento.
  3. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ecco perché è meglio non collaborare, sembra un labirinto senza via d'uscita, che tra dimenticanze più o meno veritiere, situazioni che si sviluppano nel tempo magari con l'accavallarsi di altre collaborazioni diventano matasse difgicili da dipanare, poi vada per il pezzo in vendita per il quale si collabora, ma pure l'acquirente mi sembra una masturbazione mentale.
     
    A PROGETTO_CASA piace questo elemento.
  4. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    allora nei paesi di ceppo anglosassone si faranno pippe dalla mattina alla sera con i loro MLS..
    Vabbè noi latini siamo sempre stati migliori degli altri
    :occhi_al_cielo:
     
  5. Luca1978

    Luca1978 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ti sei risposto da solo, i latini non sono propriamente noti per rispettare regole ristrette e lineari, noi siamo napoletani e non tedeschi.
     
    A Ada Gay e PROGETTO_CASA piace questo messaggio.
  6. ingelman

    ingelman Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Ciao Francesca
    Lo standard che dovrebbe accomunare tutte le collaborazioni, sia esse fatte attraverso piattaforme di condivisioni che quelle nate da singole decisioni individuali, è la correttezza nei rapporti.

    Un comportamento simile a quello che hai descritto trasgredisce a qualsiasi regola sia imposta che dettata dal buon senso

    Scambiarsi contatti ed informazioni con il cliente non tuo è il sintomo di un comportamento irrispettoso nei confronti di un collega (chi si comporta così è da bandire immediatamente)

    Collaborare e condividere sono cose che solo professionisti che credono all'etica possono fare.

    Come tutelarsi?

    prima cosa scegliere e selezionare i colleghi con cui collaborare discriminando da subito chi dimostra di non avere la giusta predisposizione come il collega che hai descritto.

    In caso di alcune piattaforme di condivisione esistono dei regolamenti che disciplinano i rapporti fra colleghi dando la possibilità agli aderenti stessi di lasciare eventuali feedback riferiti ai partecipanti al fine di valutarne la reputazione visibili a tutti per valutare eventuali collaborazioni future (recenzioni positive/negative). ma il discorso è complesso

    Per collaborazioni spontanee quello postato da Tobia non è proprio sbagliato ... due righe scritte che regolano i rapporti non sarebbe una cosa sbagliata.

    Io personalmente non me le sono mai fatte sottoscrivere ne le ho sottoscritte, ho regolato sempre i rapporti con colleghi parlandoci prima definendo accordi verbali e selezionando.
     
    Ultima modifica: 1 Novembre 2014
    A francesca7, sarda81 e Tobia piace questo elemento.
  7. francesca7

    francesca7 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Si grazie a tutti, c'è nessuno che puo postare un contrattino tipo? Massimo anche io preferirei avere rapporti con persone corrette, ma purtroppo il disincanto è sempre dietro la porta, la collaborazione è una cosa che non sembra interessare a nessuno, non so come mai, e quando ci hai provato più volte e i risvolti in modi diversi si sono rivelati poco affidabili, allora forse è meglio oltre che parlare, scrivere!!!
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  8. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Oppure collaborare solo con colleghi di fiducia, con i quali basta incontrarsi la mattina al bar e chiaccherare davanti ad un caffè e brioches...
     
    A Luca1978 piace questo elemento.
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Un grappino é meglio almeno si é sicuri che dicono la verità .......
     
    A leolaz piace questo elemento.
  10. leolaz

    leolaz Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    in grappino veritas :^^:
     
    A ab.qualcosa e Rosa1968 piace questo messaggio.
  11. francesca7

    francesca7 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Nessuno che può fornire un contratto che ha già usato?
    La teoria e bella ma ci sono situazioni in cui è meglio la pratica, scrivere!!!
    Oggi ho consegnato ad un cliente che non ne voleva sapere di darmi l'APE perchè secondo lui non era necessaria per pubblicare gli immobili, la norma di legge che prevede le sanzioni quanto ed a carico di chi, l'ho stampata e la consegno ad ogni cliente venditore. Era un esempio per dire che "dove c'è scritto ci si legge" e si è in tempo a cambiare comportamenti e propositi.
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  12. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Sante parole.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina