1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    E' stato un po' difficile semplificare il titolo del post, ma spiego subito di cosa si tratta:
    - In seguito a una planimetria presente solo al catasto e non in Comune, ho trovato in mezzo alle scartoffie della Proprietà, una tavola ricavata da un elaborato ad integrazione della domanda di condono relativa a un fabbricato, da dove si può risalire allo stato di fatto autorizzato precedentemente i lavori abusivi. Questa tavola, presentata dal geometra, é datata, timbrata e firmata dal Comune.
    Chiedo: Come mai sia al catasto che in Comune non vi é traccia? Il documento é valido?:shock:
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Al catasto se non veniva fatta la dichiarazione di variazione all'urbano o docfa a seconda dell'epoca è ovvio che non risulta, invece per il comune se ci sono dei tibri dell'ente dovrebbero esserci trascritti sulla planimetria dei riferimenti quali "planimetria allegata all'autorizzazione n... del..." oppure "planimetria allegata alla rihiesta di variante interna n... del ... " vedi se riesci a leggerli, o tramite la data del timbro o del tecnico o del comune andare a ricercare se esistono richieste a nome del committente dell'epoca o in altro modo a seconda di come è conservato l'archivio al comune.

    Ciao salves
     
  3. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    @Limpida
    Ti chiedo cortesemente una delucidazione.
    La piantina oggi al catasto è la post-abusi ?
    La piantina da te trovata è, invece, pre-abusi e post-abusi ?

    Questo solo per una mia comprensione dell'esistente documentazione.
     
  4. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Le planimetrie sia al catasto che in Comune sono post abusi ma sono diverse e con lo stesso sub ed é datata dal geometra nel 1985, mentre l'elaborato in mio possesso ( é una scheda del condono edilizio) é precedente i lavori abusivi e riporta l'ex sub modificato ma ha un timbro del comune del 1994 . L'elaborato ha un suo numero di protocollo e riporta il sub modificato dall'ex, uguale alle altre post planimetrie.
    Sono riuscita a farti capire qualcosa?:confuso:
     
  5. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Forse, ma la colpa è senzaltro mia. :)
    la data 1985 già mette il sospetto che nell'1985 fu presentato il condono.
    Probabilmente nel 1994 fu chiesto una situazione pre-abuso per completare la pratica. Quello che è strano è che differiscano le post-abusi. La situazione attuale sarà probabilmente uguale a quella del catasto.
    Quali sono le date rispettivamente delle planimetrie del catasto e del Comune ?
     
  6. architetto giussano

    architetto giussano Membro Junior

    Certificatore energetico
    vorrei aiutarti ma anche io ho difficoltà a seguirti..:)
    forse sarebbe opportuno mettere ordine alle date e alle planimetrie in possesso.
     
    A H&F piace questo elemento.
  7. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Tu sei senz'altro più adatta di me, anche perchè vedo che sei molto aggiornata.
    Le date sono importanti : mi sembra siano 3 documenti. Le loro date di nascita.
    E poi quale è la planimetria attuale, essendoci discrepanza tra le planimetrie entrambe post-abusi. Una sarà di doppio abuso :shock:
     
  8. architetto giussano

    architetto giussano Membro Junior

    Certificatore energetico
  9. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    L'elaborato in mio possesso é una integrazione alla domanda di condono presentata nell'85, per cui riporta un timbro dell'86 con protocollo mentre gli aggiornamenti risalgono a dicembre 93 con visto del Comune del 1994.
    Dalla planimetria comunale allegata dall'ingegnere che ha fatto la perizia attualmente, non riporta alcun data poiché é stata fotocopiata e allegata a metà, ma lui stesso afferma che sarebbe stata presentata nel condono del 86.
    La planimetria del catasto ha la data dell'86.
    La mia domanda: l'elaborato di cui sopra può essere un documento valido per documentare i passaggi reali avvenuti nel passato per l'espletamento della pratica?:fiore:Grazie e scusate se vi faccio impazzire:^^:
    l
     
  10. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Si è potuto verificare che l'avente diritto abbia presentato condono con L. 47/85 e che non abbia completato l'iter burocratico, nel frattempo ha commesso altro abuso che ha dichiarato e richiesto condono con la L.724/94, quindi pratica in condono 85 per una certa situazione e ulteriore condono 94 per intervenuti altri abusi, verifica in comune tramite queste date che hai.

    Ciao salves
     
  11. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Grazie Salves, é proprio quello che ho pensato io, ma non ne avevo la certezza non essendo del mestiere.
    Come mai l'ingegnere che ha fatto la perizia non mi ha detto niente di tutto ciò?:shock:
    La perizia l'ha fatta lui prima che trovassi questo documento!:confuso:
     
  12. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Aia aiai! Questi professionisti iscritti agli albi!

    Ah! Questi professionisti
    ordinisti
    ingegneristi
    giuristi
    azionisti
    ellenisti
    puristi
    poco umoristi
    lazzaristi
    utopisti
    pragmatisti
    salutisti
    quattrocentisti
    bonapartisti
    protagonisti
    ma tristi!
    tristi!
    tristi!
    Ma tu, resisti!
    resisti!
    resisti!
     
    A Limpida piace questo elemento.
  13. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Mancanza di ricongiunzione delle pratiche dei due condoni da parte del comune e/o scarsa ricerca degli atti esistenti al comune non so quale delle due si sia verificato, essendo tecnico non mi pronuncio non so se mi sono spegato, posso dirti che qualche volta capita a tutti prendere fischi per fiaschi, l'importante è non prenderli quasi sempre.

    Quindi vedi di andare a fondo e verificare.

    Ciao salves
     
    A Limpida piace questo elemento.
  14. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Meglio gli abusivisti ?
    Nel campo tecnico, le capre sono tante. Come in tutti i settori.
     
    A Limpida piace questo elemento.
  15. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    I due condoni potrebbero non essere andati a buon fine.
    Oppure il perito è scadente! Capita spesso.
     
  16. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Abusivi?
    Sono sempre eccessivi
    e negativi
    anche quando sono contemplativi.
     
    A Limpida piace questo elemento.
  17. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Pensa che danni:shock: !
     
  18. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ad eccezione che abbiano chiesto sanatoria per opere non sanabili, se il comune non ha notificato diniego sono andati a buon fine, sono solo in attesa di completamento burocratico.
     
  19. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Già ci fu l'integrazione sul primo condono e, quindi, il tecnico non era esperto.
    Poi la correttezza del calcolo delle sanzioni e loro pagamento?
    Un buio sulle informazioni : non sarei nè pessimista nè ottimista.
     
  20. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Vedremo il prossimo professionista come concluderà la pratica:occhi_al_cielo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina