1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif][/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]La Confedilizia ha segnalato al Governo – e in particolare ai Ministri Calderoli e Tremonti – il rischio che corre la cedolare secca sugli affitti nel momento stesso del suo decollo per via dell’incertezza nella quale si trovano i proprietari che locano più di un’unità immobiliare, timorosi di essere considerati quali esercenti attività di impresa e, quindi, esclusi dal nuovo regime.
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]Secondo la nuova normativa, infatti, la cedolare non si applica “alle locazioni di unità immobiliari ad uso abitativo effettuate nell'esercizio di una attività d'impresa”.
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]Ebbene, il richiamo ai labili confini che delimitano l’attività di impresa rende incerta l’applicabilità della cedolare nei casi di possesso di più unità immobiliari in capo a singole persone fisiche.
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]Da parte di qualcuno si è arrivati anche a sostenere che la locazione da parte di un’unica persona fisica di cinque unità immobiliari sia di per sé sufficiente a considerare tali locazioni come effettuate nell’esercizio di impresa.
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]Questa situazione di incertezza sta determinando – secondo quanto alla Confedilizia risulta sulla base delle segnalazioni delle proprie Associazioni territoriali – un vero e proprio blocco nell’avvio della cedolare, poiché tutti i proprietari interessati (anche se locatori di poche unità immobiliari), in assenza di rassicurazioni, rinunciano ad esercitare l’opzione per il nuovo regime fiscale, nel timore di esporsi ad azioni accertative da parte del Fisco.
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]
    [/FONT]
    [FONT=Georgia,Times New Roman,Times,serif]La gravità della situazione venutasi a creare impone – a giudizio della Confedilizia – un intervento chiarificatore, preferibilmente in via normativa (attraverso la previsione di un criterio di esclusione oggettivo) o – al minimo – in via interpretativa, ad esempio indicando a titolo esemplificativo comportamenti che certamente non determinano, in sé, l’inquadramento della locazione di più imm obili nell’attività di impresa, come l’affidamento della gestione degli immobili locati (ai fini, in particolare, della riscossione dei canoni) a un professionista o a un’associazione di categoria.[/FONT]
     
    A enrikon e leonard piace questo messaggio.
  2. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ..............ma quanto brava sei................:innamorato::innamorato::innamorato:
     
  3. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Questa mi sembra proprio una vera corbelleria: (non parlo ovviamente di Silvana).

    Ma perchè confedilizia va a svegliare il can che dorme? Una persona normale (mi prenderò di nuovo del saccente se mi ci metto anch'io?) che si ritiene fino a prova contraria"persona fisica" e non un fantasma, anche se ha 6 immobili da locare dubito si senta escluso dall'applicabilità della norma.

    Mi viene il sospetto invece che questa manfrina nasconda altri interessi, tipicamente quelli degli evasori: non intravedo il maeccanismo, ma come diceva il nostro, a pensar male ci si indovina.

    Semmai come confedilizia avrei posto il problema al contrario: perchè mai per una soc. semplice senza scopo commerciale, intestataria di immobili il cui reddito confluisce pari pari col QH nel reddito IRPEF dei rispettivi soci, non possa applicare la cedolare secca. In fondo non esiste alcuna differenza pratica: la intestazione ad una societa familiare è stata nel passato usata per semplificare i vari passaggi successori senza bisogno di volture catastali.

    Qualcuno vede un razionale in quanto sollevato da confedilizia?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina