1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. kenwood

    kenwood Membro Attivo

    Privato Cittadino
    salve a tutti,

    ho bisogno di un aiuto da parte di esperti in materia di gestione di condomini (e in materia legale).
    Ho acquistato a fine 2010 un appartamento con relativi debiti verso il condominio che (ma non lo sapevo)risalgono non so a quale anno (forse anche fino al 2002, cambiando più volte proprietà).
    Appena dopo il rogito ho rilasciato all'amministratore di condominio un assegno (€3000) a copertura dell'esercizio in corso alla data del rogito(2010) e dell'anno precedente (2009), cioè delle quote a me imputabili per legge.
    Nonostante ciò sull'ultimo bilancio mi ritrovo sul groppone più di €3600 di debito alla voce " saldo anni precedenti", e nell'ultimo estratto conto si è aggiunto anche una conguaglio di quasi € 400 del 2009 che si intendeva pagata con i 3000 euro dell'assegno (conguaglio che peraltro non compare nell'ultimo bilancio).
    Ho letto da qualche parte in questo forum che portando i vecchi debiti sempre "a riporto" (scusate il gioco di parole) nell'ultimo bilancio, questi divengono "imputabili" all'anno in corso (e a quello precedente), in questo modo "fregando" il nuovo proprietario.
    E' vero quanto ho letto? possibile non ci si possa difendere? in questo modo dovrei rispondere sempre io dei debiti ...all'infinito?
    Se prendiamo il bilancio del 2009 si vede che la maggior parte dei debiti, anche in questo caso, si trovano alla voce "saldo anni precedenti" uscendo (per così dire) dal biennio in questione. Non può essere questo un modo per dimostrare la propria estraneità al debito?

    ringrazio chiunque voglia intervenire sull'argomento.

    Aggiungo solo 2 cose:
    1 - ho mandato mesi fa una raccomandata all'amministratore per specificare (qualora ce ne fosse stato bisogno) che con i € 3000 intendevo pagare 2009 e 2010 (con il dettaglio delle varie voci, compreso il conguaglio di 400 euro di cui sopra).
    2 - ad oggi l'amministratore non mi ha mai chiesto niente e non ha agito in alcun modo contro di me (né mi ha fornito il bilancio e la ripartizione del 2009). Forse non sa come agire?
     
  2. rivinci

    rivinci Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    A prescindere da artifizi contabili sono dovuti solo quelli di cui all'art. 63. Troppo comodo sarebbe allora!
     
  3. kenwood

    kenwood Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie per la risposta e mi scuso per il ritardo (dovuto a problemi di connessione).

    Anch'io la penso così, anche perchè in caso contrario la lettera dell'articolo citato andrebbe del tutto disattesa.
    Tuttavia sospetto anche che, con l'ultimo bilancio alla mano (comprensivo quindi di tutto il cumulo di debiti), il condominio possa ottenere facilmente dal giudice un decreto ingiuntivo contro di me.
    Il giudice infatti, pasandosi sull'ultimo bilancio approvato, non può sapere che il debito non è di mia competenza. A questo punto mi toccerebbe fare ricorso al giudice ordinario (e non al giudice di pace, dato che superiamo i 2500 euro) e dover dimostrare in quella sede che il debitore non sono io.

    Spero che la procedura illustrata non sia corretta e che qualcuno mi possa smentire!
    So che sto correndo un po' troppo, ma dato che parliamo di una bella cifra (che tra l'altro non ho) vorrei trovarmi preparato e sapere cosa potrebbe aspettarmi e come mi dovrei comportare.

    Grazie per le eventuali risposte.
     
  4. rivinci

    rivinci Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    La competenza del Giudice di Pace è stata aumentata fino al valore di €5.000,00.
    In caso di decreto ingiuntivo dovrebbe avvalersi per legge dell'assistenza di un avvocato. L'avvocato, in caso di complessità, si avvarrebbe di un contabile che svelerebbe facilmente il trucco contabile.
    Prima di richiedere un decreto ingiuntivo le arriverebbe sicuramente un ulteriore sollecito.
     
  5. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Attenzione: per convenzione, sul forum ci diamo tutti del tu.

    Silvana
     
  6. kenwood

    kenwood Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Grazie per la chiarezza e per la risposta.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina