1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Si viene fuori da una tempestosa divisione giudiziale tra coeredi, pertanto come strascico è rimasta l'incompiuta determinazione dei nuovi confini per fortuna già predisposti dal ctu (tant'è che ognuno da un paio d'anni occupa grosso modo quanto assegnatogli) ma, purtroppo, senza determinarli in modo assolutamente preciso. Secondo le Vostre esperienze, si può obbligare un confinante non interessato a partecipare o assistere ai confinamenti (in pratica ci sono sentenze o norme giuridiche che possono obbligarlo ?) oppure ognuno, con propria iniziativa, può provvedere alla limitazione della propria quota, per il quieto vivere, magari cedendo qualche centimetro rispetto ai valori calcolati dal proprio tecnico sempre in rispetto del lavoro svolto del ctu, pur di non riaccendere mai sopiti rancori in quanto non a tutti i coeredi è andata bene la divisione giudiziale conclusa con un sorteggio ? Confido nei Vostri consigli ed esperienze avute in situazioni analoghe, pertanto Vi ringrazio anticipatamente. Buona giornata
     
  2. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Buongiorno, se la divisione è avvenuta giudizialmente, il CTU dovrebbe aver indicato i confini.
    Ogni proprietario potrà quindi esperire l'azione per apposizione di termini (art. 951 c.c.).
    Qualora invece i confini siano stati, almeno per alcune porzioni, determinati in modo insufficiente od incerto, i proprietari potranno ricorrere all'azione di regolamento dei confini (art. 951 c.c.).
     
    A Bagudi, ugo56, Rosa1968 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Avvocato, La ringrazio. Il ctu ha diviso le parti ma senza apporvi tutte le quote necessarie, nè ha accatastato la nuova situazione. L'accatastamento del riparto del ctu è stato fatto (cioè, a spese) dal sottoscritto fesso (ne avevo bisogno urgente per ottenere il mutuo per la ristrutturazione), rispettando le indicazioni della relazione del ctu, come da sentenza passata in giudicato, ma si dovrebbe poi mettere in pratica sul luogo, piccole cose ma necessarie. Al sottoscritto, ora, non sembra giusto spendere altri soldi per chiedere al giudice l'intervento di un tecnico, ovviamente da pagare (sia pur insieme agli altri), oltre a pagare il mio geometra che dovrà comunque assistere al sopralluogo. Insomma, se faccio la divisione solo col mio geometra cosa mi potranno fare gli altri se non invado l'altrui proprietà ? Esiste, comunque, della tolleranza con le quote ? Grazie.
     
  4. ab.qualcosa

    ab.qualcosa Membro Senior

    Agente Immobiliare
    A naso

    Oppure potranno essere d'accordo e non fare nulla.
     
    A Avv Luigi Polidoro piace questo elemento.
  5. ROSFRUM

    ROSFRUM Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Certo in base all'errore di misura degli strumenti di rilevazione
     
    A ugo56 piace questo elemento.
  6. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Su una distanza di 10 metri, ad esempio, qual'è la tolleranza, in cm., ammissibile ?
     
  7. ROSFRUM

    ROSFRUM Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Con beneficio d'inventario:
    Con tacheometri e stadia verticale: pecisioni nelle misure angolari di 50 secondi centesimali e nelle misure lineari da 10 a 20 cm ogni 100 m.
    Con teodoliti e distanziometri elettronici (dette stazioni integrate) a raggi infrarossi o laser per misure anche senza prisma di riferimento: precisioni nelle misure angolari di 10 secondi e nelle misure lineari da 0,50 a 1 cm.
    Informati presso il tuo tecnico di fiducia.
     
    A ugo56 piace questo elemento.
  8. CheCasa!

    CheCasa! Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Se parliamo di terreni, l'apposizione dei termini ovvero di picchetti inseriti nel suolo per determinare l'esatta posizione del confine deve essere effettuato in contraddittorio con la presenza dei due tecnici di parte e opportunamente verbalizzata. Si procede quindi nell'invio di apposita raccomandata con la quale si stabilisce ora e data del sopralluogo e si invitano i confinanti a partecipare con i rispettivi professionisti. A cosa potrebbe servire un confinamento che non individua il confine reale? Per quello avrai già la documentazione cartacea del CTU.
     
    A ugo56 piace questo elemento.
  9. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non credo qui si chieda l'errore di misura degli strumenti adottati. Credo si riferisca al fatto che spesso la determinazione dell'intera proprietà è a corpo, e che nella relazione del CTU alcune quote "necessarie" non siano indicate. Credo che la procedura di CheCasa si applichi comunque anche nel caso di Ugo.
     
  10. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Le distanze non raggiungono la lunghezza di 12mt. pertanto la tolleranza è da 1 a 2 cm. secondo lo strumento di misurazione. Naturalmente il mio geometra saprà, ma io volevo un po' rendermi conto prima. Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina