1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. roxi1965

    roxi1965 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao, ho bisogno di una piccola consulenza..è la prima volta che mi imbatto in qst problemi..
    Ho una villetta a schiera ad Anzio (rm) in aderenza laterale alle altre, con giardino solod avanti alla porta di ingress di irca 200 mq. Lateralemente confino col giardino del vicino tramite un muretto di 80 cm+80 cm di rete, sulla quale abbiamo fatto arrampicare, di comune accordo delle piante sempreverdi che sono state piantumate, sempre di comune accordi, dalla sua parte. il mio vicino ha deciso di estirpare le piante, togliere la rete ed alzare il muro a 2 metri, adduncendo mancanza di tempo per la manutenzione dele piante, il recupero di 80 cm di paszio interno e il dirittto alla privacy, chiedendomi di partecipare alla spesa al 50% perchè , ovviamente, il muretto è in comproprietà. Faccio presente che le piante coprono interamente e fittamente la rete che non ci si può nemmeno infialre un dito sia dalla mia parte che dalla sua..chi conosce i benjamin sa di cosa parlo..
    Non sono daccordo a rialzare il muro sia per una questione ecologica (distruggere 30 metri di piante mi sembra un omicidio) e poi di poco spazio, perchè i giardini sono larghi appena 5 metri e un muro così alto mi toglierebbe ariae luce, essendo in una villetta "di mezzo", e tengo a precisare che non è una questione economica. Le mie domande sono:
    1) posso oppormi all'utilizzo del muretto in comproprietà?
    2) se il vicino decide di costruirsi comunque il muro nella sua proprietà, posso vietargli di farlo attaccato al mio lateralmente?
    Scusate della ungaggine del messaggio..aspetto considerazioni.
    Grazie molte.
    Ros
     
  2. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Bisogna verificare la normativa in merito alle recinzioni nel tuo paese, ma 2 m di altezza son troppi sono abbastanza sicuro che non può farlo, poi deve comunque chiedere il tuo permesso altrimenti dovrebbe stare all'interno della sua proprietà ma non può assolutmante toglierti luce e spazio, se lo facesse da solo basterebbe rivolgersi all' ufficio tecnino del paese denunciare l'abuso e dovrà abbatterlo.
     
    A roxi1965 piace questo elemento.
  3. roxi1965

    roxi1965 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Il Regolamento Comunale edilizio legato alla DIA parla di altezza max 180cm, di cui 120 in materiale pieno e per i restanti pali e rete.
    Lui è venuto a chiedere , ma io gli ho già risposto di no, spiegandogli che non è una questione economica ma non voglio assolutamente che venga modificato l'assetto originario del costruttore.
    Ora approfitto della gentilezza per chiedere ulteriormente se è meglio, visto che è avvenuto tutto verbalmente, che gli invio una raccomandata AR (mi viene da ridere..gliela lancio con un aeroplanino da giardino a giardino) per tutelare i miei interessi, visto che lui ci abita, io no, e non vorrei trovare sorpresine..:confuso:
     
  4. EnzoDm

    EnzoDm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Assolutamente non può farlo ! Primo: perchè occorre l'autorizzazione dell'Ufficio Tecnico del Comune; Secondo: perchè occorre la tua autorizzazione visto che il muretto è comune ed indiviso, e, alzandolo di 2 metri ti toglierebbe (come dice Roby) luce e spazio. Nel caso in cui poi voglia fare il muretto nella sua proprietà e sia in grado di ricevere le eventuali autorizzazioni (tanto...siamo in Italia), dovrebbe erigere il muretto ad una distanza dal confine della tua proprietà tale che sicuramente non gli converrebbe.
     
  5. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Sarei interessato a leggere i riferimenti normativi relativi alle affermazioni fatte.
    Preso atto che prevale il Regolamento Edilizio Comunale citato da Roxi, vorrei ricordare che:

    art. 878 c.c.: Il muro di cinta ... che non abbia altezza superiore a 3 metri non è considerato per il computo della distanza indicata dall'art. 873.

    art. 886 c.c.: Ciascuno può costringere il vicino a contribuire per metà nella spesa di costruzione del muro di cinta ....(omissis) .. L'altezza, se non diversamnente indicato dai regolamenti locali, deve essere di 3 metri.

    art. 888. Esonero dal contributo nelle spese .......

    Da ultimo mi chiedo: esiste un regolamento di condominio, o indicazioni sulle caratteristiche delle recinzioni nei rogiti di assegnazione dei singoli lotti?
     
  6. roxi1965

    roxi1965 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Innanzi tutto..grazie a tutti per il gentile interessamento!!
    Rispondo a BASTIMENTO: siamo un gruppo di quattro villette a schiera e purtroppo non abbiamo un regolamento condominiale. Sono andata a vedere sulle planimetrie originali (ce l'ho di tutto il fabbricato, quindi anche delle altre tre) e tra una villetta e l'altra la recinzione è stata fatta così come scritto sul regolamento edilizio che ho trovato su internet.
    Mannaggia..non pensavo che fosse così difficile..
    :disappunto: (l'emoticon ci sta tutta!!!)
     
  7. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Non romperti la testa,.... non è il caso.
    Intanto se hai la planimetria originale ed il regolamento edilizio presuppone divisori in muratura h=120, non mi preocuperei più di tanto. Tra un sorriso e l'altro conferma la tua posizione con la ... raccomandata. (esisterebbe anche quella a mano, all'aeroplanino sembra non ci siano ancora arrivati).

    Il punto diventa la siepe: il tuo vicino non è obbligato a mantenerla: se ti interessa proponigli di trapiantarla sul tuo giardino. Se fatto nella giusta stagione forse le piante riusciranno ad attecchire ed in breve riformeranno una buona barriera visiva. In alternativa forse il vicino ti sta chiedendo di contribuire alle spese per la manutenzione della siepe: anche questo è ragionevole visto che lui si è assunto l'onere di piantarla dalla sua parte.

    Un accordo di buon vicinato è sempre da preferire. Saluti:stretta_di_mano:
     
  8. roxi1965

    roxi1965 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Caspita.. al fatto del contributo delle spese di manutenzione della siepe nn ci avevo pensato ed hai ragione..magari posso provare a proporglielo..il trapianto delle piante lo vedo arduo, primo perchè mi aveva accennato al fatto che una persona gliele avrebbe pagate una volta estirpate, poi perchè sono fittamente intrecciate nella rete.
    Grazie dei consigli.
    ;)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina