1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Mario Russo

    Mario Russo Membro Junior

    Privato Cittadino
    sono proprietraio di un appartamento comprato in comunione di beni con la mia ex moglie a cui ora è stato lasciato in uso (poichè affidataria di due figli); sul 730 dichiaravo la comproprietà al 50% -come prima abitazione-, anche se ero in affitto altrove.
    Dopo il divorzio ho comprato un appartamento in cui ho eletto la residenza (quindi da considerare questo come prima abitazione): ADESSO COME DEVO DICHIARARE IL PRECEDENTE APPARTAMENTO LASCIATO IN USO (da sentenza del Tribunale) ALLA MIA EX MOGLIE??
    spero non come seconda casa ....
     
  2. gigi85438

    gigi85438 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    sul 730 alla colonna "2" devi dichiararlo con il codice 10 (dato in uso a familiari)
    non paghi IRPEF in quanto assorbita da IMU.
     
    A Mario Russo piace questo elemento.
  3. Mario Russo

    Mario Russo Membro Junior

    Privato Cittadino
  4. Mario Russo

    Mario Russo Membro Junior

    Privato Cittadino
    per gigi 85438:
    nonostante il tuo consiglio, mi sa che ho comunque sbagliato a compilare il 730, infatti nel quadro B alla colonna "utilizzo" ho indicato il n 1 per l'abitazione e n 5 per le pertinenze e non il n 10 come avevi suggerito tu. ora non ricordo il perchè, forse perchè avevo chiesto consiglio dopo l'invio del 730. Immagino che avrò pagato l'IRPEF su questo immobile, o no?
     
  5. gigi85438

    gigi85438 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    no. sull'immobile assegnato al coniuge si paga l'IMU, solo al comune, come prima casa. quindi non dovresti pagare IRPEF ne addizionali.
    le istruzione per il pagamento dell'IMU parlano chiaro:
    si considera abitazione principale anche l'immobile assegnato dal giudice alla ex moglie.
     
    A Mario Russo piace questo elemento.
  6. Mario Russo

    Mario Russo Membro Junior

    Privato Cittadino
  7. ludovica83

    ludovica83 Membro Vintage

    Privato Cittadino
    Concordo appieno con gigi.
    Inoltre con la circolare n. 2/DF del 23 maggio 2013, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha voluto chiarire alcuni aspetti relativi alla prima rata IMU nel caso di immobile assegnato all’ex coniuge.
    Il comma 12-quinquies dell’art. 4 del D. L. 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 aprile 2012, n. 44, stabilisce che, ai soli fini dell’applicazione dell’IMU, “l’assegnazione della casa coniugale al coniuge, disposta a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, si intende in ogni caso effettuata a titolo di diritto di abitazione”.

    Le agevolazioni inerenti l’abitazione principale e relative pertinenze sono riconosciute al coniuge assegnatario della ex casa coniugale, in quanto titolare del diritto di abitazione (art. 4, comma 12 del D.L. n° 16 2012) per il quale è sospeso il versamento della prima rata dell’IMU.

    Tale sospensione opera anche a favore del coniuge non assegnatario relativamente all’immobile dallo stesso adibito ad abitazione principale.
     
    A Kurt e gigi85438 piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina