1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Dopo una sentenza di divisione giudiziale passata in giudicato, l'atto formale di divisione è affidato in sentenza ad un notaio nominato dalla parte più diligente (io) e confermato pure dagli altri 3 fratelli.
    La sentenza attribuisce a me un immobile e dovere dare un conguaglio di 20000 euro al altro erede aggiudicatario per sorteggio di una certa quota B del piano di divisione del CTU. Avvicinandosi, dopo innumerevoli altre liti e discussioni, ho scoperto che uno degli immobili del sorteggio fra gli altri 3 eredi ha la piantina catastale diversa dalla situazione reale : vi sono nell'edificio abusi, quale un portone d'ingresso, che in piantina è una finestra, 2 locali a cucina non elencati in pianta, una soffitta grande quanto tutto il villino, con altezza al centro sui 2 metri ed a 0 metri ai lati longitudinali, non segnata sulla piantina catastale, 2 terrazzi laterali, ove si aprono il portone ed una porta finestra segnati come finestre, non segnati in piantina, una tettoia esterna attrezzata con cucina in muratura non segnati in piantina. Alla morte di mio padre l'edificio benchè finito da decenni, non era catastato. Una delle mie sorelle, ad insaputa degli altri fratelli, fa accatastare l'edificio con "piantina diversa dal reale" al fine di diminuire la consistenza catastale. Il notaio consiglia a noi fratelli di firmare la conformità in atto, così non c'è nullità ed anche lui è salvo.
    Io non voglio firmare e chiedo che mia sorella elimini gli abusi da lei fatti e riaccatasti. Gli altri fratelli mi accuano di bloccare la divisione per una cosa che non mi riguarda, in quanto a me è destinato un altro immobile ad a loro non importa firmare il falso ( per di più ben consigliati dall "onesto" notaio super-partes???????? ).

    Io non voglio dichiarare il falso. Cosa mi consigliate : ritornare dal magistrato della divisione ? Fare denunzia in Comune e Catatsto ? Grazie
    Valerio
     
  2. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Ciao Valerio Spallina
    Da come hai descritto la situazione mi pae che ci sia un errore di fondo e mi spiego.
    Il c.t.u. per procedere alla valutazione dello stato di fatto doveva farlo presente nella perizia dell'esistenza di queste parti abusive che comunque vanno valutate e dare nelle conclusioni oltre al valore dei singoli immobili anche cosa fare per sistemare sia la situazione urbanistica che catastale, vedi se nella perizia c'è mensione di questo.
    Inoltre un pubblico ufficiale quale è un notaio non dovrebbe consigliare di dichiarare un illecito, è contro le mansioni alle quali è demandato un notaio di fare osservare.
    Ciao salves
     
  3. Grato velocità di risposta, ti preciso che il CTU cita solo 2 abusi definendoli " piccoli" : l'unico portone di ingresso segnato in pianta catastale come "finestra" ed un angolo cottura creato in una camera da letto in modo da utilizzare un solo piano del villino (che ha tre piani ). Non cita come differenze rispetto alla piantina : La soffitta pari all'intero piano 100 mq (altezza al centro 2m e O ai lati long-tetto a 2 falde con 4 finestre, accessibile da botola interna I piano)-2 grandi terrazzi laterali su uno dei quali si apreil portone 'ingresso' segnato "finestra" in piantina-il lll piano sottoterrazzo con accesso indipendente è un vero appartamentino di wc-K-(non segnata)+2 vani lettp (segnati come ripostigli)-questo appartamento è abitato dal custode del villino ma forse non ha mai avuto abitabilità. Il notaio mi ha sorpreso e sconcertato : ha detto se firmano tutti i 4 eredi, lui è a posto e non c'è rischio perchè i 4 eredi sono tutti coinvolti. Ora ho ii 3 fratelli nemici mortali perchè io sono il rompi........!Comunque io non firmo conformità a costo di perdere tempo e danaro. Farò denuncia a POLIZIA MUNICIPALE, CATASTO ....E' una vera vergogna che un notaio istighi a violare la legge pur di fare un atto. Ciao
     
  4. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Mi viene in mente ma al momento del deposito della perizia da parte del c.t.u. ti sei accorto di quanto non aveva mensionato?
    Perche non hai agito con una perizia di parte per far si che il giudice avesse ben chiara la situazione?
    Tramite un legale vedi cosa adesso puoi fare.
    Ciao salves
     
  5. All'epoca della perizia (anno 2006) non diedi importanza ai contenuti della perizia(CTU 7000,00 euro ), in quanto decisi con i miei fratelli che non valeva la pena spendere in controperizie ( ci siamo soffermati sui valori economici, tutti più bassi di quelli di mercato, ma in proporzioni similari - non si pensò alle irregolarità catastali, presenti in un solo immobile su 6 ). La sentenza è uscita nel febbraio 2011 ed era uscito il dl 78 del maggio 2010. Nel maggio 2010 fino al settembre 2010, ultima udienza nessun legale delle parti notò che ci potevano essere difficoltà al momento dell'atto di divisione. Oggi il notaio chiede si firmi "la conformità" fra piantine e situazione reale ed io sto opponendo il rifiuto, mentre gli altri coeredi sono pronti alla dichiarazione mendace. In sintesi : sentenza passata in giudicato, io non firmo conformità, niente atto di divisione. Parlerò con avvocato ma la mia idea è, se possibile, chiedere al catasto di riaccatastare l'immobile, con conseguenti costi e sanzioni ( se abusi sanabili) cercando di fare pagare la responsabile che è mia sorella (dimostrabile) o pagare la mia quota di costi. Grato tuo parere se sono scriteriato o meno. Ciao Valerio
     
  6. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Legalmente in caso di verbale per abusivismo a chi viene intimato il ripristino, sono in solido tutti i peoprietari, poi sta a chi realmente li ha realizzati accettare l'accollo delle spese altrimenti dovrete pagare tutti.
    Ciao salves
     
  7. Sono cosciente di quanto dici, le alternative che restano mi sembrano solo:
    -causa di responsabilità a mia sorella, preventiva alla denuncia di abusivismo( spese ed anni per poi dovere comunque sanare ) per ottenerne la condanna
    -fare "la dichiarazione mendace" di conformità (reato di falso in atto pubblico, che può venire fuori o meno, ma comunque non mi va di commettere reati)
    E' un bel problema, causato dagli avvocati della causa di divisione e dal CTU
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina