specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
Ciao a tutti. È la mia prima discussione e cercherò di essere conciso.
Purtroppo recentemente è morta mia madre ed essendo io contitolare con lei di un conto corrente a firme disgiunte ho estinto il conto qualche giorno dopo la morte (incassando c.ca € 200 di giacenza), anche per evitare il successivo accredito delle pensioni a lei intestate.
Esistendo un'eredità un po' "scomoda" che vorrei riservarmi di accettare, sono ancora nel diritto, dato che le firme erano disgiunte, oppure questa manovra potrebbe essere configurata come una tacita accettazione dell'eredità?
Grazie a tutti per le eventuali risposte.
 

Stefano Amato

Membro Attivo
Agente Immobiliare
rispondendo a volo le direi: la tacita accettazione risulta da atti dispositivi sui beni appartenuti al de cuius, resta comunque l'opzione del "beneficio d'inventario" che potrebbe essere comoda in casi di eventuali problematiche debitorie, che però non saprei però dirle con quale modalità và attuata.
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
rispondendo a volo le direi: la tacita accettazione risulta da atti dispositivi sui beni appartenuti al de cuius, resta comunque l'opzione del "beneficio d'inventario" che potrebbe essere comoda in casi di eventuali problematiche debitorie, che però non saprei però dirle con quale modalità và attuata.
Grazie per la risposta. Il beneficio d'inventario in questo caso è da escludere, perchè mia madre non aveva debiti, ma solo una piccola quota di eredità che per vari motivi vorrei riservarmi di accettare. Quanto al conto corrente, non credo che si possa parlare di atti dispositivi sul "patrimonio" di mia madre, in quanto la firma disgiunta permette qualsiasi tipo di operazione; infatti anche la banca non ha avuto nulla da eccepire.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
condoglianze.
oggettivamente, vista la cifra risibile sul conto (immagino avrai movimentato prima), forse avresti fatto meglio a mandarlo in successione).
la chiusura come l'hai fatta? comunicando il decesso della mamma o che altro?
 

specialist

Membro Storico
Privato Cittadino
condoglianze.
oggettivamente, vista la cifra risibile sul conto (immagino avrai movimentato prima), forse avresti fatto meglio a mandarlo in successione).
la chiusura come l'hai fatta? comunicando il decesso della mamma o che altro?
Grazie. La cifra è sempre stata più o meno quella, perchè facevo tutti i mesi bonifici per pagare la casa di riposo.
Ho comunicato il decesso alla banca, chiuso il conto e ricevuto in seguito il bonifico della rimanenza su un altro conto corrente.
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
quindi hai agito nella massima correttezza e trasparenza.
quello che mi fa strano è che la banca avrebbe dovuto mettere il blocco sul conto e poi iniziare le pratiche di successione (che, se sei l'unico erede, per la banca si riducono alla produzione dell'atto notorio e se non dell'atto sostitutivo).

secondo me la banca, per non impicciarsi e visto l'importo limitato, ha fatto finta di niente e ha chiuso il conto in modo "ordinario", come se gli intestatari fossero vivi.
se è davvero così, normalmente direi di stare tranquillo; è una cosa che si fa "normalmente" un po' con la connivenza del bancario di fiducia.

però se le rogne con l'eredità sono con qualcuno di particolarmente puntiglioso, passo parola a chi è legalmente più preparato di me.
 

Gratis per sempre!

  • > Crea Discussioni e poni quesiti
  • > Trova Consigli e Suggerimenti
  • > Elimina la Pubblicità!
  • > Informarti sulle ultime Novità

Le Ultime Discussioni

Alto