1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Sylvestro, chiarisci meglio quello che vuoi esporre.
     
  3. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Sta tutto nel titolo: viene dichiarato (non so se consapevolmente o meno) che bisogna favorire l'erogazione dei mutui a chi non se lo può permettere. Non so a voi, ma a me detta così suona male ...
     
  4. andrea b

    andrea b Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Interessante. Ho dei risparmi: posso mettermi fra quelli che daranno soldi in prestito a chi non può restituirmeli? C'è una trafila particolare o è a libero accesso? Mi sembra un'ottima soluzione per la crisi dell'immobiliare, ma se estesa anche ai prestiti e pagamenti a rate, potrebbe risolvere tutta la crisi mondiale...
     
  5. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    non mi è chiaro chi dovrebbe metterci i quattrini a rischio....
     
  6. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Cassa Depositi e Prestiti
     
  7. ivanmi

    ivanmi Membro Attivo

    Altro Professionista
    Cioè i correntisti postali.
     
  8. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    appunto....
    non so quanto possano essere felici.
     
  9. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Scusate ma non vedo una grande differenza concettuale con quanto fatto dalle banche negli ultimi vent'anni.
    Dare soldi agli immobiliaristi "un certo tipo di immobiliaristi si intende, diciamo a quelli balzati agli onori delle cronache", ai grossi gruppi industriali quali ad esempio Parmalat e Cirio, agli amici e agli amici degli amici non era forse già dare soldi a chi non poteva permettersi di restituirli?
    ...con l'aggravante che questi signori avevano ed hanno tuttora un peso economico e politico tale da non correre nemmeno il rischio gli venga richiesto di farlo.
    Ci sono gruppi industriali nel nostro paese con un'esposizione tale da dover essere comunque finanziati ancora, e ancora...perchè chiedere il rientro significa farli fallire e visti i capitali in gioco anche chi glieli ha prestati potrebbe non trovarsi in una situazione comoda.
    Qualcuno si è mai preso la briga di verificare quali esposizioni gravano su primarie aziende italiane in relazione al patrimonio e quali quotazioni in relazione ai fondamentali?
    E' da subito chiaro che fare questi discorsi non porta a nulla, ci si preoccupa sempre delle briciole date in pasto alla povera gente dimenticandosi che il pesce inizia a puzzare sempre dalla testa.
     
  10. skywalker

    skywalker Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Il ruolo delle banche è da sempre quello di ricevere denaro e di farlo fruttare prestandolo. Oggi, come sa chiunque ci abbia provato a chiederglielo, le banche il denaro non lo prestano più. Senza credito non ci può essere sviluppo. Senza credito le imprese soccombono e licenziano. Senza credito è impossibile per chiunque non sia “ricco di suo” creare un’attività. E siccome chi oggi è ricco di suo tra il rischio di un investimento e il comodo porto dei Bot preferisce certamente la seconda attività, comprendiamo perché la disoccupazione sia raddoppiata in soli 4 anni. Le banche non sono l’unico problema, però sono uno snodo centrale e sono una metafora della crisi Italiana dovuta alla capacità della classe politica di occupare lo spazio che dovrebbe essere di quella civile. Non importa se non funziona, l’importante è mantenere la poltrona.
    Il Fmi (non sarà il Vangelo, però i numeri li sanno leggere) ci dice che la causa di ciò è la sottocapitalizzazione delle nostre banche. In parole povere vuol dire che se non hanno soldi non li possono prestare. Una banca che si trova in questa situazione ha una sola soluzione se vuole continuare a operare: chiedere ai suoi azionisti nuovi soldi. In Italia questo non è possibile. Non lo è perché, per quanto formalmente “privati”, tutti i maggiori istituti italiani sono propaggini del sistema politico. Quando 20 anni orsono il Tesoro decise di vendere la maggioranza delle azioni, per mantenere il controllo i politici italiani inventarono il trucco delle fondazioni bancarie, che mantennero la quota di controllo (sufficiente a nominare i manager). Fu una finta privatizzazione, perché a decidere chi comandava restava sempre la politica. E’ questo il motivo per cui le banche sono rimaste senza soldi; perché li hanno prestati non a chi li meritava, ma a chi il politico di riferimento ordinava.
    L’unica soluzione sarebbe, appunto, di chiedere ai soci di tirare fuori il grano. Ma se ciò avvenisse, le fondazioni perderebbero il controllo degli istituti perché non avrebbero il denaro sufficiente per coprire la loro parte, e la perdita del controllo significherebbe che i partiti non potrebbero più nominare i manager e questo il sistema non lo potrebbe accettare. Quindi preferiscono tirare a campare continuando a evitare di dirci che i soldi che hanno prestato non esistono più perché li hanno prestati agli amici degli amici, che se li sono pappati. Se si facesse pulizia nei conti, la quasi totalità delle nostre banche sarebbe fallita. Allora si preferisce prendere i soldi dei cittadini e “prestarli” a loro; ma un prestito è un prestito quando esiste la possibilità che venga rimborsato, altrimenti si chiama regalo. I cosiddetti “Monti bond” che hanno salvato l’Mps appartengono a questa categoria. Non è questione di essere di destra o di sinistra per rendersi conto che ciò è assurdo.
    Esistono solo due soluzioni possibili a questa situazione. Se è il mercato a decidere, allora i soldi li devono tirare fuori i privati, guadagnandoci se son bravi e perdendoci se cattivi. Se invece siamo noi (lo Stato) a metterci il grano, è giusto che siamo noi a possederle, quindi una sorta di ri-nazionalizzazione del sistema. A prima vista la soluzione più ragionevole è un mix delle due precedenti; lasciare ai privati quello che i privati possono salvare e fare intervenire lo Stato laddove ciò non è possibile. Per parare l’obiezione che già sento arrivare (ai privati il salvabile, al pubblico le carrette) ricordo che lo Stato è già garante di tutto il sistema bancario e che, in caso di fallimento, dovrebbe comunque intervenire a coprire il buco. All’obiezione di chi invece dice che riportare al Tesoro la proprietà non significa certo eliminare l’influenza della casta, rispondo che è vero ma almeno esiste la speranza che a nominarne i vertici non sia il solito capobanda locale.
     
  11. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    In linea di principio potrei anche essere d'accordo, ma (ammesso che quella dichiarazione corrisponda a verità e non sia un lapsus freudiano di chi ha parlato o di chi ha scritto) stavolta ci sono almeno tre differenze.

    Un conto sono le banche private che impiegano le proprie riserve con ... "clienti preferenziali" in progetti di dubbia efficacia, altro è un organismo parastatale di tutela del risparmio che impiega i soldi dei risparmiatori in progetti dichiaratamente fallimentari.

    A me risulta che molti siano finiti in galera.

    Fa parte del gioco; al netto degli inquinamenti per collusioni o amicizie le banche finanziano progetti che possono anche rivelarsi fallimentari, è parte del loro mestiere.

    No, caro, qua la faccenda è diversa. Se è vera la dichiarazione, anzi, se è vera nelle intenzioni dell'utilizzo che si farà nella realtà dei soldi di CdP, qua si sta scientemente decidendo di inguaiare dei poveri cristi con debiti irrestituibili.
     
  12. sylvestro

    sylvestro Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Tu al loro posto presteresti?

    Ok, ma se (purtroppo) sono fallite e falliscono aziende storiche che già sfruttavano i crediti figuriamoci con che voglia le banche ne finanzierebbero di nuove.

    Concordo.

    Mamma mia che pappardella sulle banche :D

    ll punto secondo me è un'altro (sempre che sia vera la dichiarazione): si sta dando vita un'altra volta ai maledetti mutui subprime. Trovo stupido ed autolesionista imboccare una strada sapendo già che scatenerà disastri.

    Poi passa un'altro principio, non so fino a che punto chiaro, altrettanto pericoloso come l'impiego dei risparmi privati inconsapevoli per prestare soldi a chi non può restituirli o lo sgravare le banche dal rischio del prestito: non è più la gente ad aver bisogno di un aiuto per comprare casa ma è la casa ad aver bisogno di aiuto per essere comprata.

    Un ribaltamento di ruoli che la dice lunga su cosa ci aspetta nei prossimi anni. Per chi vuol capire.
     
    A Hyperion e andrea b piace questo messaggio.
  13. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    beh, oddio, a fronte delle richieste di capitale, a mia memoria "recente", molte fondazioni hanno risposto presente.
    non è il caso di MPS, ma lo è per unicredit e banco popolare.

    Io - da... insider - le idee non le ho molto chiare.
    di sicuro le banche sono passate dal prestare quattrini a cani e porci (cagnetti e cagnoni, porconi e porcellini) in periodo di grassa allo stringere i cordoni peggio di arpagone in tempi di magra.
    con tanti saluti alla funzione di anticiclicità che le banche dovrebbero ricoprire...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina