1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. PoLiImmobiliare

    PoLiImmobiliare Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    saluti a tutti, sono un agente immobiliare che da tempo legge ed apprezza il blog ed il forum, ma che non ha mai partecipato.
    Questa mattina però è successa una cosa che ha dell'incredibile, e che sento la necessità di condividere con colleghi e lettori (da una parte per sfogarmi un po', dall'altra per mettere nell'avviso altri che potrebbero cadere nella stessa situazione).
    Premessa: nel 2003 effettuo la vendita di una villetta in corso di costruzione. Alla mia richiesta di pagamento della provvigione l'acquirente mi chiede di avere pazienza sino al rogito, perchè non ha disponibilità, deve fare il mutuo, ecc... Inoltre mi racconta che in un'altra occasione aveva pagato subito e l'agenzia in questione non si era più fatta vedere, mentre lui aveva piacere di essere seguito sino al rogito.
    Tra l'altro mi propone di vendere un suo appartamento, ma non mi firma mai l'esclusiva.
    Il suo appartamento lo vende da solo, nel 2004 arriva al rogito della nuova villetta e continua a prendere tempo per il pagamento e pretende di trattare la cifra, inizialmente gli avevo proposto di fare solo l' 1 % a fronte di un mandato di vendita in esclusiva del suo appartamento. Poichè il suo appartamento l'ha venduto da solo richiedo il 2 %. Lui propone di pagare lo 0,5 % ( ??? ). Piuttosto che fare una causa sono disposto a mantenere l' 1 %, ma lui non accetta. Al che passo tutto al mio avvocato ( è la prima volta che faccio causa ad un cliente ).
    Oggi mi arriva la sentenza.
    Il succo è: il giudice non mette in discussione il mio diritto alla mediazione, ma siccome l'affare si considera concluso al compromesso e la mediazione si prescrive in un anno, nulla mi è dovuto !!!
    Quindi oltre a non avere ricevuto 3.000,00 euro di mediazione ( scontata all' 1%) devo pagare spese processuali per 4.118,00 euro più l'onorario del mio avvocato.

    La morale di questa storia qual'è ?
    Che fanno bene quelle agenzie squali che chiedono l'assegno per la mediazione prima di quello per la caparra ??
    Che non bisogna comprendere le esigenze ed a volte anche le difficoltà economiche dei clienti, e pretendere tutto subito ??

    Sono veramente disgustato.
    Da una parte vorrei fare ricorso per una questione di principio, ma il mio avvocato dice che la sentenza sotto l'aspetto giuridico è corretta.
    Quindi andrei incontro solo ad altre spese.

    Saluti, Luca
     
  2. Patty

    Patty Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Re: ... sulla giustizia italiana ...

    Mi dispiace per te Luca ma purtroppo è vero che la mediazione si prescrive in un anno :triste:
    Ma non avevi mai mandato delle raccomandate di sollecito? Sempre ammesso che queste sospendano i termini di prescrizione perchè non è detto che siano sufficienti, magari qualcuno che ha vissuto una situazione simile alla tua potrà arricchire questo argomento aggiungendo anche la sua testimonianza.
    Comunque Luca, per la legge dei grandi numeri, è naturale imbattersi in questo tipo di difficoltà, peccato però che il tuo avvocato non fosse a conoscenza di altre sentenze analoghe.
     
  3. Roby

    Roby Fondatore

    Agente Immobiliare
    Ovvio che ci voleva la pescrizione, sono tutt'ora in causa con un cliente che si è rifiutato di sottoscrivere il prelimenare di compravendita perchè la moglie ha cambiato idea, ho pazientato fino adesso, ma ora passo alla causa, intanto è passato quasi un anno e il mio avvocato ha mandato lettere per far cadere la pescrizione.
    Fossi in tè un pò me la prenderei col mio avvocato, la parcella la rivedrei di sicuro.
    HA sbagliato, a meno che non sia passato un anno dalla richiesta delle provvigioni, ma in questo caso peggio ancora, doveva
    informarsi e dirti che era inutile andare in causa perchè perdevi sicuro.
    INsomma quando sbagliamo noi ci fanno neri, quando sbagliano gli atri??
    ciao Roby.
     
  4. Massimo Brancaleoni

    Massimo Brancaleoni Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Luca ciao sono solidale con te, purtroppo penso che quello che dice il tuo legale riguardo i tempi di prescrizione sia corretto.................
    Sono queste le lezioni giuridiche e professionali che talvolta caschiamo noi agenti un buona fede, e sottolineo buona fede.
    Il fatto è che bisogna essere prevenuti e malfidenti con certi soggetti, meglio prendere noi l'iniziativa e tutelarsi, mandando la classica raccomandata, per interrompere la prescrizione, così almeno si mettono le mani avanti.
    Anche io sono in causa con un cliente cha ha provato ad aggirare la mia agenzia, ma ho buone possibilità di spuntarla.
    UN CONSIGLIO CHE DO' A TUTTI, CONSERVATE I TABULATI TELEFONICI CHE VI ARRIVANO CON LE FATTURE, VODAFONE, TELECOM, O DI ALTRI GESTORI, E SE NON VE LI MANDANO RICHIEDETELI.
    Sono una prova che ci è stato un contatto tra di voi ed il furbetto che vi vuole fregare, quando ho consegnato il tabulato telefonico al mio legale che mi rappresenta in una causa, dove si vedeva il n. del cliente "furbetto" che dice di non aver avuto rapporti con la mia agenzia, non ci credeva................. e gli ho spiegato che basta richiederli e il gestore te li manda.
    In bocca al lupo Luca, un saluto Max da Trento.
     
  5. Rippi

    Rippi Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    Secondo me (a naso, non ho basi legali per affermarlo) bisogna farsi dare un acconto, anche piccolo.
     
  6. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Beh, l'avvocato a cui ti sei rivolto doveva informarti che ti imbarcavi in una causa persa in partenza perchè la prescrizione si era già compiuta. Cerca almeno di limitare i danni non pagandogli la parcella visto che ti ha imbarcato in una causa temeraria.
     
  7. Mi spiace Luca per la tua vicenda, purtroppo che ti devo dire che mi sono imbatutto anche io in una causa con un cliente che dopo aver concluso tutto correttamente un contratto di locazione, il Conduttore non mi ha mai pagato la provvigione, senza nessuna motivazione.

    Siccome avevo prove, carte firmate e quindi da parte mia ero tutto in regola, ho passato tutto in mano all'avvocato.

    Morale della favola? Ho vinto la causa, il giudice mi ha dato pienamente ragione e ha "intimato immediatamente di pagare la provvigione dell'agenzia". Ma sapete quale sorpresa c'è stata? Che il tipo ha una pensione ed ha gia altri protesti sopra. Praticamente a questo gli hanno protestato anche le mutande che porta. :triste:

    Quindi vinta la causa, ma non risolto nulla perchè questo è inattaccabile. :rabbia:

    Quindi a volte anche se si dovesse vincere una causa, non è sempre detto comunque che si recuperano i soldi.

    Nel mio caso diciamo che ho avuto solo una soddisfazione morale.

    Comunque Luca sono d'accordo con gli altri, ritratta alla grande la parcella del tuo avvocato.

    Ora Luca lasciati la cosa alle spalle, rialzati e vai avanti per la tua strada. Purtroppo in giro c'è molta gente scorretta.

    Un caro saluto.

    Marco
     
  8. Sandro 7942

    Sandro 7942 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Un consiglio che do a tutti:

    quando raccolgo una proposta d'acquisto (nella quale viene specificata la provvigione da versare all'agenzia in sede di accettazione della stessa) faccio sempre compilare un secondo modulo molto semplice e uguale sia per venditore sia per acquirente.
    In brevi termini c'è scritto che l'acquirente si impegna a riconoscere all'agenzia la somma di € XYZ per la conclusione dell'affare avente per oggetto immobile posto in Ivrea viataldeitali n°1000.
    Non so quanto possa servire a livello legale, ma come deterrente psicologico è già ad un buon livello.

    In più, una cosa molto importante, è l'emissione della fattura! Se io ho un pezzo di carta nel quale Tizio dichiara di riconoscermi un certo importo, posso emettere fattura; e la fattura se non sbaglio è il mezzo migliore per esigere un pagamento!
     
  9. Arbetimmobiliare

    Arbetimmobiliare Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    E' proprio qui il problema, la mediazione di si prescrive dopo un anno. Quando i clienti temporeggiano bisogna diventare squali e andare subito dall'avvocato altrimenti ciccia.
    <Ciao FAbrizio
     
  10. mariluz

    mariluz Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    ciao luca sono mariluz ho letto ora la tua storia. che tristezza! ma non tu la tua storia. ti capisco perche' cose analoghe sono accadute anche a me nonostante la mia giovane eta' pensavo di mettere i capelli bianchi
    ma ho resistito. purtroppo la provviggione nella bocca del venditore o acquirente è una bestemmia non va mai nominata neanche in vano.comunque io nel mio lavoro la percepisco al rogito e non prima.se al rogito non vedo assegni non si fa l'atto. tu devi vedere le facce dei clienti quando devono staccare l'assegno. facce tirate come una corda di violino,occhi lucidi fazzoletto in mano.comunque la prossima volta fin dall'inizio del mandato concorda bene tutto e mi raccomando fatti fare l'incarico in esclusiva.ciao un abbraccio mery :risata: :risata: :risata:
     
  11. Maria Rosaria

    Maria Rosaria Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    caro collega è successo anche a me per una locazione e non è giusto ma tu non sei assicurato ,purtroppo io adesso sono anche ctu del tribunale ed ho capito che dobbiamo essere fiscali sempre di piu perchè il nostro settore non è molto cautelato in legge anzi siamo sotto certi aspetti mal visti vedi se riesci a far passare i 5 anni dalla sentenza e così va in prescrizione .
     
  12. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Ciao Luca, a me è successo due volte d'andare per via legale per recuperare le mediazioni ed in entrambi i casi, avendo testimonianze, ho vinto la causa, però soldi non ne ho mai presi perché la prima volta il cliente era indebitato e tutto ipotecato con le banche, la seconda i soldi se li è presi tutti l'avvocato, oltre i miei, come parcella.....ah no c'è stata anche la volta in cui davanti alla stipula del preliminare, dopo aver faticato per mesi per arrivare ad un accordo fra le parti, quella acquirente mi dice che non sapeva di dover pagare anche l'agenzia, e se così era non avrebbe firmato nulla, che fare? oramai senza nulla in mano avrebbero comunque concluso fra loro, quindi a quel punto era meglio prendere almeno i soldi del venditore,ed all'acquirente(visto che era una parrucchiera) dissi che avrebbe pagato fornendo la sua opera manuale.Ci andai qualche volta, poi siccome m'imbarazzavo smisi (lei avrebbe dovuto dare lire 1.600.000 più IVA)
    A conclusione delle mie esperienze: sono dell'idea che prima d'imbarcarsi in un recupero di provvigione è meglio parlar chiaro con l'avvocato, ed eventualmente mettere per iscritto gli accordi, questo se ne vale la pena a fronte della somma da recuperare, altrimenti lasciare stare soprattutto se non si è fatto firmare impegnative.
    Poi un ultimo consiglio a conferma di quanto ha detto un collega di sopra, cioè con l'avvocato cerca di trovare un accordo e sconto sulla somma che ti ha chiesto, con pagamento dilazionato, perché egli è sicuramente responsabile di quanto ti è successo; ha mancato nel tuoi confronti facendo in modo di farti trovare in torto con la prescrizione del diritto di mediazione.
    Non fidarti più di nessuno se non è disposto a mettere per iscritto ciò che promette! Ciao Anna
     
  13. antoniapalma

    antoniapalma Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Beh..sinceramente leggendoti, Luca, mi è venuto spontaneo chiedermi : ma che avvocato è!!
    Sicuramente tu avresti dovuto saperlo che il diritto si prescrive in anno. Ma è sicuramente grave che il tuo avvocato faccia una causa già persa in partenza. A questo punto che fare? Oltre al danno, la beffa di dover pagare spese processuali e onorario avvocato.
    Io al posto tuo andrei subito da un altro avvocato( questa volta informandomi sulla sua serietà) per farmi dare un consiglio su come limitare i danni. Sicuramente l'avvocato ( il primo) sarà assicurato e..quindi.
     
  14. claudio vesentini

    claudio vesentini Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Hai verificato bene la data certa in cui si è verificato il tuo diritto di mediazione?
    Non può essere che il diritto di mediazione sia maturato quando ha venduto casa sua?
    A volte si stampano i preliminari con la data e vengono firmati in un' altra. Sicuramente avrai qualcuno che ti ha visto quando hai firmato. Inoltre hai la fattura di pagamento dell' impresa?
    Secondo me se verifichi il tutto qualcosa salta fuori.
     
  15. PoLiImmobiliare

    PoLiImmobiliare Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    In realtà sembra che nessun tipo di documento scritto (neanche la fattura emessa ) possa valere dopo un anno. Entro un anno dalla conclusione dell'affare bisognerebbe fare comunicazione di messa in mora al cliente per mancato pagamento.
    Ma se io concordo con il cliente un pagamento al rogito, ed il rogito viene effettuato a più di un anno di distanza dal compromesso, come posso metterlo in mora per un pagamento non ancora scaduto ?
    Saluti,
    Luca
     
  16. Patty

    Patty Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Siccome è successo anche a me (per le locazioni), cerco di dirlo più volte a tutti i miei clienti anche quando non hanno ancora trovato l'immobile giusto, comunque, a scanso di equivoci, ho appeso in bacheca un foglio con le tariffe applicate in agenzia, a chi spetta pagarle, e i due articoletti del codice civile che sanciscono la cosa, così mentre aspettano si fanno una cultura :D
     
  17. antoniapalma

    antoniapalma Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Io, invece, in agenzia ho messo un piccolo cartello con la scritta: In questa agenzia la correttezza è cosa gradita" Ultimamente mi stanno scambiando con la croce rossa!!!
    Comunque, ritornando al problema, se si è concordato che la provvigione dev'essere pagata al momento del rogito, secondo me, è da quel momento che inizia il termine di prescrizione.
    La fattura è un documento contabile fiscale che non ha nessuna scadenza; in questo caso tu Luca hai emesso fattura?
     
  18. caviapp

    caviapp Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    purtroppo il tempo da cui parte il calcolo della prescrizione è dal momento in cui l'evento "diritto alla provvigione" si concretizza indipendentemente dall'emissione del documento fiscale (che comunque andrebbe sempre emesso subito in quanto l'attività di mediazione è un'attività commerciale e non professionale e pertanto vige, fiscalmente, il principio di "competenza" e non di "cassa").
    E secondo giusriprudenza (es. Cassazione 15.04.2008) il diritto alla provvigione sorge addirittura al primo contatto tra le parti ancorchè le stesse valorizzino tale contatto in seguito
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina