1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Fuffy

    Fuffy Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Salve a tutti.
    Prima di tutto complimenti per il vostro forum, è veramente interessante e professionale.
    Vi scrivo perchè avrei bisogno di un aiuto.
    Devo affittare un appartamento sito a Roma e composto da tre camere cucina e bagno.
    Naturalmente devo affittarlo a camere.
    Una camera è gia stata locata con contratto transitorio per studenti 6 mesi + 6 mesi.
    Adesso ho un cliente interessato all'altra singola. Lui ne ha bisogno per motivi di lavoro, quindi devo predisporre un contratto transitorio, ma poichè a Roma il canone non può superare il tetto massimo stabilito dagli accordi territoriali, devo necessariamente conoscere l'accordo territoriale stabilito dal comune di Roma.
    Mi chiedo: è lo stesso del contratto per studenti? Cioè "Accordo territoriale stipulato ai sensi dell'articolo 5, comma 3, della legge n. 431/98, tra l'Associazioni degli inquilini e le Associazioni della proprietà, sottoscritto 04/01/2004, e depositato il 05/02/2004 prot. n. 385/Assessorato alle Politiche abitative presso il Comune di Roma" oppure è un altro?

    L'altra camera invece è una doppia. Non riesco a trovare nessuno che la prende interamente, ma tutti cercano il posto letto. Che contratto devo predisporre?

    Grazie a tutti anticipatamente.
    Giorgia
     
  2. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino


    La risposta è negativa. I contratti transitori (ordinari e per studenti universitari) sono previsti dall’art. 5, comma 1 della legge n°431/1998 e sono disciplinati:

    a) prima dal DM 5 marzo 1999 e poi dal DM 30 dicembre 2002 che detta le condizioni e le modalità per la stipula di detti contratti con durata inferiore a quella prevista dalla legge e destinati a soddisfare particolari esigenze delle parti;

    b) dai singoli accordi locali che definiscono, nello specifico, le clausole che debbono essere obbligatoriamente presenti nei contratti citati.

    Il contratto in questione, quindi, deve essere stipulato esclusivamente utilizzando lo specifico contratto-tipo stabilito nell’accordo locale per il comune di Roma e depositato presso il comune medesimo. Si impone anche per questo tipo di contratto la forma scritta, a pena nullità (art. 1, ultimo comma, legge n°431/1998). L’obbligo di conformazione è comunque soddisfatto anche attraverso l’utilizzo di un modello contrattuale che, sebbene non identico a quelli previsto nell'accordo locale della tua città, ne rispetti comunque il contenuto: un’eventuale difformità non produce, pertanto, l’invalidità del contratto, sempre che siano rispettati i vincoli di durata, di misura del canone e che siano specificate le esigenze del locatore o del conduttore per un tempo oggettivamente predeterminabile alla sottoscrizione del contratto. Il compito di individuare le singole specifiche esigenze dell’uno e dell’altro è rimesso alla contrattazione territoriale tra le organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori maggiormente rappresentative del tuo comune.




    L’accordo territoriale del comune di Roma non fa alcun riferimento alla locazione di posti letto, pertanto dovrai concedere in locazione parziale, in via esclusiva, la stanza nel suo complesso, anche a più conduttori (calcolando la superficie utile locata) e in uso condiviso il bagno, la cucina, i corridoi ecc. Ciò porta a ritenere (ma attendo conferma) che la somma dei canoni dei tre singoli contratti A, B e C - disciplinati separatamente (il contratto per studenti può essere rinnovato, quello transitorio no), specificando chiaramente i vani dell’immobile locati a X, Y e Z, allegando al contratto una planimetria catastale che individui esattamente l’oggetto della locazione, con definizione delle parti dell’immobile in detenzione esclusiva e di quelle in detenzione comune - sia minore del canone massimo applicabile all’intera superficie dell’immobile, in caso di contratto unico, con ripartizione differenziata, fra i conduttori, del canone da corrispondere.
     
    A m.barelli piace questo elemento.
  3. Fuffy

    Fuffy Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Grazie infinite per la risposta esauriente.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina