1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Tanja

    Tanja Membro Junior

    Privato Cittadino
    Buongiorno a tutti, avrei bisogno di alcune informazioni riguardanti i contratti di locazione.
    Sto sottoscrivendo un contratto di locazione 4+4 con opzione cedolare secca. Immobile ovviamente civile abitazione ed il contratto e' tra privati. E' un appartamento in discrete condizioni arredato e con tutti i comfort.
    Nel modello 4+4 che ho scaricato da internet viene richiesto di inserire la documentazione amministrativa e tecnica sicurezza impianti e certificato di collaudo e certificazione energetica.
    se non ho questi dati come faccio.?E' obbligatorio inserire cio nel contratto ai fini della sua validita' o controversia o posso procedere inserendo la classe veritiera che quella "g" con l'indicazione della potenza?
    Grazie infinite e buona giornata a tutti.
    Colgo l'occasione per augurarvi buone feste
     
  2. Tanja

    Tanja Membro Junior

    Privato Cittadino
    ah scusate dimenticavo l'immobile e' sito nel comune di firenze.. :maligno:
     
  3. Pennylove

    Pennylove Membro Assiduo

    Privato Cittadino
    Ciao Tanja! :) L’assenza dei documenti citati non impedisce la registrazione dell’atto, né inficia la regolarità del rapporto di locazione, salvo quanto precisato successivamente. Con il DL n°112/2008 (art. 35, co. 2) è caduto l’obbligo di documentare lo stato degli impianti domestici (se l’impianto elettrico non è stato realizzato o modificato dopo il marzo 1990, era ed è sufficiente il cosiddetto “salvavita”, salvo palesi irregolarità o difetti).

    Al riguardo, è bene, tuttavia, chiarire che concedere in locazione un immobile con impianti non a norma può essere motivo di responsabilità in caso di incidente, e ciò, a prescindere dall’intervenuta abrogazione dell’obbligo di consegna o di allegazione della dichiarazione di conformità (è quella rilasciata dall’impiantista al termine del suo lavoro) o di rispondenza (è, invece, quella fatta ora per allora, quando il proprietario non ha mai avuto o ha smarrito la conformità) degli impianti alle norme tecniche e della documentazione progettuale allegata.

    Infatti, in caso di mancato adeguamento alle norme di sicurezza, possono assumere grande rilievo le disposizioni del codice civile: anche senza le certificazioni sopracitate, il codice civile vieta i vizi occulti e, con l’art. 1579, sanziona con la nullità la clausola con cui si esclude o si limita la responsabilità del locatore per i vizi dell’immobile locato nel caso in cui, in mala fede, siano stati taciuti al conduttore. Ora, poiché c’è il serio rischio che, in caso di contenzioso, venga ritenuto vizio occulto (cioè non facilmente conoscibile) un impianto non a norma, l’unica seria garanzia per il locatore rimane quella di riconoscere a contratto, in modo estremamente chiaro (e di ribadirlo nel verbale di consegna dell’appartamento), che uno o più impianti vanno adeguati alle norme di sicurezza, così da eliminare ogni ipotesi di mala fede, escludendo, quindi, dal contratto prestazioni che l’immobile locato non è in grado di offrire.

    Con riferimento all’attestato di certificazione energetica (ACE), il D.Lgs. n°28/2011 ha nuovamente modificato l’art. 6 del D.Lgs. n°192/2005, aggiungendo l’art. 2-ter che impone di inserire nei contratti di locazione un’apposita clausola con la quale il conduttore dà atto di avere ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici, solo però nel caso in cui questi, o le singole unità immobiliari locate, siano già dotate del relativo attestato ai sensi di legge. In particolare, la legge regionale Toscana stabilisce che se l’unità immobiliare non è dotata dell’ACE, “si dà luogo all’automatica classificazione dell’unità immobiliare nella classe energetica più bassa”: in questo caso il locatore può dichiarare che l’immobile appartiene alla classe energetica “G” e che, quindi, i costi per la gestione energetica sono molto alti. L’assenza della clausola prevista non produce, in ogni caso, la nullità del contratto stipulato dalle parti.
     
    A m.barelli piace questo elemento.
  4. Tanja

    Tanja Membro Junior

    Privato Cittadino
    cioa Pennylove,
    grazie infinite per le informazioni piu' che esaustive. Grazie ancora e buon Natale. A presto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina