1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
?

Secondo la formazione per gli Agenti Immobiliari deve essere facoltativa o obbligatoria?

Sondaggio terminato il 7 Dicembre 2010.
  1. Facoltativa

    18 voti
    21,4%
  2. Obbligatoria

    63 voti
    75,0%
  3. E' indifferente...

    3 voti
    3,6%
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Prima tesi:

    L’Agenti Immobiliari è tuttora, formalmente, un ausiliario del commercio;
    ha appena perso il “ruolo” anche se ha conservato un “registro”; insomma è stato giuridicamente “declassato”.
    Perché obbligare un “commerciante” a dei corsi di formazione professionalizzanti a carattere coercitivo? Il salumiere, il barista, l’esercente del cinema, l’edicolante, il mediatore marittimo non hanno questa incombenza, perché lo deve avere solo il mediatore di case? Perché questa discriminazione?
    Non bastano il diploma superiore, il corso di formazione regionale e il relativo e selettivo esame di idoneità presso la Camera di Commercio?
    Non sono sufficienti l’esperienza sul campo, le suole consumate sulle strade d’Italia?
    Non bastano, l’impegno e la dedizione quotidiana al servizio dei clienti? La passione e l’abnegazione verso questo lavoro?
    La preparazione di tipo tecnico, giuridico, fiscale, economico-stimativo, e persino di tipo psicologico, che permettono all’agente immobiliare di rimanere sul mercato, combattendo la quotidiano battaglia “del mercato”?
    Non basta, infine, l‘adamantina onestà fiscale verso lo Stato che si concretizza nel “confessare” i propri guadagni davanti al Notaio? Confessione di piena “fede pubblica?
    Perché tormentare ancora questi poveri “ausiliari del commercio”.
    Quasi perseguitarli?
    E lasciamoli per una volta in pace, perdindirindina!
    Il mediatore è “medio” in tutto, non gli si può pretendere una conoscenza e una padronanza delle materie, che tratta quotidianamente, allo stesso livello di un Geometra, Architetto, Avvocato, Commercialista o Notaio. E un “ausiliario del commercio” nei diritti ma anche nei doveri. Sarebbe paradossale se non fosse così, oltre che iniquo. Lasciamoli liberi gli A. I., sono maggiorenni dopotutto.
    Chi vuol frequentare i corsi formativi li frequenti e poi lo faccia sapere al cliente, sotto forma di un qualche attestato da incorniciare ed appendere su una parete della propria agenzia,
    si chiama operazione di marketing mi pare; chi non vuole frequentarli non li frequenti. E punto. E non se ne faccia un dramma o uno sciocco puntiglio.


    Seconda tesi:

    Il mercato immobiliare ormai ha raggiunto un tale carattere di complessità e di difficoltà, la problematicità nelle compravendite, l’astrusità delle leggi, la causidica complicazione della giurisprudenza, l’incomprensibilità della norma amministrativa e urbanistica in materia immobiliare, che spesso giunge fino all’astruseria, da buona tradizione burocratica italica; la delicatezza oggettiva della mediazione di case, che non è la stessa cosa che vendere un paio di scarpe, e che richiede prudenza e diligenza bel oltre quella media del buon padre di famiglia, la ridondanze dell’attività legislativa con la relativa profusione di norme, comma e postille, note aggiunte, circolari ed interpretazioni autentiche, le quali che si accumulano e si stratificano senza un minimo di sistematicità;
    la problematicità e le incertezze dei clienti che bombardano l’agente di mille domande che esigono a loro volta, dallo stesso, mille risposte, le questioni dell’antiriciclaggio, della responsabilità in solido di tipo contrattuale, le altre mille abilità richieste all’agente, tipo psicologia della vendita, marketing, computer, internet, tour virtuali, fotografie, riprese con telecamera digitale…
    beh tutto questo, onestamente, presuppone il lavoro di un vero professionista con i controfiocchi. Inutile negarlo o contraddire.
    L’agente immobiliare è un vero professionista, un esperto, un conoscitore dell’ Immobile a trecentosessanta gradi e su questo non ci piove.
    Gli hanno tolto un “ruolo” ma non il “ruolo” che riveste dentro la collettività, nel consorzio sociale, dove può camminare a testa alta.
    Con orgoglio e dignità.
    Fare onore al suo ruolo professionale, alla funzione di imprescindibile intermediario economico significa, d'altronde, mostrare un curriculum con i fiocchi e con le nappe, una preparazione sempre fresca ed aggiornata fino agli ultimi problemi, significa saper tagliere la testa a quesiti, dubbi e dilemmi, significa presentarsi, in modo sicuro, come l’alleato del venditore e del compratore, significa saper incastrare i “pezzi” dell’uno con le “parti”dell’altro….
    Quindi aggiornarsi si deve. Assolutamente. L’Agente Immobiliare è sempre creditore verso la conoscenza: ad apprendere, ad acquisire nozioni non si termina mai; gli ESAMI non finiscono mai!
    Ergo, i crediti formativi sono necessari, devono essere obbligatori per ogni A.I, tutti i mediatori devono ogni anno dedicare una parte del proprio tempo all’elevazione della propria professionalità e, di conseguenza, dare il contributo all’elevazione di quella di tutti.
    Insieme si vince, uno per tutti, tutti per uno.
    La coscienza collettiva della propria professione deve prevalere sull’individualismo e sul personalismo.
    Gli italiani sono un po’ anarchici, fanno ciccia per se e per la propria famiglia, i mediatori non sono da meno.
    Obbligarli a fare qualcosa di comune, potrebbe tornare utile per dare loro una consapevolezza collegiale, un sentimento unitario, un forma di rispetto per i colleghi. Così da porre un freno alla possibilità di coltivazione del proprio orticello “particulare”.

    E voi, operatori dell’immobile, quale di queste due tesi sposate?
     
  2. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    entrambi, l'una non esclude l'altra, secondo me va tutto bene, tranne questa parte:

    Io sono per il mio "orticello", però ho un gran rispetto per i colleghi (quelli che ritengo seri) e non capisco questa "buonismo". Tutti si preoccupano dei colleghi, tutti cercano la collaborazione, uno per tutti tutti per uno.
    Personalmente cerco di essere aggiornato, preparato, e se il collega è di meno, non riesce a chiudere il bilancio in pari, perchè invece di investire in aggiornamenti, in corsi di marketing, ha speso soldi per "farsi bello", tanti soldi per una sola questione d'immagine, e adesso ha problemi, personalmente non mi tocca.

    Aggiunto dopo 14 minuti :

    per me questa storia intitolata:
    http://www.immobilio.it/f29/ettari-diamanti-4646/
    è stata di grande aiuto.
     
    A Remo Magnatti piace questo elemento.
  3. Stefia

    Stefia Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    io sono favorevole al corso e addirittura imporrei corsi di aggiornamento e apprendistati formativi prima di poter aprire un agenzia in proprio. Questo perchè a mio avviso non si vendono caramelle e oggi giorno ci sono troppe persone che si improvvisano agenti, ed è sopratutto questo che scredita la professionalità del nostro lavoro.
     
  4. MaxMatteo

    MaxMatteo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ...personalmente, in un mercato composto da AI e AI abusivi (questi molti di più dei primi) tanto vale regolarizzare tutti ma rendendo obbligatori corsi di formazione/aggiornamento...
     
  5. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    In un paese democratico non dovrebbero esserci imposizioni di alcun genere.
    Se uno vuole elevare la propria professionalità deve essere libero di farlo.
    Concordo con Troise e mi complimento con lui per la storia "Ettari di Diamanti".
    Veramente di grande aiuto.
     
  6. MaxMatteo

    MaxMatteo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    ...e quindi trovi ingiuste anche le attuali incombenze necessarie per diventare ai?
     
  7. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Le attuali incombenze necessarie per diventare Ai non le trovo nè ingiuste è nè perfette.
    Le reputo, comunque, necessarie.
    La mia risposta alle ingiuste incombenze era riferita a questo passo di Graf che riporto:
     
  8. Seroli

    Seroli Membro Senior

    Agente Immobiliare
    L'attacco PARTE dai Corsi di Aggiornamento, ma PUNTA come obiettivo finale all'abolizione dell'incompatibilità...ne sono certo.
     
    A leonard piace questo elemento.
  9. MaxMatteo

    MaxMatteo Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    sono convinto che nel giro di un annetto verranno eliminata la legge 39/89 sia per quanto riguarda corso ed esame che per quanto riguarda l'incompatibilità e requisiti sanciti con la 57/2001

    ...quindi sono d'accordo con Serioli!
     
  10. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    seroli sei un grande.....................:risata::risata::risata::risata::risata:

    non ti arrabbiare ma prima o poi riprendo a ringraziarti..................:risata::risata::risata::risata::risata::risata:
     
    A Seroli piace questo elemento.
  11. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Secondo me l'ANAMA vuol abolire l'esame camerale e sostituirlo con gli aggiornamenti periodici...ma non lo dice ancora...aspetta qualche anno affinchè i tempi maturino....intanto si lavora ai fianchi l"ambiente" professionale e quello politico...
     
  12. Seroli

    Seroli Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Oh, ma Luciano Passuti dov'è finito? :confuso:
     
    A leonard piace questo elemento.
  13. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Ne sono convinto anch'io.
    La - LEGGE PER LA LIBERTÀ D'IMPRESA - sarà il primo passo per liberalizzare tutto.
    Il principio di questa legge è: "garantire a chiunque il diritto di intraprendere un'attività senza oneri burocratici".
    Più chiaro di così.
     
  14. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    :ok:
     
  15. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    Originariamente Scritto da antonello
    Ne sono convinto anch'io.
    La - LEGGE PER LA LIBERTÀ D'IMPRESA - sarà il primo passo per liberalizzare tutto.
    Il principio di questa legge è: "garantire a chiunque il diritto di intraprendere un'attività senza oneri burocratici".
    Più chiaro di così.

    .......io ci ho lavorato, prima ,durante e dopo tutte le" normative", francamente mi spiace più per i clienti che per la categoria la quale saprà sicuramente reagire e "sopravvivere" (il mediatore è sempre esistito) oltretutto resto dell'idea che mediatori un pò si "nasce", certe doti nessuna scuola e nessun corso potrà mai insegnartelo ma solo affinare.......:D
     
  16. immpittaro

    immpittaro Ospite

    Fate chiasso perchè ci tolgano il decreto Bersani e ammorbidiscano l'assurdo antiriciclaggio......almeno 1 piccola vittoria ogni tanto !!!!!!!!!!!!! :rabbia::rabbia:
     
  17. Remo Magnatti

    Remo Magnatti Membro Attivo

    Agente Immobiliare
     
    A Antonio Troise piace questo elemento.
  18. Antonello

    Antonello Membro dello Staff Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Leggi la discussione...in rilievo...quali CCIAA iscrivono.....
    Secondo me.......1 vittoria e mezzo.....quasi 2......
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina