1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. paola 47

    paola 47 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Mi associo a questa discussione con un argomento che mi pare simile:
    sono in procinto di acquistare un appartamento e rilevo dalla piantina catastale che la porta di una stanza è stata spostata da un lato della stanza a quello contiguo. Si tratta di muri interni molto sottili, con una fila di mattoni di taglio. Possiamo avere dei problemi, io o il venditore? Se le cose fossero complicate, potrei anche pensare di riportare tutto alla situazione precedente.
    Mi domando comunque, visto che ho in mente di fare qualche lavoro di ristrutturazione (infissi con doppi vetri, rifacimento di un bagno) se è necessari sempre chiedere i permessi in comune.
    Grazie
    Paola
     
  2. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    ciao la difformità sarebbe di piccola entità, quindi nn dovresti avere problemi x la vendita (dai un'occhiata qui: ...coffee break... by CAFElab: Rogito e difformità catastali ), se poi vuoi regolarizzare basta chiedere una comnicazione inizio lavoi se tocchi muri ed infissi, così ti da la possibilità di accedere alle detrazioni del 36% e del 55% per le ristrutturazioni!

    un saluto
    manu
     
  3. Architetto

    Architetto Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Per le modifiche interne di parti fisse (tra queste rientrano i tavolati interni), ritengo che non serve domandarsi se chiedere il permesso in comune, ma è necessario, perchè ogni modifica che non rientra nelle opere di ordinaria o straordinaria manutenzione devono essere effettuate attraverso apposita comunicazione a firma di un tecnico professionista, mentre per i primi due può effettuarla direttamente l'avente titolo...in caso contrario, ovvero senza comunicazione al comune, diventa un'abuso edilizio...
    Per quanto riguarda la posizione della porta, anche se trattasi di una difformità non sostanziale, come detto da CafeLab, a mio parere sarebbe opportuno effettuare una verifica in comune se la variazione è stata presentata in comune, poichè la scheda catastale non ha pieno valore probatorio, potresti trovarti nella condizione di dover sanare la situazione...;)
    Spero esserti stato d'aiuto...:)
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina