1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Con la “storica” agente immobiliare Francesca 7, qualche giorno fa, si discuteva intorno ad alcune problematiche attinenti al comportamento che il mediatore dovrebbe tenere nei confronti di quei proprietari - venditori troppo arroganti ed insolenti e che credono di avere un castello reale da proporre in vendita.
    Io consigliavo, da perfetto profano, di seguire il consiglio dell’esperto agente immobiliare e fondatore di Immobilio Maurizio Zucchetti il quale ritiene si debbano “studiare” i clienti ad uno ad uno, circoscrivendoli nel loro aspetto caratteriale psicologico, per quanto possibile, prima di pianificare e predisporre un “piano di vendita” del loro immobile.
    Se volete seguirmi cercherò di approfondire, ora, questo interessantissimo argomento.
    Come appena detto, gli agenti immobiliari, per avere successo, devono essere degli ottimi “psicologi della prassi”, degli “analisti dell’azione”.
    Devono, necessariamente, trattare con persone, caratteri, profili mentali differenti e molteplici. Il loro compito è di interpellarli con delicatezza e garbo, analizzarli con acume penetrante ma senza darlo a vedere.
    Loro mansione precipua è riuscire ad incastrare tutte le tessere del mosaico della complessa procedura della compravendita per poter poi arrivare al rogito.
    Loro funzione è, altresì, addentrarsi nell'animo delle persone che hanno di fronte e trovare per ognuna di essa il giusto approccio relazionale, per poi tentare, su questa base, la costruzione di una azione di collegamento tra venditore e compratore.
    Cerchiamo di essere ancora più precisi nella nostra argomentazione.
    Chi vende casa, infatti, vende in un certo senso se stesso, aliena in modo simbolico il suo carattere, il suo vissuto, la sua immagine della casa.
    Il mediatore non venderà semplicemente una casa ma la rappresentazione allegorica che della casa farà il venditore che vive dinamiche e motivi molto personali, particolari ed intimi. In un qualche modo, il mediatore dovrà fare sua, questa raffigurazione soggettiva e traslata, interiorizzandola. Ma anche adattarla, naturalmente, alle aspettative del compratore.
    Un lavoro ad intreccio di rimandi e controrimandi, un finissimo merletto all'uncinetto.
    Il mediatore, se afferra il vero “motivo simbolico” della messa in vendita dell’immobile, si può dire che avrà in pugno il proprietario della casa e saprà come “gestirlo” nella relazione con il compratore. Che, a sua volta, costruirà un castello di bisogni ed esigenze...
    Già, ma perché un proprietario di immobili, vende, nell'effettività concreta, una casa?

    Per mancanza di soldi?

    A causa di debiti?

    Per un licenziamento?

    Perché ha subito un improvviso ed imprevisto rovescio della sorte?

    Perché deve urgentemente trasferirsi in un altra città o in un'altra Nazione per lavoro?

    Per fuggire da vicini rumorosi e maleducati che spostato continuamente i mobili nottetempo?

    Vende perché di fronte alla sua villa hanno aperto una discoteca e, adesso, non dorme più?

    E’ in causa con l’amministratore, non lo desidera più vedere in faccia, perché altrimenti gli sale la pressione a 200 e vuole cambiare aria?

    Perché ormai è rimasto solo (figli sposati altrove, moglie o marito deceduti…) e una casa così grande e silenziosa è superflua, dispersiva e mette tristezza?

    Oppure i figli si sono fatti grandi, il marito ha avuto una bella progressione di carriera e allora si impone, per logistica e ruolo sociale, una casa più bella, spaziosa e sita in un quartiere più prestigioso…

    Vende perché la città è sempre più rumorosa e inquinata, ha trovato una villetta in campagna, a due passi dal luogo di lavoro, e vuole trasferirsi lì…

    Ha ereditato quest’immobile da una vecchia zia ma lui abita a 500 chilometri da qui, “ma che ci faccio di questa casa? E’ umida e malandata, occorrerà ristrutturala.. E’ un pensiero in più…Meglio disfarsene alla meglio e poi reinvestire i soldi in altri modi…”

    Si è stufato di pagare l’affitto e adesso, possedendo un bel gruzzoletto, ha deciso di migliorare la sua posizione economica ed esistenziale diventando un proprietario con tutti i suoi vantaggi e prerogative?

    Purtroppo si è sfasciato il matrimonio e allora….e qui i problemi ulteriori, anche abitativi, si complicano all'eccesso…

    Ha cinque case oltre a quella di proprietà, si vuole disfare di una perché gli è venuto il ghiribizzo di investire in borsa…per vedere l'effetto che fa.

    Tante persone, tante storie, vicende di vita vissuta, episodi della più banale quotidianità, tanta casistica…Tanto materiale da scriverci una nuova “commedia umana”.
    Ma l’agente immobiliare esperto, accorto e sveglio già sa chi di questi “profili” di proprietari è facile alla vendita e chi invece temporeggerà fino all'esasperazione.
    E si attrezzerà di conseguenza…con la sua strategia commerciale, con il suo criterio procedurale. Ma anche sentendosi sicuro del fatto suo e della sua professionalità.
    Ma l’Agente Immobiliare è un pazientissimo ed freddissimo giocatore di scacchi, “condannato” a prevedere e ad anticipare le mosse dei clienti oppure rimane un semplice arbitro della situazione al centro del campo e della partita?
    Ovvero è, come Penelope, un abile tessitore di tela capace, nella sua infinita pazienza, di cucirla e disfarla all'infinito, confondendo e tenendo a distanza la miriadi di Proci perditempo, finché non trova, alla fine, il suo Ulisse acquirente?
    Ma qual’è, allora, il suo metodo, quale il suo disegno, quale le sua tecnica, quale il suo piano?

    Ho volato troppo alto sulle ali della fantasia? Ho detto un mucchio di corbellerie?

    E se, invece, l'agente immobiliare, fosse un semplice, comune, ordinario mediatore delle parti?
     
    A dormiente e Antonio Troise piace questo messaggio.
  2. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Graf, incuriosito ho detto che cavolo sta stra scrivendo!, Ma devo congratularmi sinceramente con quello che hai scritto, complimenti sinceri.
    Beppe
     
  3. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Già Graf è tutto facile quando non svolgi tale professione e il tuoi pagamenti & c. non dipendono dall'esito delle trattative e da come si comporterà chi hai di fronte!
    Perfetto ciò che scrivi, ma non facile da mettere in pratica per quanto su scritto e per tanti altri motivi che non elenco, però ripeto non è facile come ti potrà sembrare svolgere questo lavoro in questo periodo storico e riuscire a farcela nonostante la miseria economica di un certo ceto sociale e l'avidità dell'altro ceto sociale!
     
  4. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    si certo ma la crisi non coinvolge solo noi.
     
  5. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Infatti io mi riferivo alla difficoltà di mettere in pratica i consigli di Graf, non ho scritto che egli non risente dei problemi causati dalla crisi!
     
  6. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Ho cercato di immedesimarmi, per quanto possibile, nelle difficoltà reali di un agente immobiliare.
    Capisco il disincanto di Anna ma non è colpa mia se viviamo in un'Italia da indietro tutta.
     
  7. La Capanna

    La Capanna Membro Assiduo

    Agente Immobiliare
    Tu non hai colpe e come ti ho già scritto sei stato perfetto nei consigli..purtroppo il tutto era facilmente applicabile dal 1980 al 1995...era allora tutto più umano, la gente stava in ufficio a parlare anche dei propri problemi fino a raccontare il motivo per cui vendeva o comprava..era tu più umano, si instaurava con il cliente un contatto che poi è stato sempre più difficile instaurare.
    Oggi hanno il computer gli uni da una parte e miseria materiale gli altri dall'altra...e noi , almeno io , tanta stanchezza per tutto il duro lavoro che non porta più a nulla, almeno su quest'Isola:triste:
     
  8. Antonio Troise

    Antonio Troise Membro Storico

    Agente Immobiliare
    la casa del venditore è sempre un castello :ok:
    la casa per l'acquirente è sempre un castello, con un ma ... però ... se ... si ... no ...
    la casa da mediare per un agente immobiliare è sempre un castello con tutti i però ... ma ... si ... se ... no
     
    A Sim e Studio CR piace questo messaggio.
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Io mi sono rispecchiata molto in quello che ha scritto il nostro grande Graf, è quello che faccio tutti i giorni. Io sto lavorando molto sui contatti mail che ricevo, con frasi d'effetto per rendere unico il contatto e cercare di portarlo in ufficio. Diciamo che il primo lavoro dell'uncinetto non parte più dal nodo.
    Graf, inutile dirti cosa penso di te .... rischierei di ripetermi e di diventare patetica.
    :fiore: Rosa
     
    A Sim piace questo elemento.
  10. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    questo si che fà:disappunto: piangere (manca la faccina che piange)
     
  11. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino

    Diciamo che le difficoltà aguzzano l'ingegno.
    Naturalmente se queste non diventano insormontabili.

    Mi ha molto impressionato, in questi giorni, le parole di Jacopo Morelli, presidente dei "Giovani Industriali" in congresso non ricordo più in quale città.
    Egli, nell'analizzare la situazione italiana, ha detto testualmente, in modo netto e diretto che "Senza prospettive per il futuro, l’unica prospettiva diventa la rivolta".
    Di solito, gli industriali conoscono il polso della situazione economica e sociale molto meglio dei politici.
    Se hanno abbandonato il linguaggio diplomatico e paludato ci sarà un motivo serissimo....
     
  12. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    siamo e sono alla frutta
     
  13. Graf

    Graf Nominato ad Honorem Membro dello Staff

    Privato Cittadino
    Fra poco non ci potremo permettere neanche il primo, altro che la frutta....
     
  14. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Uno dei pochissimi motivi rimasti per amare questo lavoro è il fatto che, trovandosi davanti ad una trattativa seria, si riscopre il piacere
    della dialettica, del contatto umano, dell'intreccio di domande e risposte di cui parlava Graf , cosa che era quasi quotidiana fino a pochi
    anni fa e oggi quasi dimenticato...

    Che strana cosa la vita...
     
    A Sim e Tobia piace questo messaggio.
  15. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    A volte basta poco, anche una semplice frase in una telefonata per lasciare una voglia di conoscerti..

    Chennesò:
    "La lascio ad un buon fine settimana"
    "Prego, per così poco.. è il mio lavoro."
    "No non disturba, sono all'Ikea con mia moglie e solo Dio sa quanto preferirei essere al lavoro in quest'istante.. :D"
     
    A Bagudi piace questo elemento.
  16. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Mi riferivo al fatto che con internet il primo contatto é via mail e molte volte non lasciano il recapito telefonico quindi non li puoi chiamare sono preziosi. Vi é capitata la frase "desidero essere contattato solo via mail" per forza non lasci altro!!! Mandi la prima mail e ti risponde! Tu dici evviva. Bene mi mandi il progetto capitolato appartamenti disponibili e listino!!!!! Un attimo che apro la sede secondaria nel suo pc!!!!!!! Cerchi pure lei!!eh ;)
     
  17. Tobia

    Tobia Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ahhh si si
    io li chiamo "i cani da riporto"
     
    A Bagudi, La Capanna e Rosa1968 piace questo elemento.
  18. ManuX

    ManuX Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Io sono nuovo, forse troppo, ma se da una parte questo lavoro mi piace, dall'altra, proprio per questi motivi mette i brividi. Occorre avere troppa pazienza, però quando metti in ordine le spese, e vedi che all'INPS devi per forza 3.600,00 € all'anno, per la pubblicità ci vuole l'ammontare della retribuzione annua di un dipendente, poi vi sono le utenze, le assicurazioni, la CCIAA, la FIAIP, il carburante ecc... e quando vedi che non è possibile viaggiare sempre sopra i 100km/h per stare a galla, diventi spazientato anche con la gente che ti dice "non mi interessa", "ho già trovato", "ho già affittato", "ho già venduto"....
     
    A Sim piace questo elemento.
  19. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Carpe diem, cogliere l'attimo. Ho imparato a non spazientirmi più dopo, prendo il cliente in quel momento e lo spremo :sorrisone: ..... dopo almeno dirò, non ha comprato perché, ha già trovato perché ha già affittato perché, ed ha già venduto perché. Non è semplice come dirlo...... ma è così.
     
  20. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare

    Parole esatte!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina