1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. mluisa

    mluisa Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    :applauso: ho un problema da risolvere.
    ho dato in affitto un vecchio monolocale e non ho le certificazioni degli impianti del gas e della luce (non intendo la caldaia).
    per legge ci devono essere? e se non ci sono a cosa si va incontro?
    ringrazio e ciao a tutti
     
  2. paolo ferraris

    paolo ferraris Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    ...il problema del gas e che se non cè il Certificato di Conformità dell'impianto come fa a fare il cambio utenza eo allacciarlo?...qui da noi è obbligatorio presentarlo...sia per riscaldamento che per semplice cucina...per l'elettrico bisogna che cfi sia almeno il "salvavita" e se non è stato "manomesso" nel corso degli anni dovrebbe bastare...(ma qui come ho già detto in altro topic non è molto chiara la faccenda...)
    Se invece intendeva dire che non li ha da consegnare all'inquilino...l'obbligo non cè più...e si può ometterlo nel contratto...ma se l'impianto elettrico è molto molto vecchio le conviene rifarlo così si leva il dubbio...(semplice)
     
  3. Maurizio Zucchetti

    Maurizio Zucchetti Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Il TU Paolo .... ricordati che qui ci diamo tutti del TU! :risata: :risata:

    ;)
     
  4. NicolFerr42

    NicolFerr42 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Per poter abitare un appartamento è necessario il certificato di agibilità per legge, altrimenti non si abitare, quindi per poter vendere od affittare il proprietario deve avere questo certificato- Il certificato di agibilità lo rilascia l'ufficio tecnico del comune e l'ufficio tecnico del comune se non ci sono i seguenti certificati: Sanitario, risparmio energetico, sicurezza sull'impianto elettrico, sicurezza riscaldamento, sicurezza impianto idraulico, certificato statico per le strutture portanti, ecc. non rilascia il certificato di agibilità e quindi non si può abitare- Se si tratta di case antiche prima del 1967 con una buona revisione il comune dovrebbe concedere l'agibilità sempre supportato da una perizia di un tecnico abilitato per la sicurezza della struttura portante, mentre per il resto sono necessari i relativi certificati rilasciati da tecnici abilitati ed una volta messi in sicurezza i diversi impianti, questa è la legge poi ............................................ Nicola Ferraro
     
  5. mluisa

    mluisa Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    :disappunto: grazie a tutti delle risposte.
    il mio dubbio è se non li ho fisicamente questi certificati vado incontro a sanzioni?
    onestamente l'appartamento è vecchio ma nel 2004 ho richiesto il contatore del gas e fatta rialacciare l'energia elettrica e fatto l'impianto a norma e probabilmente per avere le utenze queste certificazioni sono state presentate. è che ora non le ho più. mi sono accorta solo ora che servono. le devo rifare? mi scoccia spendere soldi se non è indispensabile. e all'incirca cosa che costi ci sono ammettendo che gli impianti siano a norma? grazie ciao
     
  6. NicolFerr42

    NicolFerr42 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Per fare gli allacci non sempre richiedono le certificazioni gli enti preposti, esempio : lei chiede per telefono l'allaccio della luce, la mettono in graduatoria e se va bene dopo 15 giorni gli opeai dell'Enel fanno l'allaccio ma non richiedono il certificato di sicurezza- Il guaio si verifica per fare il contratto di affitto o di vendita perchè viene richiesto il certificato di agibilità e per avere il certificato di agibilità bisogna seguire tutto il trafilo che le ho spiegato- E' sempre bene mettersi a posto legalmente anche se c'è un certo costo che si verifica solo una volta - Io sono molto pignolo e non prendo impegni se non ci sono i documenti a posto oppure glieli sbrigo io dietro un piccolo assegno- Le faccio un esempio: Mio figlio voleva costruire un fabbricato e voleva iniziare subito, io gliel'ho impedito e gli ho fatto fare il progetto,gli ho fatto fare il permesso di costruire , ha pagato tutti gli oneri con una dilazione triennale e si è messo a costruire sul confine - Il vicino che era un mio carissimo amico chiedeva che per costruire si doveva ritirare 10 mt. , mio figlio ha costruito regolarmente con venti denunce -
     
  7. NicolFerr42

    NicolFerr42 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Come le dicevo ha realizzato il fabbricato per intero, il vicino continuava a denunciare ma nessuno l'ascoltava- Ha realizato il fabbricato secondo le norme vigenti allo stesso prezzo e così quando presentava la richiesta di agibilità l'hanno data senza porre condizioni e ha fittato i locali commerciali con molta facilità - Certamente dovrà sborsare qualcosa ma è meglio sborsare qualcosa che andare incontro a dei ritardi che sono sempre soldi iperdita - Potremmo aiutarlo dal mio ufficio anche telematicamente ma agli uffici preposti deve andare lei - Nicola Ferraro
     
  8. NicolFerr42

    NicolFerr42 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    e non si preoccupi spendera molto meno che rimandare. Nicola Ferraro
     
  9. dannot

    dannot Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Richieda almeno delle asseverazioni ( decreto 37/08 ex 46/90) da un tecnico iscritto all'albo.
    Credo possa rivolgersi direttamente all'alettricista e a chi ha fatto l'impianto del riscaldamento nello stabile o nell'U.I. normalmente loro hanno supporto da un tecnico abilitato che può asseverare lo stato dell'arte dell'impianto.


    Daniele.
     
  10. noelferra

    noelferra Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    A Roma non mi sembra vi sia l'obbligo di nessuna cosa , salvo la dichiarazione che il conduttore o l'acquirente , ne e' a conoscenza del fatto che non esista la conformita' e se ne fara' eventualmente carico.
    Per quanto concerne gli allacci delle utenze in corso anche se momentaneamente sospese, basta telefonere agli enti erogatori per aver riattivata l'utenza salvo eventuali precedenti morosita'.
    Cordialmente
    Noel
     
  11. andrea boschini

    andrea boschini Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    DA NOI ( pv ) sono obbligatorie entrambe
     
  12. NicolFerr42

    NicolFerr42 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    la legge è legge poi i professionisti per accaparrarsi la fornitura dell'atto fanno di tutto per loro è sufficiente una autocertificazione - Io sono a conoscenza che se manca un solo documento previsto dalla legge, e di leggi ne escono giorno dopo giorno, nessun notaio effettua il passaggio - E i comuni non accettano i contratti di affitto - L'Italia è piccola ma è sempre grande per le diversità di pensare e di agire - Nicola Ferraro
     
  13. paolo ferraris

    paolo ferraris Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Scusate ma state facendo un pò di confusione...
    Qui si chiedeva solo se il certificato dell'impianto elettrico era obbligatorio consegnarlo all'inquilino...
    se non erro per un contratto ad uso residenziale...giusto?
    Se ho capito bene il certificato e soprattutto "l'agibilità" non centra nulla...perchè per l'uso abitazione non è necessaria...se invece ho capito male...allora ci vogliono le due certificazioni (riscaldamento se autonomo ed elettrico), altre no!...quello idraulico poi...e l'agibilità dipende dal tipo di attività che uno va a svolgervi nei locali...ma quello poi lo dicono l'ASL o altri enti....
     
  14. NicolFerr42

    NicolFerr42 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Veramente vi dovete aggiornare dal 2007 le leggi cambiano continuamente agiornatevi tutti -
     
  15. paolo ferraris

    paolo ferraris Membro Ordinario

    Agente Immobiliare
    Caro NicolFerr42...la normativa di cosa sarebbe cambiata nel2007?....cmq "l'agibilità" non è "l'abitabilità"...cmq se mi sfugge qualcosa...siamo qui per imparare (anche!)...ovvio poi che tutte le costruzioni NUOVE saranno assolutamente fornite di tutti i certificati necessari...a parte il fatto poi che alcuni all'inquilino NON interessano affatto e a parte il fatto che a quanto pare ogni Regione applica regole diverse...(sempre se ho capito la domanda...eheheheh)...saluti!
     
  16. noelferra

    noelferra Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    Nicolfer42
    Se ritieni che dobbiamo aggiornarci, perche' non ci aiuti tu, visto che non riusciamo a fare meglio di cioche facciamo?
    Ribadisco alla domanda per mia conoscenza, non sono obbligatori a Roma i certificati per impianti di gas o luce, per l'allaccio delle utense.
    Non sono necessari nemmeno per i contratti di affitto immobile, in quanto l'ufficio entrate che li registra non legge queste clausole.
    Non sono necessari nemmeno per l'atto pubblico in quanto e' sufficiebte che l'acquirente sia a conoscenza della non conformita' e se ne assuma la responsablita' sollevando il venditore .
    Se tu conosci altre norme sarei felice di aggiornarmi grazie
    Cordialmente
    Noel
     
  17. osammot

    osammot Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Calma e sangue freddo. :sorrisone:
    NicolFerr42 forse intende dire che qualche cosa ci è sfuggito in riferimento all'abitabilità di un immobile(dal 2003, e non 2007, il certificato è chiamato di agibilità e non più 'di abitabilità'). In un certo senso ha ragione perchè se un immobile non ha il certificato non può essere abitabile.
    Voglio dire a NicolFerr42 che è presso l'Agenzia delle Entrate che si registrano i contratti di locazione e non presso i Comuni;
    Codice:
    - E i comuni non accettano i contratti di affitto
    all'Agenzia delle Entrate poco interessa il problema tecnico delle certificazioni, quindi il contratto di locazione si può fare lo stesso e registrarlo senza problemi.
    @ mluisa:
    dall'1/7/2009, per le locazioni, è obbligatorio dotarsi del certificato di qualificazione energetica.
    Per i certificati di conformità è bene che l'immobile ne sia dotato. Se gli impianti sono conformi ma non si ha la documentazione da consegnare in copia al conduttore si può far redigere da tecnico abilitato una "Dichiarazione di Risponenza degli Impianti" . Se invece gli impianti non sono conformi è bene chiamare un tecnico e far mettere gli impianti in sicurezza e farsi rilasciare certificati di conformità(possono essere anche di sola manutenzione straordinaria dell'impianto, l'importante è che sia eseguita ai sensi del D.M. 37/208).
    Gli enti erogatori di servizi gas, acqua ed elettrici, chiedono per il completamento della pratica solamente i dati catastali dell'immobile, e non certo le certificazioni.
    Se gli enti addetti al controllo (Regione o Provincia) decidono di effettuare controlli e constatano la mancanza della conformità impianti, oltre all'obbligo della messa a norma ti fanno pagare anche una bella multa che a seconda della gravità può essere salata, quindi ti conviene certificare gli impianti. ;) ;)
     
  18. NicolFerr42

    NicolFerr42 Nuovo Iscritto

    Agente Immobiliare
    CERTO CHE COMINCIAMO A CAPIRCI, DOVE LAVOR IO ALCUNI NOTAI PRETENDONO L'OSSERVANZA DELLE LEGGI, ALTRI SI ACCONTENTANO DI AUTOCERTIFICAZIONI PER NON PERDERE IL SINGOLO LAVORO- CMQ
    è BENE SEGUIRE SEMPRE LE LEGGI PER ESSERE A POSTO E NON TROVARSI IN CONDIZIONI IRRISOLVIBILI - gRAZIE E SCUSATE - nICOLA fERRARO
     
  19. osammot

    osammot Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Usare le maiuscole non è consentito :ugeek: . Dal tono in cui hai risposto mi pare che tu sia un tantino agitato; rilassati e stai sereno, :) sei fra amici, anzi sei in famiglia, e noi in questa famiglia ci vogliamo tutti bene :innamorato:; chiariamoci :ok: .
    Intanto, se sei un agente immobiliare regolare, quindi ns. collega a tutti gli effetti :stretta_di_mano: , sei pregato di dichiararti, così sappiamo anche dove operi.
    Poi, per rispondere al topic, è giusto che i notai pretendano la regolarità nelle operazioni da loro seguite; il loro compito è proprio quello; se alcuni notai si accontentano di autocertificazioni(e ciò mi semba strano!) mancano di professionalità; posso però pensare che se talune volte agiscono così come tu dici forse hanno una interpretazione personale differente da quella di altri notai; sono convinto comunque, che qualsiasi auto-dichiarazione (la pezza) richiedono è solo perchè può essere riconducibile alla regolarità , altrimenti non stipulerebbero un atto che, per mancanza di forma, o per gravi vizi, può essere revocato.
    Quindi non per giusificare i notai delle tue parti, ma credo che un pò dappertutto è così. I notai credono di essere al di sopra di ogni parte, e finchè le cose vanno bene, ok; è quando vanno male che i nodi vengono al pettine e vengono fuori le putt...te.
    Per cui, lo sappiamo bene che essere in regola è sempre la cosa migliore, mica hai scoperto l'acqua calda, ma alle volte può capitare il compromesso ... da interpretare in doppio senso e quale augurio, magari avvenisse a breve visto che è già un bel pò di tempo che non si cava un ragno dal buco.
    Stammi bene, amico. :) ;)
     
    A graziella talucci piace questo elemento.
  20. il Custode

    il Custode Custode del Forum Membro dello Staff

    Re: Locazione: Sono obbligatori i certificati di conformità impi

    Mi rubano le pulizie! :disappunto: :risata:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina