1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Sul sito Governo.gov informano che "E' casa tua, decidi tu": ma è vero ? Io stamattina sono andato al Comune per chiedere se posso usufruire della legge e se è vero che, a fine lavori, posso comunicarlo risparmiando, ad esempio, la procedura di accatastamento senza servirmi del geometra. Mi hanno detto che lo Sblocca Italia è ed è rimasto uno spot pro-Renzi, ma nessun comune d'Italia l'ha attuato dal lontano 2015 !! Sembra che i Comuni non hanno soldi ed organizzazione per attuare questa legge. Non ci voglio credere, ma non si può prendere in giro così la gente.
     
  2. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Dai, veramente ti aspetti aiuti dal governo?
     
    A specialist, dormiente, Bagudi e 1 altro utente piace questo messaggio.
  3. KappaPi

    KappaPi Membro Junior

    Privato Cittadino
    Riporto per completezza:

    "Grazie alle nuove norme introdotte dallo "Sblocca Italia" ristrutturare il tuo appartamento, dividere un alloggio grande in due più piccoli o unire alloggi contigui, sia sullo stesso piano che su piani differenti per realizzarne uno più grande, è semplice e veloce: se non modifichi la volumetria complessiva e non intervieni sulla struttura della casa non hai più bisogno del permesso di costruzione, basta una semplice comunicazione di inizio lavori al Comune.

    Quando saranno finiti i lavori ricordati di inviare la comunicazione di fine lavori al Comune: questa comunicazione ti fa risparmiare la procedura di accatastamento che altrimenti resta a carico del proprietario."


    Certo che in un paio di periodi così tante contraddizioni non si sono mai lette ...

    Unire due alloggi con una semplice C.I.L ? come se cambio le maioliche del bagno?
    non è che ci vuole la CIL Asseverata da un tecnico?

    Forse vogliono dire che fai le cose al comune e ci pensa lui a fare la docfa?

    Chi ne sa di più ci aiuti.
    Sarebbe interessante.
     
  4. KappaPi

    KappaPi Membro Junior

    Privato Cittadino
    A giovanniEDC piace questo elemento.
  5. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Be' forse quì gli inadempienti sono i Comuni irrispettosi delle leggi. Aggiungo anche che, sempre secondo me, ci sono le lobbi dei professionisti a cui questa legge non va bene, per evidenti motivi. Se un cittadino, richiamando la legge tutt'ora in vigore, si muove nel rispetto della legge, cosa gli può succedere ? Sono i Comuni che dovrebbero, in sede di Consiglio Comunale, dichiarare inoperabile la Sblocca Italia, per mettersi apposto. Così restando le cose, tutto è invece possibile. Cosa ne pensate ?
     
  6. Sim

    Sim Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Io penso che un vero aiuto non esiste. Esistono invece falsi aiuti, ossia proclami che poi non possono/vogliono essere mantenuti.
     
    A specialist piace questo elemento.
  7. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    La possibilità di unire due unità con una comunicazione era già prevista fin dal 28/2/1985, con l'art. 26 della Legge 47/1985, quindi niente di nuovo.
    Il fatto di fare una pratica con un'asseverazione senza aspettare il permesso comunale, non toglie niente, anzi responsabilizza maggiormente il progettista ed il committente, visto che comunque va fatto il progetto, la pratica strutturale al Genio Civile (in caso di interventi su elementi portanti), quelle all'ASL, al catasto, ecc. ecc..
    Quanto al contrario, cioè alla separazione in due unità, idem: devi verificare la possibilità di rispettare i requisiti urbanistici, igienico-sanitari, fare il progetto architettonico, strutturale e catasto.
    Anche gli oneri vanno sempre pagati, visto che le varie Regioni hanno previsto il pagamento degli stessi, giacché si aumenta il carico urbanistico; l'aggiornamento catastale dovrebbe farlo il Comune (in caso di CIL) ma non ho mai visto farlo, anche perché vorrei vedere il Comune a redigere un frazionamento magari anche del giardino e poi magari fare un atto di trasferimento: t'immagini il casino? Peraltro poi tale evenienza sarebbe in palese conflitto d'interessi poiché il tecnico che redige la pratica catastale proprone la rendita al catasto, che può rettificarla entro un anno: immaginati se la proponesse il Comune, che poi sulla base della stessa ci riscuote i tributi ....
    Ti allego un simpatico controspot del collegio dei geometri di bologna:
     
    A KappaPi, ugo56 e cafelab piace questo elemento.
  8. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    E poi non sta scritto da nessuna parte che il docfa sarebbe gratuito visto che lo fa il comune
     
  9. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Per essere scritto che il cittadino eviterebbe i costi dell'aggiornamento catastale è invece scritto. Inviando la comunicazione di fine lavori al Comune questa ti fa risparmiare la procedura di accatastamento che altrimenti resta a carico del proprietario. Ma il Catasto, qualche anno fa, non doveva passare ai Comuni ? Forse, i politici attuali, sono convinti che quel passaggio sia già avvenuto anni fa, per questo ora ... i Comuni potrebbero aggiornare senza spese !!
     
  10. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Col kaiser che mi farei fare la pratica di accatastamento dal Comune: a parte i casini che farebbe, mi triplicherebbe la rendita catastale
     
    A cafelab e specialist piace questo messaggio.
  11. ugo56

    ugo56 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Non esiste questo pericolo perchè ci sono delle tabelle a cui, il non rispetto, sarebbe molto facile opporsi. No, questa tua osservazione sembra di parte, insomma voglio dire, di un tecnico professionista a cui non va che il Comune faccia al suo posto certi lavori. Invece tutti quanti dovremmo insistere nell'applicazione di questa legge "sblocca Italia" invece di deriderne il contenuto, spesso proprio dai tecnici a cui si toglierebbe un po' di lavoro.
     
  12. cafelab

    cafelab Membro Assiduo

    Altro Professionista
    beh vai in comune e fai valere le tue ragioni no?
     
    A mata piace questo elemento.
  13. mata

    mata Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Credo che tu non abbia proprio contezza della materia: cosa significa che esistono delle tabelle cui sarebbe facile opporsi, scusa? Ci sono migliaia di ricorsi perché uno propone una categoria ed una classe ed il catasto cambiano magari anche la sola classe ecc. ecc. è materia abbastanza complicata. Infine, in questo caso, sarebbe il committente che incarica il Comune di fare la proposta, quindi non potresti impugnare un provvedimento proposto per te stesso.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina