1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Luis90

    Luis90 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve, avrei bisogno di una consulenza in merito ad un fatto grave che mi sta capitando: sto subendo un'occupazione impropria di un immobile di mia proprietà (una cantina) all’interno di un condominio.Tre anni fa acquistai un immobile al mare con annessa cantina, da un soggetto che mi promise di sgomberarla in pochi giorni, per dargli il tempo di ricollocare la roba che vi era all’intern:shock:vviamente questo soggetto continuò ad occupare la cantina abusivamente, inserendovi anche materiali pericolosi (bombole del gas, materiali edilizi molto pesanti) e chiedendomi dei soldi per liberarla.Pur di evitare processi inutili (la cantina è 3x2 ed il soggetto risulta nullatenente), ci rivolgemmo all’amministratore per cercare di rimuovere gli oggetti pericolosi o, ancora meglio, tutti gli oggetti all’interno della cantina.L’amministratore tergiversò e ci disse che era meglio sentire un parere legale e che,ovviamente, non poteva prendersi la responsabilità di liberare la cantina.Avendo scongiurato l’ipotesi di un procedimento civile lungo ed impervio (gli avvocati che ho sentito mi hanno fatto preventivi da 2000-3000 euro che non tengono conto dell’effettivo valore esiguo dell’immobile da liberare),vi chiederei un parere legale sulla possibilità, dopo 3 anni, di liberare la cantina, trattenere la roba in un deposito la cui posizione verrà fornita all’occupante ed il relativo cambio di serratura...si può fare?Quali rischi comporta?Quale sarebbe il miglior modo di agire per evitare controdenunce assurde (per es. affermazioni di furto della roba, oppure risarcimenti per lo smarrimento di oggetti appartenenti all’occupante)?
     
  2. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Forse fare una denuncia per occupazione abusiva e con quella fare un esposto ai vigili del fuoco ?
     
    A eldic piace questo elemento.
  3. giovanniEDC

    giovanniEDC Membro Junior

    Agente Immobiliare
    sottoscrivo il consiglio di Bagudi, e aggiungo che nell'arco dei tre anni probabilmente avrei ceduto alla tentazione di spostarli nel corridoio delle cantine e cambiare la serratura...
     
  4. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    a ulteriore riprova che le chiavi (e tutto quello che ne segue) vanno consegnati AL ROGITO e non "si-dai-solo-due-giorni-che-mi-organizzo-tanto-tra-noi-ci-fidiamo"...
     
    A Rosa1968, dormiente, Bagudi e 1 altro utente piace questo messaggio.
  5. Luis90

    Luis90 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Quindi le impervie vie legali (lunghe ed estremamente dispendiose) sono l'UNICA SOLUZIONE al mio problema? Se agissi di mia iniziativa, cambiando serratura e sgombrando la roba all'interno (magari supportato da una richiesta di sgombero da parte dell'amministratore di condominio,in seguito a delle lamentele dei condomini) A COSA ANDREI INCONTRO ESATTAMENTE?
    Qualcuno potrebbe aiutarmi per favore?

    P.S: PER ELDIC: le chiavi mi sono state consegnate tutte dall'agente immobiliare,il quale mi ha detto, il giorno dopo il rogito, che il venditore si era riservato di fare una copia delle chiavi della cantina per sbrigare gli ultimi spostamenti dei materiali all'interno.
    Quindi, a volte, il compratore è semplicemente una vittima, mentre il "facilone" della situazione è stato l'agente immobiliare.
     
  6. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    scusa, ma nel contratto non era chiaramente esplicitato che il bene e le sue pertinenze sarebbero stare consegnate libere da persone e cose? e, prima del rogito, non hai fatto il classico sopralluogo per verificare che effettivamente fosse così?

    al di là della facile battuta che, con i tempi della giustizia italiana quei beni fai prima a usucapirli, considera un'altra cosa
    se, dio non voglia, succede qualche rogna con i prodotti combustibili, te la gratterai tu, non il proprietario.
    io comincerei con una raccomandata con cui dai un termine al proprietario.
    vedi cosa ti risponde.
     
    Ultima modifica: 23 Giugno 2016
  7. Luis90

    Luis90 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Nel contratto era esplicitato che l'immobile e la sua pertinenza sarebbero stati comprati interamente.
    Il sopralluogo è stato eseguito correttamente, la ma la roba pericolosa ed infiammabile è comparsa dopo la firma del rogito (come le ho scritto, non ero a conoscenza dell'esistenza di un'altra copia della chiave).
    La "raccomandata con termine" ha provocato una risposta diretta da parte dell'ex proprietario: "so che,legalmente la cantina è vostra, ma voglio 10 000 euro per liberarla"...poi si è scoperto che l'ex proprietario aveva già avuto in passato notevoli problemi con la legge italiana.
    Durante la vostra esperienza persona, vi saranno capitati molti casi simili...non esiste un modo per evitare la causa?L'amministratore non potrebbe fare nulla per liberarla? Nemmeno se,in seguito a lamentele dei condomini per sostanze maleodoranti ed in cattivo stato, intimasse un ipotetico sgombero della cantina?
     
  8. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    premesso che non ho esperienza diretta (non sono un intermediario), adesso ho capito meglio (o forse ho letto un paio di passaggi che mi erano sfuggiti)
    mi pare abbastanza evidente che almeno uno tra intermediario ed ex proprietario sia palesemente in cattiva fede; il fatto è che è difficile dimostrarlo.

    non sono un avvocato (ma @Avv Luigi Polidoro lo è e, se ci legge, sicuramente ti darà una dritta).
    ammesso che l'amministratore possa far finta di nulla come sta facendo io proverei a denunciare la cosa ai vigili del fuoco e/o asl?


    per altro... in questi 3 anni il simpatico soggetto non è più entrato in cantina, immagino.
    io la serratura comincerei a cambiarla....
     
  9. Rosa1968

    Rosa1968 Membro Storico

    Agente Immobiliare
    ha preso la cantina in ostaggio. Con questi signori non bisogna andare diretti, non hanno nulla da perdere, ma aggirare l'ostacolo. Fai arrivare all'amministratore una vocina che si sta procedendo con una denuncia nei suoi confronti, vedrai come da solo si adopererà a far sgomberare la cantina ...
     
  10. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    sai che non sono così sicuro che sia una strada perseguibile?
    sono beni mobili non registrati.
    come fai a dimostrare che sono del tizio? (di contro, si potrebbe anche obiettare che, se li butti via, come fa a dimostrare il tizio che fossero suoi)
     
  11. Avv Luigi Polidoro

    Avv Luigi Polidoro Membro dello Staff Membro dello Staff

    Altro Professionista
    Non penso che la soluzione sia quella di agire sull'amministratore, dopo tutto si tratta di beni privati siti in una proprietà esclusiva.
    Vero è che l'amministratore deve preoccuparsi della sicurezza dell'edificio e della compagine condominiale, ma credo che tale argomento sia a doppio taglio: a maggior ragione deve preoccuparsene il condomino, la cui cantina contiene oggetti pericolosi.
    Purtroppo le soluzioni sono soltanto quelle di cui hai già parlato: o agisci "facendoti giustizia da solo" con il cambio serratura, esponendoti però ad una denuncia per esercizio arbitrario delle proprie ragioni aggravato dalla violenza sulle cose (la serratura); oppure ti muovi nel quadro della più stretta legalità, promuovendo una azione di rilascio.
    I tempi della azione non saranno lunghi, anche perchè si tratta di immobile non abitato.
    Certo, dovranno essere anticipate le spese, questo è innegabile; ma le stesse potrebbero essere anche recuperate, se il soggetto è titolare di beni.
    Purtroppo la controparte ha giocato sulla tua buona fede e sul tuo buon senso: si tratta di un "errore" (uso questo termine, senza voler esprimere alcuna critica, soltanto per esprimere la opportunità di agire diversamente in queste situazioni), commesso in fase di trattativa, facilitato anche dal modus operandi dell'agente. Rimediare senza alcuna spesa, o senza assumersi alcun rischio, è impossibile.
    Si tratta comunque di una situazione che devi affrontare, hai già atteso troppo.
     
    A eldic piace questo elemento.
  12. eldic

    eldic Membro Senior

    Privato Cittadino
    mi sa che il mio conto comincia a farsi pesante...
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina