1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. alecens

    alecens Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Salve io e la mia compagna vorremmo fare un'offerta per una casa in vendita all'asta ma abbiamo solo parzialmente la cifra necessaria. Ci siamo rivolti a diversi istituti ma essendo dipendente postale quello che mi da il tasso minore è ovviamente il bancoposta. Mi dicono che i tempi in questi casi possono essere accellerati ma cmq non meno di un mese e mezzo. Nel bando invece si parla di 60 giorni per saldare: la mia prima domanda è appunto questa, si può chiedere al giudice di prolungare fino a 90 giorni per saldare la casa? E se si solitamente come si comporta il giudice? Accetta questa richiesta? Inoltre una volta approvato il mutuo come avviene l'erogazione? leggevo che ci sono due modi, o con il mutuo contestuale che prevede l'erogazione dei soldi contestualmente all'atto di trasferimento da parte del tribunale o con il prefinanziamento con il quale mi prima la banca paga al tribunale e successivamente si stipula l'atto di trasferimento. Quale dei due tipi di mutuo viene piu usato? Grazie anticipatamente per le risposte.
     
  2. studiopci

    studiopci Membro Storico

    Agente Immobiliare
    No, non si può chiedere... la procedura non contempla queste possibilità, il pagamento deve avvenire per contanti ed entro i termini prescritti, tralaltro tieni presente che se la banca non dovesse erogare il mutuo o non dovesse farlo entro i termini perderesti tutto, per cui credo sia meglio che tu parli con la tua Azienda ( BancoPosta ) e concordi con loro le modalità necessarie e se sono fattili da loro. Fabrizio
     
  3. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Leggi bene il bando perchè spesso prevede la possibilitàdi acquistare con mutuo, nel qual caso bisogna indicarlo nel modulo con il quale si formula l'offerta. Senti anche il notaio che cura l'asta.
     
  4. quattrofrecce

    quattrofrecce Membro Ordinario

    Privato Cittadino
    La normativa applicabile alle aste immobiliari introdotta dalla legge 80/2005 e successive modifiche ha rivisto la disciplina dell’acquisto di immobili attraverso le Aste Giudiziarie, mediante, tra l’altro, la possibilità di ottenere mutui regolamentati da convenzioni stipulate tra i Tribunali e gli Istituti di Credito. Nei Tribunali ove tali convenzioni sono già state definite, e ricorrendo alle Banche che hanno aderito al convenzionamento, la concessione dei mutui sarà disciplinata dai singoli accordi stipulati (informativa da ottenere dalla Banca), negli altri casi di inesistenza di accordi -purtroppo ancora frequenti- sarà indispensabile tenere presente che:
    Ai sensi dell’art.38 del D.Lgs. N.385 dell’1/09/93 , il Credito Fondiario ha per oggetto la concessione di finanziamenti a medio e lungo termine garantiti da ipoteca di primo grado su immobili;
    dovendo inoltre consentire una iscrizione ipotecaria per ottenere il finanziamento, occorrerà essere proprietario dell’immobile.
    Entrambi tali requisiti mancano però acquistando da una procedura esecutiva, perché certamente sull’immobile esistono formalità pregiudizievoli per iscrizione/i e/o trascrizione/i, la proprietà verrà trasferita con decreto solo dopo l’effettuazione del saldo prezzo, ed il decreto è il titolo che consentirà la cancellazione delle formalità già iscritte.
    Dunque …… per pagare occorre il mutuo ……. ma per avere il mutuo bisogna prima aver pagato ……(?) Ed allora....,
    prima di partecipare ad un’asta, se non si dispone della liquidità monetaria necessaria per effettuare il saldo prezzo in caso di aggiudicazione ma occorre avvalersi di un finanziamento, è indispensabile rivolgersi alla Banca scelta per chiedere il mutuo ottenendo assicurazioni sull’applicazione della convenzione, oppure –in assenza– per chiedere non semplicisticamente un mutuo, bensì sottolineando….
    la inderogabile necessità di ottenere prima della stipula del contratto di mutuo l‘intera somma sotto forma di prefinanziamento, che avrà la destinazione assolutamente garantita in quanto se ne chiederà la disponibilità sotto forma di assegni circolari intestati alla procedura esecutiva e da utilizzarsi per il saldo prezzo, quindi per intestare l’immobile all’aggiudicatario gs. emissione del decreto di trasferimento, che ordinerà anche la cancellazione delle formalità pregiudizievoli, che peraltro -proprio a fronte del versamento del saldo prezzo suddetto- diverranno automaticamente di fatto “cartolari”, così come “di fatto” l’immobile si potrà considerare di proprietà del richiedente il mutuo.
    Ovviamente, per il legale verificarsi delle suddette condizioni (proprietà e liberazioni da vincoli pregiudizievoli) e quindi possibilità di stipulare il contratto di mutuo, occorrerà attendere la firma del Decreto di trasferimento da parte del G.E., la sua registrazione, trascrizione, formalità presso l’Agenzia del Territorio, con un tempo valutabile mediamente in alcuni mesi, nei quali dovrà restare il vita il prefinanziamento (con eventuali proroghe) a condizioni possibilmente allineate con quelle dell’operazione a lungo termine.

    Dovrà inoltre essere stabilito non l’importo mutuato, ma “l’importo massimo” di mutuo erogabile, valutato dalla Banca in base al “merito creditizio” del cliente, che permetta così di sapere “fino a dove arrivare” in caso di offerte al rialzo.
    Indispensabile inoltre conoscere la “percentuale” di massima finanziabilità consentita dalla Banca e “dove” è calcolata tale percentuale: sul solo valore dell’immobile od anche ponendo un limite sul prezzo di aggiudicazione? (es:80%-100%-nessuno) – [Ancora ai sensi dell'art.38 del Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, l'importo del finanziamento non può eccedere l'80 per cento del valore dei beni immobili offerti in garanzia ipotecaria (“limite di finanziabilità”, come fissato dalla Banca d'Italia conformemente alle deliberazioni del CICR del 22 Aprile 1995; questa percentuale può arrivare al 100% del valore dei beni se sono fornite garanzie integrative rispetto all’ipoteca (come fideiussioni o pegni su titoli).
    Possono però esserci ulteriori e diversi limiti posti dalle Banche per loro interne “scelte operative”.]
    E’ opportuno avere una conferma scritta della Banca di disponibilità a concedere il finanziamento, con indicazione dei limiti massimi consentiti.

    Non dimenticare inoltre di calcolare preventivamente la spesa TOTALE da sopportare in caso di aggiudicazione, tenendo conto degli oneri conseguenti e dipendenti: imposte e costi di trasferimento, cancellazione delle formalità pregiudizievoli, condoni edilizi, spese condominiali arretrate, spese connesse all’ottenimento di mutuo, onorari a professionisti, ecc. (Spesa TOTALE[meno] mutuo concedibile [attenzione! Non sempre uguale all’importo massimo concedibile] =[risulta] disponibilità monetarie proprie da possedere).



    Ai fini della valutazione dell’immobile sarà opportuno invitare la Banca ad utilizzare la perizia già stilata dal CTU e non ricorrere ad una nuova perizia fatta da un tecnico di loro fiducia, come talvolta accade. Ciò non solo ai fini dei costi ma anche e soprattutto per la difficoltà (se non addirittura impossibilità) spesso incontrata per effettuare un sopralluogo all’immobile per questo scopo.
     
    A studiopci, kolia cassin, Bagudi e 1 altro utente piace questo messaggio.
  5. kolia cassin

    kolia cassin Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    alecens credo che quattrofrecce ti abbia ampiamente spiegato il tutto. Ti voglio aggiungere solo che il BancoPosta non finanzia le acquisizioni giudiziarie. Per accedere alle convenzioni di cui hai diritto devi stipulare il mutuo o il prefinanziamento con una delle banche convenzionate con il Tribunale che efettua le vendite e poi successivamente chiedere la surroga per portare il mutuo presso il BancoPosta.
     
  6. alecens

    alecens Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    salve, grazie mille per le precise risposte. sono stato dal notaio che cura l'asta e mi ha confermato che la proroga dei giorni non viene quasi mai concessa e cosi per stare tranquillo sono stato alle poste dove ho chiesto rassicurazioni sui tempi. mi hanno detto che con i tempi ci saremo e che quindi su questo devo stare tranquillo e partecipare all'asta senza problemi (questo dopo aver interpellato la responsabile di zona). relativamente all'altro problema che ora "quattrofrecce" mi pone penso che dovrò tornare a chiedere informazioni. Grazie ancora e a presto, vi aggiornerò ovviamente
     
  7. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    l'accordo tra l'abi ed alcuni tribunali è una bufala...
    quasi tutte le banche..nonostante l'accordo ti mettono i bastoni tra le ruote..
    vogliono periziare l'immobile all'asta ..e non tengono conto della perizia del ctu..
    gli immobili all'asta sono tutti occupati..quindi è impossibile far fare la perizia...
    niente perizia..niente mutuo..
     
  8. pinacio

    pinacio Membro Attivo

    Altro Professionista
    Che molti degli immobili all'asta siano occupati è vero, ma non tutti.
     
  9. bebo1972

    bebo1972 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    99 su 100 sono occupati dagli esecutati!!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina