1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. bikers

    bikers Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao a tutti sono una ragazza ormai disperata, cerchero' brevemente di raccontarvi il mio problema, nel 2011 ho acquistato una casetta.
    Inizio 2012 ho stupidamente iniziato i lavori senza fare la richiesta della dia, dopo qualche mese sono venuti a farmi visita l'uffiico tecnico ed il capo della polizia municipale, tra l'altro senza mandato sono entrati in casa nostra, naturalmente mi hanno fatto la multa ( €. 516.00), ho dovuto far fare tutti i disegni da un professionista presentare le pratiche etc...., il problema piu' grave e' sorto quando il comune ha detto che la mia casa ante 67, con ampliamento di fabbricato nel 1972 non aveva pagato gli oneri comunali in quanto i proprietari erano coltivatori diretti, cosi non mi danno il permesso di costruire finche' non pago anche il cambio destinazione d'uso €. 33.000.
    Il quesito e' questo, ma se io ho acquistato una casa come abitazione civile in A/3, la colpa non e' del vecchio proprietario?? perche' il mio legale dice che io devo fare ricorso al Tar??
    non vi e' nessuna legge che tuteli chi acquista un immobile??
    vi informo che la casa e' stata frazionata in fase di atto, io ho tenuto la casa ante 67 senza licenza di costruzione, il mio vicino a acquistato la casa con licenza di costruire anni 72.
    esiste una legge che dice che avendo effettuato nell'anno 1972 un ampliamento del fabbricato ed avendo utilizzato le agevolazioni dei coltivatori diretti per non pagare gli oneri, al momento della vendita del fabbricato anche se frazionato il comune abbia diritto di chiederti gli oneri di urbanizzazione di tutti e due i fabbricati ??
    oppure vi e' la possibilita' che la nostra parte di casa costruita prima degli anni 67 non debba pagare nulla??
    Per ora abbiamo fatto una memoria la comune, quanto tempo hanno per risponderci??
    invece per quanto riguarda i proprietari non solo non voglio pagarci la sanzione, ma addirittura ci chiedono delega per ricorso al Tar, con divisione di spese legali.
    Spero vivamente che qualcuno mi risponda perche' sono oltre che disperata e distrutta moralmente nn ho piu' una casa.....:triste:((
    Vi ringrazio anticipatamente sperando di essere stata chiara nello scrivere.
    ciao.
    grazie
    Bikers
     
  2. H&F

    H&F Membro Assiduo

    Altro Professionista
    Mi spiace che nessuno dei tecnici del foum ti abbia risposto. Forse mancano informazioni e dati. Sii prudente e non fare altre spese con il Tar, finchè non avrai visto se il Comune non ti possa venire incontro. Se l'aggredisci il Comune si irrigidisce, se sei morbida l'ufficio tecnico ti propone magai una via di uscita sopportabile. In questi casi consiglio Diplomazia.
    Qualche errore lo hai fatto : si sa che oggi non si spsota un mattone senza permesii e contropermessi. Ora è la fase dell'umiltà non dell'arroganza.
    Anche nel tuo caso vedo possibili colpe del notaio e lo chiamerei in causa ( risarcimento ). Il TAR avrebbe sebso sei siete sicuri che il Comune stia sbagliando.
    Il tuo avvocato è un vero amministrativista ? so che in Italia ce ne sono pochi.
    E sono in grandi città importanti e costosissimi.
    Non roba da avvocatucoli.
     
  3. bikers

    bikers Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    purtroppo no.. il comune nn e' per niente malneabile, anzi e' stato sempre molto arrogante nei nostri confronti in relazione al cambio destinazione d'uso anche avendole spiegato che noi non c'entriamo nulla e che non sapevamo nulla visto che abbiamo acquistato come abitazione civile.
    grazie comunque per la risposta.
    forse e' meglio che mi dimentichi la casa.:/
     
  4. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Cosa recita il rogito nella sezione della descrizione dell'immobile e nella dichiarazione della conformità urbanistica?

    Che tipo di lavori hai realizzato senza dia?

    Ciao salves
     
  5. bikers

    bikers Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino

    Buongrio
     
  6. bikers

    bikers Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Ciao, grazie infinite per la tua disponibilita', nella descrizione immobile vi e' scritto abitazione civile in a/3 non di lusso
    conformita' urbanistica non l'ho trovata:triste:(
    spero di esserti stata d'aiuto
     
  7. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Sei sicura che
    e non c'è scritto composta da (esempio) tre vani e sevizi con accessori diritti e pertinenze posta al piano ecc.ecc., confinante con ecc. ecc. salvo migliori e attuali confini quanto descritto risulta censito nel catasto fabricati al foglio... particella .... sub .. via ..... piano categoria a/3 classe ... vani ... rendita euro .... o similari?

    Sei sicura che
    non hai trovato una dicitura similare sicura che non è trascritto " l'immobile in questione è pervenuto alla parte venditrice per atto notar ... del ........ e registrato il ..... in parte e parte in virtù della licenza edilizia rilasciata dal comune di .... n.... del .....

    Ciao fammi sapere
     
  8. bikers

    bikers Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    no, perche' e' una successione non vi e' nessuna licenza edilizia perche' la casa e' stata costruita negli anni 42, e non rientra nel centro urbano del paese.
     
  9. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Per la descrizione dell'immobile è così come hai scritto prima?

    Cosa autorizzava la licenza del 1972 solo l'ampliamento oppure l'ampliamento con contestuale ristrutturazione di quella già esistente?

    fammi sapere
     
  10. bikers

    bikers Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    solo ampliamento fabbricato...
    Grazie :)
     
  11. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Bene unica scappatoia è:
    1) dimostrare che la parte da te acquistata non è la parte ampliata soggetta all'esonero degli oneri contributivi.
    oppure
    2) se i lavori sono stati ultimati e correttamente comunicati e sono trascorsi più di dieci anni da tale comunicazione il diritto da parte del comune è prescritto.

    Tale caso 2 dovrebbe essere disciplinato nel regolamento edilizio attuale e dell'epoca e comunque per le leggi in materia di prescrizione.

    Ciao salves
     
  12. bikers

    bikers Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    grazie infinite, in realta' anch'io sono arrivata a questa conclusione, ma non sai mai come la interpretano gli altri, specie i comuni che hanno bisogno di soldi.
    ti faro' sapere appena ho notizie
    ciao
    bikers
     
  13. Tommaso Badano

    Tommaso Badano Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Ciao Bikers. Scopro solo ora il tuo caso. A parte quanto già detto non saprei cosa dire, ma la tua situazione è sicuramente "interessante". Non credevo si potesse arrivare a tanto ... Ma oggi per fare cassa la mano pubblica stra provando tutte le strade possibile, soprattutto nei conffronti degli immobili (che non per nulla non si vendono più). Facci sapere come va a finire e ... in bocca al lupo!
     
  14. chicca65

    chicca65 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buonasera riapro questa vecchia discussione per chiederVi aiuto. Siamo una famiglia disperata. Nel dicembre dello scorso anno abbiamo acquistato tramite permuta una casa fatiscente completamente da ristrutturare da un vecchio contadino. Lui viveva in una casa senza bagno, senza gas, senza fognature, con tetto cadente in zona agricola. Noi abbiamo permutato con lui la nostra casa in paese coronando il sogno di una casa in piena campagna. Abbiamo destinato una cifra alla ristrutturazione accendendo un mutuo. Per noi è la prima casa e abitazione principale. Al momento di iniziare le pratiche di ristrutturazione il Comune ci chiede € 30.000 per oneri verdi (deruralizzazione). Ma noi abbiamo acquistato edificio di civile abitazione iscritto al Catasto dei Fabbricati nella categoria A/3. L'immobile è stato costruito anteriormente al 1 settembre 1967 e da allora non ha subito interventi edilizi o mutamenti di destinazione che avrebbero richiesto provvedimenti di concessione o autorizzazione (cito il contratto di acquisto). Il venditore ha cessato l'attività di imprenditore agricolo nel 1997 quando è andato in pensione e ha venduto tutti i terreni. Successivamente gli è stato concesso il numero civico.
    Ma gli oneri di urbanizzazione dobbiamo pagarli noi? Non doveva pagarli il venditore quando ha cessato l'attività agricola (in questo caso sono passati più di dieci anni)? Da quando decorre l'obbligo di pagarli? Può una casa iscritta al Catasto dei Fabbricati essere ancora rurale? E come potevamo noi esserne a conoscenza?
    Per favore datemi qualche notizia. la cifra che abbiamo avuto con il mutuo è esigua e se dobbiamo pagare così tanti oneri siamo in difficoltà per la ristrutturazione.
    Grazie.
    Chicca65
     
  15. SALVES

    SALVES Membro Senior

    Altro Professionista
    Puoi trascrivere cosa chiede il comune, ovviamente omettendo i dati personali?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina