1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. dsm71

    dsm71 Membro Attivo

    Privato Cittadino
    Vi pongo questo quesito.
    Asta giudiziaria fissata da ordinanza del gudice alle ore "x" ora alla quale l'ausiliario chiama regolarmente la procedura. Nella sala delle udienze si presenta una persona che ha presentato domanda e si sente dire dall'ausiliario di pazientare un quarto d'ora perchè vi era un'altra persona che aveva presentato domanda e che doveva partecipare alla vendita.Dopo un'ora e tre quarti la persona non è intervenuta e dopo insistenze dell'altro partecipante l'ausiliario procede alla vendita laggiudicazione viene fatto a 1/3 del prezzo della perizia. Successivamente la persona che aveva presentato domanda di partecipazione fà opposizione al giudice, asserendo che la sua domanda in quanto irrevocabile era manifestazione della volontà di partecipazione alla vendita e lagnandosi del fatto che era intervenuta pochi minuti dopo l'aggiudicazione. Il giudice ordina la comparizione dei creditori e delle due persone per un'udienza.
    Quali secondo voi possono essere i risvolti. Quali le azioni che l'aggiudicatario può porre in essere per tutelarsi?
    Grazie.
     
  2. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Asta con incanto o senza?
     
  3. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Credo si tratti di asta con incanto, se fosse stata del tipo "senza incanto" l'offerta del secondo concorrente sarebbe stata ugualmente valida e in busta chiusa.
    Visto allora che si presuppone "con incanto" l'assente potrà ricorrere all'aumento di 1/6 richiedendo una nuova asta:ok:
     
  4. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    che io sappia è 1/5
     
  5. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Dipende dal tribunale, in via di massima è 1/6, !
    1/5 invece è il ribasso relativo a ogni incanto a seguito asta deserta
     
  6. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    No.
    Il rilancio da effettuarsi entro 10gg a seguito di asta con incanto è di 1/5

    I ribassi sono decisi dai giudici: 1/5 da un'asta all'altra è molto
     
  7. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Stai parlando con uno molto esperto di aste, queste cose le seguo parecchio, comunque:

    Si può far ricorso all’Art. 584 del Codice Civile che stabilisce che chiunque può presentare, ad asta avvenuta entro 10 giorni, un’offerta superiore di almeno 1/6 al prezzo di aggiudicazione. In questo caso il Giudice deciderà di rifissare una seconda data per l’incanto.
     
  8. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    No.
    questa è parte delle spiegazioni data dall'Istituto vendite giudiziarie:

    Nei 10 giorni successivi all'aggiudicazione, solo per le vendite con incanto, è possibile che siano fatte offerte d'acquisto purchè siano superiori di 1/5 al prezzo di aggiudicazione.

    Tali offerte si fanno con le stesse modalità riportate sopra con la differenza che la cauzione deve essere uguale al doppio della somma versata per la gara precedente.

    A questa gara possono partecipare:

    gli offerenti in aumento
    l'aggiudicatario
    gli offerenti alla precedente gara (purchè abbiano integrato la cauzione).


    L'art 584 del codice civile parla di altro ;)
     
  9. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
  10. Umberto Granducato

    Umberto Granducato Fondatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Parli di un 584 del codice civile (parla di matrimonio...), quello che dici tu è l'art 584 del codice di procedura civile ;)
    L'art 584 del codice di procedura civile è stato modificato dalla legge n.80 del 14/05/2005. Il nuovo art 584 è questo:
    Art. 584. - (Offerte dopo l'incanto). - Avvenuto l'incanto,possono ancora essere fatte offerte di acquisto entro il termine perentorio di dieci giorni, ma esse non sono efficaci se il prezzo offerto non supera di un quinto quello raggiunto nell'incanto. Le offerte di cui al primo comma si fanno mediante deposito in cancelleria nelle forme di cui all'articolo 571, prestando cauzione
    per una somma pari al doppio della cauzione versata ai sensi dell'articolo 580. Il giudice, verificata la regolarita' delle offerte, indice la gara, della quale il cancelliere da' pubblico avviso a norma dell'articolo 570 e comunicazione all'aggiudicatario, fissando il termine perentorio entro il quale possono essere fatte ulteriori offerte a norma del secondo comma. Alla gara possono partecipare, oltre gli offerenti in aumento di cui ai commi precedenti e l'aggiudicatario, anche gli offerenti al precedente incanto che, entro il termine fissato dal giudice, abbiano integrato la cauzione nella misura di cui al secondo comma. Nel caso di diserzione della gara indetta a norma del terzo
    comma, l'aggiudicazione diventa definitiva, ed il giudice pronuncia a carico degli offerenti di cui al primo comma la perdita della cauzione, il cui importo e' trattenuto come rinveniente a tutti gli effetti dall'esecuzione.
     
  11. marco tartari

    marco tartari Membro Attivo

    Altro Professionista
    Allora, come puoi leggere sotto abbiamo ragione entrambi



    L'aumento del quinto
    Consiste in una offerta di acquisto da farsi entro 10 giorni dalla conclusione dell'asta, che propone un prezzo superiore di almeno un quinto a quello raggiunto nell'asta stessa (articolo 584 del codice di procedura civile). Tale offerta deve contenere una dichiarazione scritta in cui si specifica il prezzo, i tempi e i modi di pagamento e ogni altro elemento utile richiesto per valutare l'offerta stessa. L'offerta va presentata alla cancelleria del giudice o al professionista da lui delegato, nel posto da lui indicato e con essa va versata anche una cauzione doppia rispetto a quella prevista dal provvedimento del giudice.

    Si indice allora una nuova gara a cui partecipano tutti quelli che erano presenti all'asta precedente (quindi non solo chi ha avuto l'aggiudicazione provvisoria), oltre naturalmente a chi ha fatto l'offerta al rialzo. Chi vuole esserci, deve versare però anch'egli il doppio della cauzione. Gli offerenti in aumento che non partecipassero alla gara perdono completamente la cauzione stessa. Se nessuno di essi partecipa, l'immobile diviene di chi ha ottenuto l'aggiudicazione provvisoria..

    Il meccanismo del rialzo del quinto è stato sfruttato in passato da truffatori anche come arma impropria, anzi penalmente illecita, per ottenere tangenti sulla vendita. Il messaggio dato agli acquirenti suona come: "o mi paghi, o ti porto via l'immobile". Il codice penale (articoli 353-354 c.p.) punisce espressamente questo tipo di minacce che, grazie ai nuovi meccanismi di legge, sono divenute abbastanza rare.

    Nel caso delle aste "vecchie", ancora regolate dalla vecchia procedura, l'aumento è di un sesto.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina