1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Centomini

    Centomini Ospite

    Un dubbio,

    ma se uno fa un preliminare con uno straniero, che ne so, un inglese che non capisce una parola di italiano, ne scritta ne orale.

    1) Bisogna chiamare un'interprete, e l'interprete può essere uno qualsiasi che conosca la lingua, basta che firmi un foglio che si assume le responsabilità di aver letto e tradotto il testo allo straniero "a regola d'arte" e correttamente.

    2) Bisogna chiamare un'interprete e questo deve essere iscritto a un albo di persone giurate e autorizzate a spiegare e tradurre simultaneamente i contratti o cose legali.

    3) Non si può chiamare un'interprete di qualunque tipo, che spieghi una cosa che lo straniero dovrà firmare in italiano, bisogna che il testo sia tradotto in forma scritta e lo straniero firmerà la copia tradotta.

    4) Se lo straniero si assume la responsabilità di firmare problemi suoi, c'è la presunzione che chi firma conosca e comprenda quello che c'è scritto.

    ?
     
  2. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    usi la modulistica in inglese
     
  3. Centomini

    Centomini Ospite

    Ok, ma se l'altra parte non conosce l'inglese!? :D
     
  4. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ci sono anche in russo
     
  5. Centomini

    Centomini Ospite

    Non ci siamo capiti... prima di tutto, metti anche il mio caso, io non uso formulari
     
  6. elisabettam

    elisabettam Membro Senior

    Agente Immobiliare
    peggio per te :risata:
     
    A Rosa1968 piace questo elemento.
  7. Centomini

    Centomini Ospite

    Certo che qua l'ambiente è strano; a quei TRONATI tipo:

    ho-acquistato-casa-ma-non-ho-soldi-il-venditore-può-chiedermeli-?

    oppure

    si-può-vendere-casa-totalmente-abusiva-ecomostro-con-scorie-radioattive-sotterrate-in-giardino?

    rispondete subito, uno che fa una domanda seria, vi ci vuole le pinze.

    Si fiorellino, dico a te, con le tue tre risposte in croce! :sorrisone: :sorrisone: :sorrisone: :sorrisone:

    Via scherzo, sopportatemi.

    F
     
    A dormiente piace questo elemento.
  8. sarda81

    sarda81 Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Io so che bisogna chiamare un interprete iscritto al ruolo, e deve presenziare anche all atto notarile!! mi è capitato con dei tedeschi

    il proprietario parlava benissimo il tedesco, e se non ricordo male abbiamo sfruttato lui per il preliminare ;)
    Ma il notaio in sede di atto ha voluto un interprete iscritto al ruolo!
     
    A dormiente piace questo elemento.
  9. topcasa

    topcasa Membro Storico

    Agente Immobiliare
    Iscritto all'albo
     
  10. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    Nulla vieta che una persona di nazionalità inglese firmi un contratto redatto in italiano e la sua firma è valida senza problemi, purché costui conosca davvero l'italiano (è atto che viene redatto da P.U.).

    Per quanto riguarda l'obbligo di traduzione si ricorda che trattandosi di una lingua comunitaria (tra l'altro l'italiano è scomparso dalle traduzioni del Parlamento Europeo) dipende dalla forma di stesura del contratto, da chi si prende la responsabilità della traduzione delle due versioni e dal luogo di stipula.

    Peraltro, trattandosi di atto in cui il pubblico ufficiale (notaio) è responsabile della veridicità delle affermazioni fatte in sua presenza, è ovvio che per evitare future contestazioni, richieda l'intervento di un interprete iscritto presso il Tribunale competente per luogo.
     
  11. paolog

    paolog Ospite


    Occorre fare un contratto con entrambi gli idiomi (buona cosa è impaginare a due colonne con la lingua originale a destra e la traduzione a sinistra) e con l'accortezza di inserire una clausola contrattuale che indichi qual'è quello che é determinante per la validità del contratto stesso.
     
  12. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    in nessuna norma troviamo l'indicazione della lingua in cui deve essere redatto lasciando libera autonomia alle parti (art. 1322 cod.civ). Quindi vale qualsiasi lingua si decida di utilizzare assumendosi ognuno dei contraenti la responsabilità di interpretare correttamente la lingua che dichiara di conoscere.


    Però nel caso in esame si tratta di atto che prevede l'obbligatorio intervento di un Pubblico Ufficiale (notaio) ed è necessario che egli sia in grado di comprendere perfettamente ogni singola pattuizione per raccogliere la volontà delle parti assumendosi la responsabilità di certificare la veridicità di tali manifestazioni (questa è la ragione per cui chiedono la traduzione di un interprete).

    L'altro aspetto da considerare è che in ipotesi di ricorso alla Magistratura il codice di procedura civile prevede espressamente che in tutto il processo è prescritto l'uso della lingua italiana (art. 122 c.p.c.) e in ipotesi in cui chi deve essere sentito non conosca la lingua italiana deve essere affiancato da un interprete (il cui nominativo il Giudice trarrà dall'apposito elenco esistente presso il Tribunale). Ovvio che in questo caso se lo straniero comprende perfettamente la lingua italiana l'interprete non interviene e gli atti sono perfettamente validi.

    Per quanto esposto qualsiasi soluzione che non preveda l'intervento di un interprete potrebbe essere censurata dal notaio (meglio sentire il notaio che registrerà il compromesso e/o il rogito)
     
  13. Centomini

    Centomini Ospite

    Ma io non intendevo un preliminare fatto da un notaio!

    Intendevo in linea generale, un preliminare fatto da privati! Ma dove ciascuno non conosce minimamente la lingua dell'altro (venditore che sa l'italiano e non l'inglese, acquirente che sa l'inglese e non l'italiano).
     
  14. Kurt

    Kurt Membro Attivo

    Altro Professionista
    Avevo compreso bene.

    Devi considerare che il preliminare è un atto fondamentale. E' su questo che si basa il successivo contratto di compravendita che non può mutare le condizioni del preliminare se non con l'espresso consenso di ambedue le parti.
    Se nessuno dei due conosce la lingua dell'altro chi può dire di avere firmato un atto conforme? Chi vi farebbe la traduzione? Tanto vale farla fare bene e in accordo con il Notaio che sceglierete.

    Poni che riesci a fare registrare il preliminare da un terzo, poi vai dal notaio che non conosce l'inglese o non vuole assumersi la responsabilità, che fai? Se emerge che la controparte non conosce l'italiano e che i due contratti non sono stati tradotti da un interprete professionista possono sorgere problemi a non finire.

    Se fosse un semplice contratto tra le parti non ti avrei consigliato di fare un passaggio dal notaio ma, in ragione dell'assoluta non conoscenza delle rispettive lingue, di fare eseguire una traduzione giurata da un interprete del Tribunale.

    Tieni presente che se chiedi un preventivo di solito non fa pagare nulla per il preliminare, se fai poi da lui il rogito. Anche i notai risentono della crisi ed è meglio incassare meno ma incassare piuttosto che non incassare nulla
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina