• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

alessandra1964

Membro Attivo
Professionista
Salve, ho risposto ad un annuncio di pubblicità in cui si vendeva un piccolo bilocale indicando che del 1920 accatastato A/4, quindi abitativo. Ho visionato l'immobile e fatto proposta di acquisto e versato euro mille come caparra.
Il venditore ha accettato. Nella proposta di acquisto non abbiamo nominato la presenza o assenza di agibilità, ma solo che ci fossero la conformità urbanistica e catastale, fognaria e ho accettato che non ci fossero i certificati di corrispondenza impianti dato che era totalmente da ristrutturare.
Il geometra del venditore (suggerito dall'agenzia) ha presentato la relazione tecnica 2 giorni prima del rogito.
In tale relazione si attestava che l'immobile è ANTE 1936.
Sia il mio geometra che il notaio mi hanno fatto presente che in tale situazione non c'è l'agibilità e dato che sono solo 36 mq non si potrà ottenere neanche in futuro data l'esiguità della metratura.
Ho annullato l'atto e il mio legale mi ha detto che il venditore è inadempiente per cui posso richiedere la caparra da me versata, dato che io non potevo venire a conoscenza di tale carenza prima del rogito.
Il venditore non sembra disposto a restiturmela. Ovviamente il notaio mi presenterà la sua notula, dato che l'atto era già pronto ed anche il mio geometra, ha avuto il suo da fare , parlando col geometra del venditore e spiegandomi la situazione... Secondo voi chi ha ragione? Il legale sembra certo di poter chiedere il doppio caparra e le spese, a me basterebbero i miei mille..
grazie
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Salve, ho risposto ad un annuncio di pubblicità in cui si vendeva un piccolo bilocale indicando che del 1920 accatastato A/4, quindi abitativo. Ho visionato l'immobile e fatto proposta di acquisto e versato euro mille come caparra.
Il venditore ha accettato. Nella proposta di acquisto non abbiamo nominato la presenza o assenza di agibilità, ma solo che ci fossero la conformità urbanistica e catastale, fognaria e ho accettato che non ci fossero i certificati di corrispondenza impianti dato che era totalmente da ristrutturare.
Il geometra del venditore (suggerito dall'agenzia) ha presentato la relazione tecnica 2 giorni prima del rogito.
In tale relazione si attestava che l'immobile è ANTE 1936.
Sia il mio geometra che il notaio mi hanno fatto presente che in tale situazione non c'è l'agibilità e dato che sono solo 36 mq non si potrà ottenere neanche in futuro data l'esiguità della metratura.
Ho annullato l'atto e il mio legale mi ha detto che il venditore è inadempiente per cui posso richiedere la caparra da me versata, dato che io non potevo venire a conoscenza di tale carenza prima del rogito.
Il venditore non sembra disposto a restiturmela. Ovviamente il notaio mi presenterà la sua notula, dato che l'atto era già pronto ed anche il mio geometra, ha avuto il suo da fare , parlando col geometra del venditore e spiegandomi la situazione... Secondo voi chi ha ragione? Il legale sembra certo di poter chiedere il doppio caparra e le spese, a me basterebbero i miei mille..
grazie
Con due tecnici di mezzo (il tuo e quello del venditore) e due avvocati ( il tuo legale e il notaio) non si capisce dove stia il problema ne quale la motivazione, per non avanzare nell’acquisto.

Oltre al fatto che pagarli tutti quanti ti costera’ molto di più di mille euro.
Bei professionisti di parte.

Se sapevi fin da subito, che l’immobile era degli anni venti, Che sia del 34 o del 36 poco importa.
Essendo pubblico, Il venditore non poteva occultare o manomettere un tale dato.

Cosi’ come le caratteristiche dell’immobile.
Tali erano e tali rimangono.

Se avesse avuto i requisiti, per essere dotato del certificato, si sarebbe potuto riconformare anche fosse stato del 1880.

Probabilmente, si tratta di uno di quei fabbricati in zone centrali, presumibile pure che non costasse parecchio.

Su questa scorta, se il fabbricato e’ dichiarato residenziale, fossi in te poserei l’ascia di guerra, procedendo al rogito.

Va da se’, che un immobile che esisteva gia’ nel 1920, non poteva osservare le norme introdotte nel 1934, ne tantomeno quelle attuali del ventunesimo secolo, quando tutte queste non erano neppure state concepite.

Diglielo al tuo legale che vuole farti buttare via altri soldi.

La mancanza della dotazione del certificato di per se’ non inibisce una compravendita.
Semmai incide sulla sua commerciabilità e quindi sul prezzo.

Un telegrafo, concepito nel passato, non puo’ avere le stesse prestazioni di un moderno smartphone.
 
Ultima modifica:

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Concordo con PyerSilvio, non vedo dove stia il problema reale e concredo nella trattativa di cui hai scritto.

L'immobile è comunque vendibile e alienabile e sicuramente il prezzo pattuito sarà congruo per non dire esiguo.

Il venditore non ti ha occultato alcun dato e non è stato scorretto.

Semmai direi che il tuo avvocato non mi pare in vena di dispensare pareri molto sensati.

Fossi in te, chiamerei il notaio e fisserei la data per il rogito, senza perdere altro tempo con fisime mentali per problemi inesistenti e senza sperperare altri soldi per ricevere pareri fuori dal mondo.
 

elisabettam

Membro Senior
Agente Immobiliare
Con due tecnici di mezzo (il tuo e quello del venditore) e due avvocati ( il tuo legale e il notaio) non si capisce dove stia il problema ne quale la motivazione, per non avanzare nell’acquisto.

Oltre al fatto che pagarli tutti quanti ti costera’ molto di più di mille euro.
Bei professionisti di parte.

Se sapevi fin da subito, che l’immobile era degli anni venti, Che sia del 34 o del 36 poco importa.
Essendo pubblico, Il venditore non poteva occultare o manomettere un tale dato.

Cosi’ come le caratteristiche dell’immobile.
Tali erano e tali rimangono.

Se avesse avuto i requisiti, per essere dotato del certificato, si sarebbe potuto riconformare anche fosse stato del 1880.

Probabilmente, si tratta di uno di quei fabbricati in zone centrali, presumibile pure che non costasse parecchio.

Su questa scorta, se il fabbricato e’ dichiarato residenziale, fossi in te poserei l’ascia di guerra, procedendo al rogito.

Va da se’, che un immobile che esisteva gia’ nel 1920, non poteva osservare le norme introdotte nel 1934, ne tantomeno quelle attuali del ventunesimo secolo, quando tutte queste non erano neppure state concepite.

Diglielo al tuo legale che vuole farti buttare via altri soldi.

La mancanza della dotazione del certificato di per se’ non inibisce una compravendita.
Semmai incide sulla sua commerciabilità e quindi sul prezzo.

Un telegrafo, concepito nel passato, non puo’ avere le stesse prestazioni di un moderno smartphone.
Sei sicuro che non potrai ottenere l'agibilita ? Credevo che il limite fosse 28 mq
 

alessandra1964

Membro Attivo
Professionista
Salve, il limite per l'agibilità è 45mq ...dalla toponimastica risulta che l'immobile era presente nel 1936, ma non prima per cui per legge l'agibilità serve, così mi dicono il notaio e il mio geometra; non sono riusciti ad risalire ad alcuna data antecedente al 1936. La data indicata in pubblicità ossia il 1920 risulta essere stata messa a caso
 

Zagonara Emanuele

Membro Assiduo
Agente Immobiliare
Salve, il limite per l'agibilità è 45mq ...dalla toponimastica risulta che l'immobile era presente nel 1936, ma non prima per cui per legge l'agibilità serve, così mi dicono il notaio e il mio geometra; non sono riusciti ad risalire ad alcuna data antecedente al 1936. La data indicata in pubblicità ossia il 1920 risulta essere stata messa a caso

Ma visto che sei super precisa e fiscale ed hai sguinzagliato un nuvolo di super esperti (avvocati, notaio, tecnici, esorcisti, veggenti e pure gli alieni) qualcuno di loro si è preso la briga di informarti che negli anni '20 e '30 le normative e le leggi erano molti diverse da oggi?

Qualcuno ti ha detto che nel frattempo c'è stata una guerra (che potrebbe aver distrutto documentazioni private e pubbliche) e che non solo sono cambiate leggi e normative ma il mondo intero?

Di questo passo non mi stupirei se saltasse fuori il "genio di turno" che chiederà la demolizione dei palazzi storici perchè sprovvisti di licenza edilizia, certificato di abitabilità o di agibilità.

Potremmo iniziare ad abbattere il colosseo, la torre di Pisa, palazzo Pitti, palazzo Ducale (tanto per fare qualche esempio); che ne dite? Ho avuto una buona idea?
Sono diventato un genio anch'io?
:risata: :risata: :risata:
 
Ultima modifica:

alessandra1964

Membro Attivo
Professionista
Ma visto che sei super precisa e fiscale ed hai sguinzagliato un nuvolo di super esperti (avvocati, notaio, tecnici, esorcisti, veggenti e pure gli alieni) qualcuno di loro si è preso la briga di informarti che negli anni '20 e '30 le normative e le leggi erano molti diverse da oggi?

Qualcuno ti ha detto che nel frattempo c'è stata una guerra (che potrebbe aver distrutto documentazioni private e pubbliche) e che non solo sono cambiate leggi e normative ma il mondo intero?

Di questo passo non mi stupirei se saltasse fuori il "genio di turno" che chiederà la demolizione dei palazzi storici perchè sprovvisti di licenza edilizia, certificato di abitabilità o di agibilità.

Potremmo iniziare ad abbattere il colosseo, la torre di Pisa, palazzo Pitti, palazzo Ducale (tanto per fare qualche esempio); che ne dite? Ho avuto una buona idea?
Sono diventato un genio anch'io?
:risata: :risata: :risata:
probabilmente non sono riuscita a spiegarmi bene...non ho sguinzagliato nessuna squadra...il notaio credo sia parte necessaria per un rogito, ed un geometra che mi spieghi il contenuto di una relazione tecnica, pure! Quindi ritengo che tutta questa ironia sia a dir poco...SUPERFLUA!! Cmq mi era stato detto dal venditore attraverso il suo mediatore che era ante 34 per cui non era necessaria l'agibilità ..il mio geometra ed il notaio si sono limitati a farmi presente che quello che mi è stato riferito da parte del venditore non corrisponde alla realtà...poi continuate pure ad ironizzare, se cio' vi diverte.

Per quello che mi riguarda potete anche chiudere questa discussione, ho fatto una domanda a persone che pensavo potessero darmi una opinone super partes, ma vedo che non è così e che qualcuno ha risposto quasi come se avessi toccato....un parente :riflessione:...quindi...grazie lo stesso..saluti
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
che qualcuno ha risposto quasi come se avessi toccato....un parente
Ma non e’ vero Alessandra.

Nelle diagnosi che sono state fatte sono emerse tutte le risposte che cercavi, Terapie espresse senza dover guardare in faccia a nessuna delle parti.

Ovvio, che un venditore che fa’ i capricci a trattenersi mille euro, e’ un brocco e il suo tecnico invece pure.

Considerato che l’immobile, era da ristrutturare e o da riconformare, per poter rendere al meglio.

Prodotto che resta e restera’ trasferibile profuturo.

Del notaio che si vuole pagato senza alzare neppure la penna meglio non sporcarsi neppure la bocca.

Evidentemente sei stata consigliata ed assistita male.

Se vuoi far l’offesa fai tu.

Via dalla delusione e del vittimismo il dado ti e’ stato tratto.

Il prezzo Alessandra.

Il prezzo com’e’ .?

Ad ottant’anni suonati, senza certificazioni euro19, una Fiat topolino resta un ottimo investimento.

Se la casa li vale comprala!
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

manukka ha scritto sul profilo di John S..
john S. ho bisogno di parlarti sto in una situazione simile alla tua mio padre finge volere aiutare e vuole vendere casa . lui non si é mai interessato scrivimi su facebook ok? https://www.facebook.com/manuela.amari.92
StefyC88 ha scritto sul profilo di Fran77.
Certamente! Senza problemi mi puoi contattare in privato, non ti nego che conosco il Salento, anche perché sono Pugliese, più specificatamente di Foggia, ma vivo a Roma, quindi sarebbe magnifico se potessimo collaborare insieme. Aspetto tue notizie! A presto
Alto