• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

FRANCEXXX81

Membro Junior
Privato Cittadino
Buonasera,
in data 12/11/2016 ho sottoscritto una prposta di acquisto immobiliare di € 118.000 per un appartamento di 100 mq circa (93 mq interni e 7 mq di balcone) composto da ingresso tre camere cucina bagno e ripostiglio. In data 21/11/2016 ho verificato con una visura catastale AGENZIA ENTRATE che lo stesso appartamento è conforme ai dati (foglio, particella e sub), ma la metratura è inferiore : mq 93 totali di cui 86 mq interni e 7 di balconi.
Ho contattato l'agente immobiliare per comunicare quanto verificato è lui ha in primis ha confermato che la proposta è stata accettata da tutti i venditori (sono 7 ) e poi ha giustificato la non precisa metratura con il termine CIRCA inserito nella proposta, in quanto le misurazioni gli vengono fornite dal suo geometa.
Allo stato, non ho versato nessuna caparra controfirmatoria, ma nella proposta è scritto che una volta accettata da tutti i proprietari la proposta e comunicata l'accettazione allo scrivente, si perfezionerà in vincolo contattuale (contratto preliminare). All'accettazione verrà fisstata la data per il compromesso in cui verrà versato il 10% dell'importo di € 118.000. il rogito notarile verrà effettuato non appena la parte proponente avrà esito positivo alla delibera del mutuo.
Alla luce di quanto sopra, vorrei rinegoziare la proposta o in estremo annuallarla in quanto non sono indicati correttamente i dati dell'immobile (metratura). L'agente immobiliare vuole incontrarsi con me insieme al geometra che ha effettuato i rilievi e cercare una soluzione al problema, sostenendo che l'errore è in buona fede.
Presentandomi in diversi uffici bancari per una consulenza mutuo tutti hanno evidenziato che il prezzo di € 118.000 non è congruo alle valutazioni di un eventuale perizia.
io sarei propenso a rinegoziare, magari scalando il prezzo a € 110000, in questo caso sarebbero € 1300 circa in meno per ogni proprietario...
consigli?
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
non capisco perché l'agente ha indicato i metri in proposta quando gli immobili si vendono a corpo e non a misura. Ora a lui l'uscita dal guaio da lui stesso causato.
 

FRANCEXXX81

Membro Junior
Privato Cittadino
grazie per la celere risposta.
a me l'appartamento piace molto, e prenderlo a € 110000 sarebbe un vero affare visto la zona ed i prezzi a cui vendono catapecchie.
io penso che dovrà sudare un bel po nel parlare con i proprietari a cui ha fatto firmare una scheda dell'immobile (da me visionata e conservata) in cui il bene ha misure errate e valori commerciali errati, in quanto considerato nella fascia A/2 e non in A/3 come risulta dalla stessa scheda e dalla mia visura.
penso che al momento ho un semplice foslgio di carta in mano, in quanto il termine circa non penso possa essere accorpato a nessuna metratura, in questo caso comprende circa 7 metri quadri.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
grazie per la celere risposta.
a me l'appartamento piace molto, e prenderlo a € 110000 sarebbe un vero affare visto la zona ed i prezzi a cui vendono catapecchie.
io penso che dovrà sudare un bel po nel parlare con i proprietari a cui ha fatto firmare una scheda dell'immobile (da me visionata e conservata) in cui il bene ha misure errate e valori commerciali errati, in quanto considerato nella fascia A/2 e non in A/3 come risulta dalla stessa scheda e dalla mia visura.
penso che al momento ho un semplice foslgio di carta in mano, in quanto il termine circa non penso possa essere accorpato a nessuna metratura, in questo caso comprende circa 7 metri quadri.
Esattamente per come hai detto, rischi di perdere l'opportunita', di conseguire un buon affare, per una manciata di euro.

Pure tu, che hai avanzato la proposta, non sei esente da responsabilita'.

Verifiche e misurazioni andavano fatte prima.

Dubito che la proposta, possa essere stata espressa a misura e non a corpo, come e' largamente diffuso da decenni.

Ma pure se lo fosse non era vincolante.

Si compra - vende a corpo e non a misura, proprio ad evitare, diatribe e malintesi, del genere di quelle che stai qui sollevando.

Risibili, pure le motivazioni rilevate, riferite ai valori espressi di perizia, per il conseguimento del mutuo.

Pur non conoscendo la durata, dell'ammortamento previsto, si puo' facilmente desumere, che 7/8mila euro di differenza, abbiano una incidenza irrisoria sulle rate e quindi, sull'intera economia dell'acquisto.

Detto questo, ti suggerisco di non preoccuparti piu di tanto, delle camicie sudate degli altri, per aggiustare la pratica.

Bensi' delle tue, per la difficolta' di reperire un nuovo prodotto, con pari bonta' e caratteristiche, rapportate al prezzo richiesto.

Molto probabile, che tirando troppo la corda, non ti daranno piu' la casa.

Lasciandoti da solo, col mutuo e l'istruttoria della pratica gia' ottemperata, ma senza il bene immobile ad esso connessa.

Atteso, che pure fino ad ora, ti e' stato consentito di procedere all'acquisto, senza neppure versare e rischiare, lo straccio di un acconto - caparra.

Oltre alla concessione del salvo buon fine mutuo.

Circostanza che determina, che pure le mediazioni, siano state sospese, in attesa del TUO, nulla osta bancario.

Cio' significa che qualcuno si e' dato da fare per il tuo interesse.

Chi troppo vuole nulla stringe.
 
Ultima modifica:

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
Concordo al 1.000 x 1.000 con PyerSilvio.

I mq non devono propio essere citati, perchè i mq commerciali non corrispondono a quelli catastali e l'agente immobiliare evidentemente ha poca esperienza.

Tu stai cercando di sfruttare a tuo favore la sua inesperienza, ma temo proprio che rischi di grosso a perdere l'appartamento.
 

FRANCEXXX81

Membro Junior
Privato Cittadino
Io non voglio speculare sull'acquisto ma voglio solo pagare il giusto prezzo. Purtroppo la valutazione a metro quadro per zona da agenzia entrate e borsino immobiliare è di circa 1050 euro di media. Quindi il valore sarebbe intorno a 97650 per 93 e 105000 se fossero veramente 100 mq. Alla luce di ciò, io starei pagando circa 20000 di surplus che non rientrerebbe per intero nel valore effettivo che potrebbe tenere in considerazione un.potenziale perito. Sinceramente spererei in un ribasso di 1000 a metro quadro in meno e quindi 111000.
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Io non voglio speculare sull'acquisto ma voglio solo pagare il giusto prezzo. Purtroppo la valutazione a metro quadro per zona da agenzia entrate e borsino immobiliare è di circa 1050 euro di media. Quindi il valore sarebbe intorno a 97650 per 93 e 105000 se fossero veramente 100 mq. Alla luce di ciò, io starei pagando circa 20000 di surplus che non rientrerebbe per intero nel valore effettivo che potrebbe tenere in considerazione un.potenziale perito. Sinceramente spererei in un ribasso di 1000 a metro quadro in meno e quindi 111000.
peccato che al proprietario non interessa.
 

Bagudi

Moderatore
Membro dello Staff
Agente Immobiliare
I mq non devono propio essere citati, perchè i mq commerciali non corrispondono a quelli catastali e l'agente immobiliare evidentemente ha poca esperienza.
<Vedo che non vuoi capire che la realtà non è quella dei Borsini Immobiliari, ma quella del mercato in cui ti muovi e che le tue valutazioni cadono nel vuoto.

Stai attento a non perdere l'appartamento e a non far imbestialire il proprietario: i patti erano diversi.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Io non voglio speculare sull'acquisto ma voglio solo pagare il giusto prezzo.
...Che è quello che hai già concordato con il proprietario in sede di trattativa.

Ti piacerebbe, se dopo che hai raggiunto la fusione dell'accordo, avviato la pratica di mutuo, fissato l'appuntamento col notaio, uno dei sette coeredi, si svegliasse al mattino e decidesse, che il prezzo convenuto e sottoscritto, non sia congruo e che debba essere maggiorato di sette - otto mila euro.

Immagino di no.

Detto questo, rifaccio mie tutte le argomentazioni esposte, ribadendo che le case, si acquistano coi soldi.
Che vanno versati.

Di fatto, la circostanza di non aver versato neanche il becco di un quattrino, ti pone in una condizione di assoluta debolezza, giacchè i venditori, possono liberarsi ed allontanarsi da te, in qualsiasi momento senza colpo subire.

Personalmente penso che te lo meriteresti.

Che arrivasse un nuovo acquirente, offrendo qualche migliaia di euro in più, per aggiudicarsi con maggiore efficacia e rapidità, un oggetto di vendita giudicato ideale, perfino da te che lo disprezzi.
 

FRANCEXXX81

Membro Junior
Privato Cittadino
Ringrazio tutti per le risposte.
Innanzitutto io non disprezzo l'immobile, ma neanche posso far finta che non ci sia stato un errore da parte dell'agente immobiliare a mio discapito. Parto dal presupposto che sia in buona fede ma a me sta vendendo un bene non conforme alla visita catastale. Detto ciò io ho i soldi per la ristrutturazione e le spese accessorie ma non posso indebutarmi perché devo coprire il margine tra perizia e dichiarato in atto. La perizia sarebbe su 93 mq e non su 100 quindi soldi in meno.
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Ringrazio tutti per le risposte.
Innanzitutto io non disprezzo l'immobile, ma neanche posso far finta che non ci sia stato un errore da parte dell'agente immobiliare a mio discapito. Parto dal presupposto che sia in buona fede ma a me sta vendendo un bene non conforme alla visita catastale. Detto ciò io ho i soldi per la ristrutturazione e le spese accessorie ma non posso indebutarmi perché devo coprire il margine tra perizia e dichiarato in atto. La perizia sarebbe su 93 mq e non su 100 quindi soldi in meno.
Infatti.

Fino ad ora per brevità non ho voluto affrontare l'argomento.

Posto che, a differenza di quanto affermi, le identificazioni catastali sono corrette e, i suoi valori, esulano dal prezzo concordato in proposta.

La questione del dichiarato in atto è fondamentale.

Potresti pure avere bisogno dei venditori, che si prestino ad effettuare delle partite economiche "di giro", che ti consentano di effettuare l'atto.

Circostanza, che la tua eventuale condotta di recriminazione, potrebbe esserti preclusa.

Capienza di acquisto, mutuo, volontà piu' o meno decise di indebitarsi, perizie piu' o meno congrue, sono tutti oneri e adempimenti che spettano a te.

I venditori attendono solo di incassare il ricavo della vendita.

Se hai paura molla l'osso.
 

FRANCEXXX81

Membro Junior
Privato Cittadino
Non capisco perché ci sia tutto questo astio nei miei confronti. Non sarebbe nemmeno gradito ai venditori trovarsi con un pugno di mosche in mano quando non passa il mutuo visto che è vincolante. Penso che da normale cittadino abbia diritto alla professionalità dell'agente visto che lo pago. A questo punto che cosa pensare: bisogna avere fortuna a trovarne di professionali.
 

FRANCEXXX81

Membro Junior
Privato Cittadino
Nella proposta non c'è scritto questa formula del corpo e non.a misura, ma bensì appartamento di 100 mq circa composto da ingresso tre camere da letto, cucina bagno e ripostiglio.
 

Avv Luigi Polidoro

Nuovo Iscritto
Membro dello Staff
Professionista
Perdonami, più di uno di coloro che mi hanno preceduto ti ha posto una domanda precisa: la proposta fa riferimento alla vendita a corpo / a misura?
 

FRANCEXXX81

Membro Junior
Privato Cittadino
Mi chiedo allora che tutti i possibili acquirenti devono sempre munirsi di visita catastale in proprio e non fidarsi.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

This in not a love song This in not a love song This in not a love song This in not a love song
(Not a love song!)
buonasera se l'acquirente di un immobile stipula il compromesso con caparra e poi si accorge che l'immobile presenta delle difformità tra la planimetria e lo stato di fatto, può pretendere la restituzione della caparra, anche se l'immobile è sanato prima del rogito?
Grazie
Alto