• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

StLegaleDeValeriRoma

Membro Assiduo
Professionista
Sul tema delle proprietà comuni nel condominio una recentissima ordinanza della II sezione civile della Cassazione pubblicata il 2 marzo 2017 ha espresso il principio per cui «nel caso di un edificio costruito da più soggetti su suolo comune, il condominio insorge nel momento in cui avviene l'assegnazione in proprietà esclusiva dei singoli appartamenti». E, «per effetto dell'assegnazione delle singole porzioni, insorge altresì la presunzione legale di comunione “pro indiviso” di quelle parti del fabbricato che, per ubicazione e struttura, siano, in tale momento, destinate all'uso comune o a soddisfare esigenze generali e fondamentali del condominio stesso». A meno che non risulti chiaramente la volontà di riservare «esclusivamente ad uno dei condomini la proprietà di dette parti e di escluderne gli altri».

Con l'ordinanza n. 5335 citata, la Cassazione ha rigettato il ricorso di un condomino che rivendicava la proprietà esclusiva dei sottotetti e per questo aveva impugnato una delibera assembleare.
Nell'ipotesi di edificio costruito da una sola persona i giudici romani hanno precisato che «la situazione di condominio edilizio si ha per costituita nel momento stesso in cui l'originario unico proprietario ne operi il frazionamento, alienando ad un terzo la prima unità immobiliare suscettibile di separata utilizzazione
 
Ultima modifica di un moderatore:

Bastimento

Membro Storico
Privato Cittadino
Meno male, mi sembra proprio una sentenza giusta e logica!
Sempre che tu non tragga conclusioni generalizzate.

La sentenza riguardava, se leggo bene,
un edificio costruito da più soggetti su suolo comune,
Suolo comune, costruzione in comunione: mi sembra ovvio che le parti non assegnate in proprietà esclusiva restino comuni in capo agli originari costruttori-proprietari; solo se tali locali siano
parti del fabbricato che, per ubicazione e struttura, siano, in tale momento, destinate all'uso comune o a soddisfare esigenze generali e fondamentali del condominio stesso
queste verranno considerate comuni ai nuovi acquirenti, potendosi ipotizzare fossero fin dall'origine BCNC.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

VINCENZODIVAIO79 ha scritto sul profilo di Kurt.
buona sera in riferimento alle riparazioni impianto centralizzato, diramazione in casa pare sia a carico del condomino, ma in caso di assenza di chiavi per chiudere diramazione (impianto storico) è sempre al carico del condomino?
io sono vittima chi mi deve risarcire?tutti fuggono
Alto