1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. roberta1982

    roberta1982 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Buonasera a tutti, finalmente ho trovato un forum che forse fa al caso mio. La storia è un pò lunga ma spero che qualcuno di voi abbia la voglia di leggerla.
    A maggio di quest'anno decido di cambiare casa, e prendere una villa in affitto. Specifico subito che questa abitazione dovrà essere sede della mia srl. Mi occupo di e commerce, realizzo siti, e ne ho altri di mia proprietà. Trovo quello che fa al caso mio, e faccio la mia proposta 1200 euro per una villetta singola. Arrivo ai 1500 dopo diverse trattative. Cifra che si giustifica anche per il grande interrato che per la mia attività è essenziale. Porto immediatamente visura camerale, redditi soci, + reddito del garante in quanto l'impresa è nuova. Posso fornire fideiussione bancaria senza alcun problema. Firmo la proposta, e a fine giugno il contratto. La casa mi è stata fatta vedere ammobiliata, quando però sono andata verso la fine di settembre per prendere due misure, una volta tolti i mobili con mio sommo stupore noto le pareti piene di muffa. Chiamo l'agenzia, la quale mi fa notare che sul contratto firmato c'è scritto che il proprietario consegna i locali tinteggiati e che a mia volta devo fare la medesima cosa. Beh ma i locali sono sporchi, le pareti piene di muffa, e sinceramente comincio ad alterarmi. La proprietà si rifiuta di sistemarmi la casa, e mi intima a riconsegnare le chiavi che nel frattempo mi erano state date qualche gg prima solo per un discorso di misure e di eventuali pulizie + mobili, visto che la proprietà si trova in una regione lontana. Al telefono vengo minacciata dal proprietario, ho anche testimoni perchè ero in macchina ed avevo il vivavoce. Insomma molta desolazione di fronte ad un atteggiamento del genere, e soprattutto di fronte al fatto che io ero stata puntualissima ad offrire tutte le carte necessarie per avere quella casa, ma non solo parliamo di 1500 euro, uno stipendio... Ma a parte queste considerazioni umane, sul contratto c'è scritta una palla.. visto che i locali sono ammuffiti e non tinteggiati. Il padrone di casa allora, recede dal contratto, ed io consegno le chiavi all'agenzia, fancedo firmare unf oglio dove scrivo che consegnavo le chiavi all'agente immobiliare x, che poteva in mia vece consegnarle alla proprietà, solo dopo la restituzione del mio assegno, di 1500 euro rilasciato a titolo di caparra, e come prima mensilità. Ho specificato nella carta che la situazione e quindi la restituzione delle chiavi era dovuta ad un inadempienza da parte del proprietario rispetto al contratto e alla sua rinuncia nel voler rendere i locali agibili come da contratto. Il proprietario a sto punto capisce di aver fatto la ****ata.. e inizia a tinteggiare tutto, e me lo fa sapere tramite agenzia, la quale mi chiede vuoi continuare? A questo punto dico di si, proprio perchè la casa mi serviva. A due gg prima di iniziare i lavori di trasloco, la proprietà mi fa sapere che io posso entrare solo ed esclusivamente se presento la fideiussione, come avevo promesso nel contratto. Unicredit, (non so le altre banche), la fideiussione me la fa senza alcun problema, ma il contratto deve essere registrato, e questo doveva avvenire il primo di ottobre. Da quella data, potevo presentare la copia in banca, e da lì attendere i soliti tempi tecnici di 20 gg. Questo significa che mai e poi mai il primo di ottobre per me sarebbe stato possibile presentare la fideiussione. Sicchè come avevamo deciso inf ase contrattuale decido di staccare un assegno di 4500 euro, ma di lasciarlo in agenzia, inq uanto ormai del proprietario non mi fido per niente per le seguenti ragioni: 1) mi ha minacciato di voler agire secondo i suoi modi facendo appello alle sue origini siciliane, il che lo trovo molto disdicevole per i siciliani onesti che si vogliono sdoganare da certe vignette, 2) fa scrivere sul contratto che la casa mi viene consegnata tinteggiata e che lui pretende lo stesso da me, quando dietro ai mobili c'erano grossi problemi ai muri, 3) retrocede dal contratto quando io chiedo di risanare le pareti, 4) prima di rifiutarsi mi chiede un deposito cauzionale sulla casa pari a tre mensilità, e la fideiussione sui mobili, ovviamente rifiuto, anche perchè nel contratto non c'è scritto niente di tutto questo.. da tenere presente che i mobili erano poi la cucina, usata. 5) sono irremovibile perchè per 18 000 euro annue, e dopo aver scritto determinate dichiarazioni sul contratto non puoi comportarti in questa maniera, e lui chiede le chiavi indietro; 6) di punto in bianco decide di far dipingere, e fa l'agnellino, ed ora pur sapendo che la fideiussione non è fatta sul bloc notes dal primo cassiere di banca, mi obbliga a tardare di un mese l'entrata nell'appartamento, quando cmq ha già in mano la prima mensilità? e vuole un assegno aggiuntivo che sul contratto non figura da tenere in mano, con il rischio che me lo possa incassare, anche dopo la fideiussione, e nel caso io rispondessi con il non pagamento delle tre mensilità prelevate coattamente con il mio assegno, lui, poi, può rifarsi sulla fideiussione? In fin dei conti non gli avevo detto no, niente assegno, l'unica precauzione era quella di farlo tenere all'agenzia, come del resto io onestamente ho consegnato le chiavi. Morale della favola io sono con gli scatoloni per tutta la casa, quella dove abito, ho perso i soldi dell'agenzia, a novembre devo rilasciare l'appartamento, e lui pensa pure di poter trattenere il mio assegno di 1500 euro da imputarsi alla prima mensilità, perchè secondo la sua testa di cavolo, lui ha dipinto ed è a posto. Ma in realtà io non ho detto no, ho solo detto che visti i pregressi l'assegno volevo laciarlo in mano di gente disinteressata. In questo caso chi ha ragione? In fin dei conti sul contratto non c'è scritto il giorno esatto in cui devo presentare la fideiussione, come la mettiamo con i tempi tecnici? Non li ho inventati io, tutte le banche fanno attendere dai 20 ai 30 gg prima di rilasciare sto benedetto documento. Io vorrei indietro il mio assegno, l'agenzia ormai è persa, ma lui non ne vuole sapere, a meno che l'agenzia non lo rimborsi, me che cosa vuol dire? In fin dei conti è lui che si è comportato m ale con tutti, l'agenzia ha lavorato bene e ci ha aiutato fin dove fosse possibile. A questo punto prenderò un avvocato, e lo citerò per ogni danno possibile ed immaginabile, ma secondo voi? chi ha ragione?
     
  2. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Al posto tuo procederei con il seguente sistema, poi vedi meglio tu

    Per dirimere la confusione può essere fatta da te la seguente offerta:

    • consegna della fidejussione per la garanzia sugli arredi esistenti (in contratto sarebbe stato meglio inserire una dicitura del tipo “che sarà consegnata entro 60 gg dal contatto ed, in difetto, quest’ultimo si intenderà automaticamente risolto”. In mancanza di una clausola specifica, ritengo valgano gli usi correnti che sono di consentire un congruo tempo tecnico per la registrazione e la predisposizione della fidejussione. La fidejussione, da quello che ho capito io, ha un proprio adempimento garantito e specificato e non altri; cioè può essere o per il canone o per i danni oppure per tutti gli obblighi contrattuali compreso il condominio: a queste diverse possibilità corrispondono importi diversi. Sarei prudente però nel considerare di non pagare il canone contando che il Proprietario non si possa avvalere sulla fidejussione, nel senso che l’impressione è che dovreste uscire da questa spirale di rivalse l’uno sull’altro ed addivenire con comprensione e buona volontà e senza offendere ad un patto chiaro e leale se è possibile se no ognuno risponderà rispetto al contratto).
    • deposito cauzionale di tre mensilità per gli altri adempimenti contrattuali
    • eventuale variazione contrattuale da registrare con nuova decorrenza della consegna dell’immobile e dell’inizio della locazione ed eventuali nuovi accordi che troverete
    • se vi è ancora un interesse a continuare il rapporto da entrambe le parti, l’accordo si trova
    • diversamente essendoci un contratto firmato e presumo registrato ci sono delle responsabilità e dei danni per le quali puoi ricorrere nell’ordine ad una mediazione diretta fra voi due, ad una con l’intermediazione dell’Agente immobiliare oppure infine presso una Commissione di conciliazione (comunque obbligatoria come primo passo per le controversie legali; con o senza Avvocato si può fare domanda alla Commissione secondo un modello probabilmente scaricabile allegando documentazione dei fatti, fotocopia del documento di identità, fotocopia del versamento per le spese tipo 100 euro od altro)

    Un saluto
     
  3. roberta1982

    roberta1982 Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Purtroppo accordi non sono fattibili, in quanto questa persona pretende da me un assegno di 4500 euro, ovviamente a lui intestato, e nelle sue mani in attesa di fideiussione. Io avevo proposto di lasciarlo in agenzia, ma lui non vuole e questo mi fa capire che gatta ci cova.La fideiussione in questo caso garantiva le tre mensilità.. mentre per eventuali danni ai mobili si era già pensato di fare un assicurazione a parte. Tutto questo però era fattibile solo nel momento in cui il contratto venisse rispettato, ed io dovrei essere in casa dal primodi ottobre, invece mi ritrovo fuori con gli scatoloni e danni a non finire. Anticipi per i mobili fermi, anticipo per il trasportatore perso, oltre l'agenzia ed il danno morale di non avere + una casa, visto che entro il 15 novembre me ne devo andare dall'attuale. Il contratto ancora non è stato registrato, abbiamo tempo fino al 30 di ottobre, e credo che per poter far valere le mie ragioni dovrò farlo registrare a spese mie. Io ero disposta a chiudere tutto con la restituzione dell'assegno, ma lui prima vuole essere rimborsato dall'agenzia, la quale giustamente avendo fatto ils uo lavoro non ci pensa minimamente. Quindi ricapitolando: l'agenzia ha preso i soldi, lui anche, l'unica cretina che ci ha rimesso economicamente e non solo, sono io. Sono quasi tentata a denunciare questo farabutto ai carabinieri, per bloccare questo benedetto assegno.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina