1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. pixie82

    pixie82 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Buongiorno, vorrei avere un consiglio.
    Spero di esporre nel modo più chiaro la mia situazione:
    Io e il mio ragazzo stiamo per andare a convivere.
    Abbiam deciso di vivere nella casa dove attualmente vivo con i miei genitori (a loro intestata): di seguito chiamata Villetta. Io e il mio ragazzo acquisteremo un appartamento per i miei genitori, per il quale sottoscriveremo il mutuo cointestato. L'uso di questo appartamento da parte dei miei genitori sarebbe completamente gratuito, di conseguenza anche il mio della villetta.
    In sostanza è uno scambio.


    Ho letto che La detrazione spetta al contribuente acquirente ed intestatario del contratto di mutuo, anche se l’immobile è adibito ad abitazione principale (intesa come quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente) di un suo familiare (coniuge, parenti entro il 3° grado ed affini entro il 2° grado per prima casa).

    E' quindi corretto agire in questo modo?:

    - Villetta intestata ai miei genitori (loro prima casa) per la quale non godono di nessun'agevolazione al di fuori dell'esenzione ICI;

    - nuovo appartamento intestato a me ed al mio ragazzo (così come il mutuo) - prima casa;

    - nè io nè il mio ragazzo possediamo altri immobili;

    - mia residenza nella villetta, che resta di proprietà dei miei genitori;

    - residenza dei miei genitori nel nuovo appartamento (miei parenti);

    - residenza del mio ragazzo nel nuovo appartamento;


    Il cerchio è perfetto? E' possibile in questo modo per me e per il mio ragazzo usufruire delle agevolazioni e delle detrazioni per interessi sul mutuo?
    In alternativa come posso agire fiscalmente?



    Grazie per l'aiuto.
     
  2. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    I requisiti necessari per fruire delle agevolazioni prima casa sono:
    deve essere ubicata nel Comune dove l'acquirente ha la propria residenza o in cui intende stabilirla entro 18 mesi dall' acquisto.
    la casa che andrai ad acquistare e' nello stesso comune dove c'e' la villetta??
     
    A pixie82 piace questo elemento.
  3. pixie82

    pixie82 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Mi scusi ma mi ero dimenticata di precisarlo: si, il comune è lo stesso...la villetta e l'appartamento distano solo 150 metri.

    Pensavo di lasciare la mia residenza nella villetta perchè per me il comune di residenza resta lo stesso e stabilirei nell'appartamento quella dei miei genitori; mentre il mio ragazzo, che oggi ha residenza in altro comune, stabilirebbe nell'appartamento la sua residenza.

    In questo modo è corretto?

    Grazie ancora.
     
  4. Bagudi

    Bagudi Moderatore Membro dello Staff

    Agente Immobiliare
    Per detrarre gli interessi passivi del mutuo, devi avere la residenza nell'immobile che acquisti.

    Silvana
     
  5. pixie82

    pixie82 Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    ...questo punto non è ben chiaro e non sono totalmente d'accordo...

    Le istruzioni del 730 dicono:

    Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente. Pertanto, la detrazione spetta al contribuente acquirente e intestatario del contratto di mutuo, anche se l’immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).


    Dunque...se è residenza dei miei genitori io posso detrarre gli interessi del mutuo (casa e mutuo a me intestati).
     
  6. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    Altro Professionista


    questa e' la norma
    Dal 2001 si intende come abitazione principale quella dove dimorano abitualmente il contribuente o i suoi familiari. La detrazione spetta quindi al contribuente che ha acquistato la casa ed è titolare del contratto di mutuo, anche se l'immobile è adibito ad abitazione principale di un suo familiare (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado).
    sei a posto.
    ciao
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina