• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Buonasera a tutti
se nel 2013 è stata venduta una abitazione e attualmente il nuovo proprietario si accorge che c era una pratica di condono dell anno 2003 non definita è lecito che l ufficio condoni richieda l'importo degli arretrati della tarsu per gli anni prescritti ovvero dal 2003 al 2013?.Grazie mille
 

possessore

Membro Assiduo
Privato Cittadino

La prescrizione, come è noto, segna il termine massimo entro cui il debitore è tenuto al pagamento di una prestazione economica: una volta scaduto tale termine, nulla più è dovuto e il debitore è definitivamente libero dall’obbligo di pagamento. Questo vale anche in materia fiscale, sempre che, nell’arco di tale periodo, non sia intervenuto un sollecito di pagamento: esso, infatti, ha l’effetto di interrompere la prescrizione e far decorrere il termine nuovamente da capo, a partire cioè dal giorno successivo al ricevimento dell’atto interruttivo.

Quindi:
1) Con un legale rispondete all'ente facendo valere i vostri diritti;
2) L'ente avrà ragione se riuscirà a dimostrarvi di avervi mandato almeno un sollecito al fine - appunto - di interrompere la prescrizione e far ripartire da zero il conteggio dei 5 anni utili per la prescrizione stessa.

Ricordate che "non ritirare una raccomandata", per legge, non significa non averla ricevuta. Dopo 30 giorni di infruttuosa giacenza, la raccomandata viene rispedita gratis al mittente, ma per legge è come se fosse stata ricevuta dal destinario, nonché letta e compresa. Quindi, in una parola, notificata.

Hanno dovuto adeguare la legge perché negli anni tanti furbi hanno evaso le tasse "dimenticando" di ritirare le raccomandate. Così facendo, dopo la giacenza canonica di 30 giorni, è come se la raccomandata fosse stata ritirata, letta e compresa.
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino

La prescrizione, come è noto, segna il termine massimo entro cui il debitore è tenuto al pagamento di una prestazione economica: una volta scaduto tale termine, nulla più è dovuto e il debitore è definitivamente libero dall’obbligo di pagamento. Questo vale anche in materia fiscale, sempre che, nell’arco di tale periodo, non sia intervenuto un sollecito di pagamento: esso, infatti, ha l’effetto di interrompere la prescrizione e far decorrere il termine nuovamente da capo, a partire cioè dal giorno successivo al ricevimento dell’atto interruttivo.

Quindi:
1) Con un legale rispondete all'ente facendo valere i vostri diritti;
2) L'ente avrà ragione se riuscirà a dimostrarvi di avervi mandato almeno un sollecito al fine - appunto - di interrompere la prescrizione e far ripartire da zero il conteggio dei 5 anni utili per la prescrizione stessa.

Ricordate che "non ritirare una raccomandata", per legge, non significa non averla ricevuta. Dopo 30 giorni di infruttuosa giacenza, la raccomandata viene rispedita gratis al mittente, ma per legge è come se fosse stata ricevuta dal destinario, nonché letta e compresa. Quindi, in una parola, notificata.

Hanno dovuto adeguare la legge perché negli anni tanti furbi hanno evaso le tasse "dimenticando" di ritirare le raccomandate. Così facendo, dopo la giacenza canonica di 30 giorni, è come se la raccomandata fosse stata ritirata, letta e compresa.
Questa cosa è capitata a mia sorella che vive all estero e praticamente quando ha venduto la sua abitazione a roma il notaio in primis non ha verificato esistenza di debenze. Ora il nuovo proprietario Le vuole fare casa per un illecito che riguarda il sottotetto che appunto era abbinato al condono del 2003. >Pare ora che l'ufficio condoni non proceda alla definizione del condono se non si"mette in regola con il pagamento dei tributi prescritti. Io non sono un tecnico ma è un procedimento corretto? grazie
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Mia sorella non ha mai ricevuto cartelle ovvero io le ho suggerito di rivolgersi alla commercialista per capire se fiscalmente risulta o meno...
 

possessore

Membro Assiduo
Privato Cittadino
il notaio in primis non ha verificato esistenza di debenze.
Se ti sente un notaio, ti picchia :)
Il notaio ha l'obbligo di inserire nell'atto che il venditore dichiara che tutti i tributi afferenti l'immobile oggetto della compravendita sono stati regolarmente pagati.
Il notaio non ha l'obbligo di intervistare il comune e l'ufficio tributi per sapere se il venditore ha pagato o meno. Il notaio scrive sull'atto ciò che il venditore - sotto la sua personale responsabilità - dichiara. Se poi il venditore ha dichiarato il FALSO, se la vedrà con l'acquirente che prima pagherà i tributi, e poi si rivarrà legalmente sul venditore, rogito alla mano, tramite l'ausilio di uno studio legale.
 

possessore

Membro Assiduo
Privato Cittadino
Pare ora che l'ufficio condoni non proceda alla definizione del condono se non si"mette in regola con il pagamento dei tributi prescritti.
Mettersi in regola non significa necessariamente pagarli. Significa pagare ciò che c'è da pagare, il resto - tramite l'ausilio di un LEGALE - va fatto cancellare. A quel punto sei a posto e la definizione del condono può procedere "serenamente" (si fa per dire).
Fate bene un esame di coscienza e pensate se negli ultimi anni avete buttato qualche avviso di tentata consegna raccomandata a/r.
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Se ti sente un notaio, ti picchia :)
Il notaio ha l'obbligo di inserire nell'atto che il venditore dichiara che tutti i tributi afferenti l'immobile oggetto della compravendita sono stati regolarmente pagati.
Se poi il venditore ha dichiarato il FALSO, se la vedrà con l'acquirente che prima pagherà i tributi, e poi si rivarrà legalmente sul venditore, rogito alla mano, tramite l'ausilio di uno studio legale.
si mi scusi mia sorella era in buona fede ...non lo sapeva ...io parlavo del notaio poichè se una persona ignora determinate cose magari poteva aiutarla ...e' assolutamente in buonafede tanto è che lei lo sa..vuoleregolarizzare il tutto ma ora dovrebbe pagare tributi prescritti
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Mettersi in regola non significa necessariamente pagarli. Significa pagare ciò che c'è da pagare, il resto - tramite l'ausilio di un LEGALE - va fatto cancellare. A quel punto sei a posto e la definizione del condono può procedere "serenamente" (si fa per dire).
Fate bene un esame di coscienza e pensate se negli ultimi anni avete buttato qualche avviso di tentata consegna raccomandata a/r.
In effetti è quello che le ho consigliato perche era veramente in buona fede - Io quando l ho saputo sono rimasta basita anche del fatto che non sapesse che nei tributi era compresa nettezza urbana
 

possessore

Membro Assiduo
Privato Cittadino
In effetti è quello che le ho consigliato perche era veramente in buona fede - Io quando l ho saputo sono rimasta basita anche del fatto che non sapesse che nei tributi era compresa nettezza urbana
Vabbè, nessuno nasce imparato. Anche io nel 2009 non sapevo cosa fosse il diritto di superficie, poi l'ho imparato a mie spese. Come adesso accade a tua sorella per la tariffa rifiuti.
Non è niente, ci sono cose peggiori.
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Sbraitando da sola, tua sorella non riuscirà a farseli cancellare. Può presentare una istanza di autotutela ( L’istanza di autotutela ) ma se il debito è elevato conviene direttamente passare per un legale che spiegherà che certe pretese sono da considerarsi inesigibili data la prescrizione.
scusi. sto cercando solo di capire per aiutarla a fare chiarezza. Ringrazio per la cortese risposta
 

possessore

Membro Assiduo
Privato Cittadino
scusi. sto cercando solo di capire per aiutarla a fare chiarezza. Ringrazio per la cortese risposta
Prego, fate le vostre valutazioni in famiglia, e tenete conto che un avvocato divorzista per mandare una lettera chiede 500 euro spannometricamente :) Il vostro non è un divorzio, ma comunque un avvocato per scrivere all'ufficio tributi, qualcosa chiede, e non sono 30 Euro :)
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Prego, fate le vostre valutazioni in famiglia, e tenete conto che un avvocato divorzista per mandare una lettera chiede 500 euro spannometricamente :) Il vostro non è un divorzio, ma comunque un avvocato per scrivere all'ufficio tributi, qualcosa chiede, e non sono 30 Euro :)
Si lo so .domani sentira anche la commercialista poichè Lei ignorava esistenza del debito. Il problema l ha sollevato l ufficio condoni.
 

possessore

Membro Assiduo
Privato Cittadino
Si lo so .domani sentira anche la commercialista poichè Lei ignorava esistenza del debito. Il problema l ha sollevato l ufficio condoni.
Pensa che nel mio palazzo ogni tanto arrivano lettere dell'ufficio tributi (tariffa rifiuti) indirizzate a una ragazza che non abita più qui da anni. Quando ci si trasferisce è fondamentale chiarire la propria posizione con l'ufficio tributi segnalando la data di fine occupazione dell'immobile.
Nel caso di tua sorella è stato accumulato un debito "tariffa rifiuti" che l'ufficio tributi ha conteggiato, a quanto riferisci, senza notificare. Ora si tratta di valutare come conviene muoversi, tutto dipende dall'entità del debito. Se chiedono 2000 Euro che sarebbero in realtà prescritti, conviene chiedere l'aiuto a un legale. Se chiedono 500-600-700 Euro, conviene pagare e amen.
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Pensa che nel mio palazzo ogni tanto arrivano lettere dell'ufficio tributi (tariffa rifiuti) indirizzate a una ragazza che non abita più qui da anni. Quando ci si trasferisce è fondamentale chiarire la propria posizione con l'ufficio tributi segnalando la data di fine occupazione dell'immobile.
Nel caso di tua sorella è stato accumulato un debito "tariffa rifiuti" che l'ufficio tributi ha conteggiato, a quanto riferisci, senza notificare. Ora si tratta di valutare come conviene muoversi, tutto dipende dall'entità del debito. Se chiedono 2000 Euro che sarebbero in realtà prescritti, conviene chiedere l'aiuto a un legale. Se chiedono 500-600-700 Euro, conviene pagare e amen.
ok graxie mille.gentilissimo.
 

bepa

Nuovo Iscritto
Privato Cittadino
Pensa che nel mio palazzo ogni tanto arrivano lettere dell'ufficio tributi (tariffa rifiuti) indirizzate a una ragazza che non abita più qui da anni. Quando ci si trasferisce è fondamentale chiarire la propria posizione con l'ufficio tributi segnalando la data di fine occupazione dell'immobile.
Nel caso di tua sorella è stato accumulato un debito "tariffa rifiuti" che l'ufficio tributi ha conteggiato, a quanto riferisci, senza notificare. Ora si tratta di valutare come conviene muoversi, tutto dipende dall'entità del debito. Se chiedono 2000 Euro che sarebbero in realtà prescritti, conviene chiedere l'aiuto a un legale. Se chiedono 500-600-700 Euro, conviene pagare e amen.
sei bravissimo e chiarissimo.grazie ancora
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve a tutti, mi sono appena iscritto, non ho mai usato un forum in vita mia, quindi vi chiedo di perdonare qualche mio errore iniziale e di supportarmi nell'utilizzo.
Mi chiamo Simone Troisi, ho un agenzia immobiliare a Cava dè Tirreni in provincia di Salerno
L'immobiliare è la mia passione principale in tutte le sue forme... dai citofoni per il porta a porta, agli aspetti più tecnici come l'asset management.
Carminecucci ha scritto sul profilo di Marco Giovannelli.
Salve Marco
Volevo chiederle un consiglio su un immobile seminterrato, è situato in porta romana Milano all’interno del condomino accatastato come c2.L’agenzia ha detto che è possibile passarlo ad abitazione già nell’ annuncio, è chiamandoli mi hanno detto che bisogna fare i lavori e poi i vari documenti al comune. Mi posso fidare o l’agenzia per di vendere Dire sempre di tutto?
Alto