• immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Ho una casa degli anni 60 il cui impianto elettrico non è mai stato completamente rifatto ma solo adattato negli anni spostando o aggiungendo prese ad esempio.
Ho consultato un elettricista che in seguo a un sopralluogo ha detto che rifare un impianto elettrico comporta anche il passaggio di cavi sotto il pavimento,che va quindi rifatto,con costi assai maggiori.
Io pensavo che i cavi passassero solo nelle pareti,che ovviamente vanno rotte per le tracce.Non avevo mai sentito questa cosa dei pavimenti,a voi risulta?
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Eh si,
i cavi adesso non possono essere semplicemente annegati nella malta, scorrono all'interno di corrugati quindi occupano più spazio di una volta.
E negli impianti moderni i passaggi sono veramente tanti

Per salvare i pavimenti puoi farli passare a muro e a controsoffitto
 

gabriellina

Membro Ordinario
Privato Cittadino
Quello che volevo dire(e ho specificato di essermi affidato a un elettricista,non pensavo certo di rifarmi l'impianto elettrico da solo) è che non pensavo fosse indispensabile intervenire sui pavimenti,sui muri ovviamente si,so bene che non si affogano i cavi nella malta ma si usano corrugati,altrimenti mi tenevo l'impianto vecchio...
 

specialist

Membro Senior
Privato Cittadino
Consulta un altro elettricista e se dice le stesse cose (2 : 0) procedi, altrimenti consulta un terzo e decisivo elettricista (2 : 1).
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
tutto può essere; però mi viene difficile pensare che davvero non si possa passare dai muri senza dover passare dal pavimento.
al di là della regola aurea in base alla quale l'ofelè fa el so mestè :D , l'elettricista che hai consultato è arrivato a questa conclusione dopo aver testato le prese esistenti con un cercafase o te l'ha detto per partito preso?
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
va fatta una dovuta premessa:
è vero che l'impianto elettrico passa anche nel pavimento, ma questo avviene in fase di costruzione al grezzo e quando il pavimento non è materialmente presente.

In fase di un adeguamento o di rifacimento di un impianto non è assolutamente necessario far passare l'impianto sotto al pavimento .......a magior ragione se non si vuol togliere iol pavimento.
E' sufficiente far passare i cavi sulle pareti eseguendovi delle tracce in tali pareti.
Va anche detto che il lavoro sulle pareti richiede un un onere in più, in termini di lavoro materiali, in termini di un maggiore materiale usato e via dicendo.

quindi si dovrebe anche considerare se togliere il pavimento, perchè magari vecchio, sisulti decisamente più economico di non toglierlo e rompere letteralmente le pareti con successivi costi di ripristino e di tinteggiatura totale della casa.
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Qualunque tipo di passaggio scegli di fare dovrai comunque rasare e ritinteggiare tutte le pareti e tutti i soffitti, con un costo superiore all'impianto elettrico

Se anche tagli i pavimenti, non è detto che tu riesca ad andare in sovrapposizione, ho visto massetti che si polverizzavano

Bisogna sempre vedere se si può passare tutto a muro, perchè voi la fate facile, ma quando arrivi ai pilastri? E i cordoli? E le travi a spessore?

Per quello in questi casi si controsoffitta e si passano i corrugati nella piccola intercapedine creata
 

marcanto

Membro Attivo
Professionista
Bisogna sempre vedere se si può passare tutto a muro, perchè voi la fate facile, ma quando arrivi ai pilastri? E i cordoli? E le travi a spessore?
certo alti aspetti a favore di impianto nel pavimento.
ancora > il posizionamento nei muri intonacati, implica il taglio di intonaco che spesso in questi casi si distacca anche nelle parti non volute.
Quindi alla fine sarà necessario eseguire anche grosse porzioni di intonaco che si era distaccato.
 
Ultima modifica:

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
secondo me state dipingendo la situazione più fosca di quanto non sia in realtà.
io ho ereditato un appartamento del 1964 il cui impianto non è mai stato messo a norma (mancava la messa a terra).
l'elettricista che ha fatto il lavoro ha voluto 1000 euro; cifra tutto sommato contenuta perchè non ha dovuto far altro che cambiare i cavi sfilandoli dai corrugati (evidentemente si usavano anche in quegli anni), aggiungere la terra e "tappare" due prese non a norma perchè troppo vicine a vasca e lavandino.
Tu cosa intendi per "rifare l'impianto elettrico"? mi pare di capire che non ci sia necessità di rivoluzionare prese e punti luce... sbaglio?
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Qualunque tipo di passaggio scegli di fare dovrai comunque rasare e ritinteggiare tutte le pareti e tutti i soffitti, con un costo superiore all'impianto elettrico

Se anche tagli i pavimenti, non è detto che tu riesca ad andare in sovrapposizione, ho visto massetti che si polverizzavano

Bisogna sempre vedere se si può passare tutto a muro, perchè voi la fate facile, ma quando arrivi ai pilastri? E i cordoli? E le travi a spessore?

Per quello in questi casi si controsoffitta e si passano i corrugati nella piccola intercapedine creata
Non faccio l’elettricista.

Tuttavia mi par di ricordare, che scatole di derivazione, punti luce, interrutori e ogni vario terminale, siano collegati tra loro.

Con il tramite di sonde, si infilano e si raggiungono i collegamenti.
La fase, il neutro e la messa a terra.
Che e’ l’ultimo elemento introdotto di recente.
Mentre negativo e positivo esistono fin dalla notte dei tempi.

Tre fili dunque.
che passano attraverso pareti a muro o a zoccolino come si dice dalle nostre.

Sara’ pur vero, che le moderne esigenze tecnico digitali richiedono il passaggio o il cablaggio, di una quantita’ Piu’ elevata di cavi e collegamenti.

Recentemente sono terminati i lavori di ristrutturazione della settecentesca Villa Reale di Monza.
Dotandola delle più ’ moderne tecnologie.
Tra cui quello elettrico.
Capace di illuminare a sfarzo, gli oltre ventimila metri quadrati di pavimento realizzati dal Piermarini in stile neoclassico.

Dubito, che per realizzare una tale portata di impianti, i tecnici abbiano spaccato e neppure graffiato quei pavimenti, scelti all’epoce, dall’imperatrice Maria Teresa D’Austria.
 

marchesini

Membro Attivo
Privato Cittadino
Penso che ogni immobile sia un caso a sè, per questo necessita il sopralluogo di un tecnico.
Molto dipente anche da cosa vuoi fare tu, se per esempio oltre che mettere a norma l'impianto elettrico vuoi portare il cavo di rete, telefono e tele in tutte le camere bisogna adattarsi ad un intervento pesante che potrebbe interessare anche qualche pavimento.
Se invece l'intervento è limitato ad un modesto adeguamento dell'impianto elettrico, i pavimenti sono "buoni" e non intendi rifarli, è compito del tecnico prospettarti altre soluzioni. A mio avviso in un immobile degli anni 60 si può tentare di passare nelle canaline esistenti anche se di piccolo diametro, molti elettricisti storcono il naso in quanto per un lavoro a regola d'arte si deve prevede un certo spazio libero nelle canaline, ma lavorando su di un impianto datato molti derogano a tale "norma" magari utilizzando cavi elettrici con un isolamento di buona qualità.
Chiarito cosa vuoi fare interpellerei un altro elettricista per un preventivo, se ti fidi di quello che hai già contattato gli dici di studiare il lavoro senza passare sotto i pavimenti, anch'io quando posso passo sotto i pavimenti... è più comodo... ma fra poco devo fare un lavoro dove l'ing. strutturale mi ha vietato di passare a pavimento ... mi adatto e passo nelle pareti, certo ci vuole più tempo ed il costo dell'impianto cambia...
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
premesso che non credo sia necessario per i motivi riportati più sopra, come ultima ratio c'è pure questa soluzione

 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Ah Italia paese di artisti, allenatori e a quanto pare anche elettricisti! :fiuu::fiuu:
Premesso che "tutto si può fare"...
quando sul forum leggo opinioni di un esperto in materia cerco di ascoltare e capire, non di dire a tutti costi la mia con argomentazioni all'incirca quasi plausibili

Personalmente, anche se ho una casa di proprietà e ho letto molti atti di compravendita non mi sognerei mai di contestare le indicazioni dei nostri agenti immobiliari che trattano compravendite tutti i giorni.
come il fatto di prendere il Moment per la cervicale non mi mette in condizioni di contestare l'opinione di un ortopedico.
Si perde il senso del forum, no?

Solitamente, gli impianti anni 60 non ce l'hanno i corrugati, di solito nelle ristrutturazioni, quando si aprono i muri, c'è il filtubo annegato nella malta, tante volte avvolto in grumi di carta di giornale.
Alle volte si, ci sono una specie di canaline, dei tubetti di sezione molto minore dei corrugati odierni ma generalmente non ci sono, la terra, manco a pensarci.
Le scatole dell'epoca non hanno niente a che vedere con le scatole di derivazione moderne

E' ovvio che se devo intervenire toccando il meno possibile qualcosa mi inventerò, vorrà dire scendere a compromessi, potrebbe anche darsi che mi trovi a spendere di più e alla fine avere un impianto meno comodo.

Succede che trovo il criminale che mi buca il pilastro per passare coi corrugati

Succede anche che, negli anni, qualche furbone ha avuto la brillante idea di rimuovere la doppia parete fra un appartamento e l'altro e appena cominci ad aprire una traccia ti ritrovi nella cucina del vicino

O ancora, il furbo ha accroccato l'impianto "dentro" la doppia parete e l'operaio incauto, se lavora col demolitore elettrico, rischia di tagliare i cavi del vicino e farsi anche male...
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
Dubito, che per realizzare una tale portata di impianti, i tecnici abbiano spaccato e neppure graffiato quei pavimenti, scelti all’epoce, dall’imperatrice Maria Teresa D’Austria.
Beh, certo che se devo portare gli impianti in una villa neoclassica non spacco affreschi e pavimenti
ecco Villa Reale

Appprivati01.jpg

Dove passano gli impianti è abbastanza evidente:
sulla cornice, magari con discese senza corrugato dietro la boiserie o con tubazione esterna agli angoli

Ma ti sembra un impianto domestico?
vedi per caso la 506 per la TV e il decoder sky o la presa usb accanto al divano per ricaricare l'ipad?
 

PyerSilvio

Membro Storico
Agente Immobiliare
Beh, certo che se devo portare gli impianti in una villa neoclassica non spacco affreschi e pavimenti
ecco Villa Reale

Vedi l'allegato 16170

Dove passano gli impianti è abbastanza evidente:
sulla cornice, magari con discese senza corrugato dietro la boiserie o con tubazione esterna agli angoli

Ma ti sembra un impianto domestico?
vedi per caso la 506 per la TV e il decoder sky o la presa usb accanto al divano per ricaricare l'ipad?
Vista cosi’, questa immagine, pare piu’ Villa Mirabello.
Una delle ville minori adiacenti a quella Reale.
Lo dico perche’, l’immagine di interni che hai postato, e’ assai modesto rispetto agli ambienti sfarzosi della residenza Reale.

Ma pure se lo fosse, i locali che compongono il palazzo, sono oltre settecento.
Spazi che nel tempo, hanno ospitato le sedi istituzionali, di quattro o cinque ministeri della Repubblica.
Con il viavai dei piu’ importanti leader Internazionali.

Ci sara’ eccome la 506, la Tv, il decoder, qualche divano, qualche camera da letto, Sky e pure Al Jazira.
 

cafelab

Moderatore
Membro dello Staff
Professionista
non lo so, ne ho presa una a caso da qui
Appartamenti privati | Villa Reale di Monza
Non è quella?

Però, un restauro di questo calibro non è neanche lontanamente paragonabile con la ristrutturazione di un appartamento
Se hai tutto il tempo necessario e milioni di euro a disposizione puoi fare qualsiasi cosa
 

Rosa1968

Membro Storico
Agente Immobiliare
Vista cosi’, questa immagine, pare piu’ Villa Mirabello.
generico pyer! Quella foto è degli appartamenti al primo piano, e in particolare l'appartamento degli imperatori di germania. Le decorazioni del pavimento che si vede bene, sono a specchio su alcune decorazioni che si vedono in questa foto del soffitto. Se vuoi facciamo una scommessa.

Non scommette... Per forza perde sempre!!!!
 

eldic

Membro Storico
Privato Cittadino
generico pyer! Quella foto è degli appartamenti al primo piano, e in particolare l'appartamento degli imperatori di germania. Le decorazioni del pavimento che si vede bene, sono a specchio su alcune decorazioni che si vedono in questa foto del soffitto. Se vuoi facciamo una scommessa.
mi fai paura, Rosa...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Salve membri.. vorremmo acquistare in asta con mio marito.. ma ci chiediamo cosa vorrebbe dire.. piena proprieta 6/54... qualcuno ha esperienze?
emilianodedominicis ha scritto sul profilo di Manzoni Maurizio.
Buonasera Maurizio,

avrei bisogno di supporto per una richiesta di mutuo su immobile pignorato. Su un thread aperto ho letto una tua risposta, e trovandomi inerme sulle attività da svolgere, mi piacerebbe saperne di più.

Grazie
Alto