1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. migs

    migs Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Salve a tutti,
    mi rivolgo a questo forum in quanto ho dei quesiti a cui non riesco a trovare risposte. Io e mio marito stiamo cercando un appartamento in affitto a Roma. Lasciando la nostra casa attuale abbiamo necessità di trasferire la residenza. Quando, per correttezza, faccio presente questa necessità ai proprietari, malgrado propongano contratti di locazione 3+2 o 4+4, loro si prendono paura e cominciano a tirarsi indietro. Una mia amica mi ha fatto presente che visto la tipologia dei contratti e il fatto che per noi effettivamente l'appartamento diventerà luogo di residenza, non dobbiamo chiederlo ma farlo direttamente come da obbligo e diritto per legge. Ho fatto delle ricerche senza successo in quanto non riesco a trovare alcun collegamento tra la residenza e i contratti sopra citati. Tra l'altro a Roma, per ottenere il cambio di residenza devi avere il consenso della persona che risulta già residente lì e se questa persona si rifiuta io non saprei cosa fare. Per favore c'è qualcuno di voi che conosce la legge meglio di me e sa darmi delle indicazioni rispetto a questo. Le sarei davvero immensamente riconoscente a chi ci aiuta.
    Io sono cittadina albanese e mio marito è cittadino brittanico, per noi la residenza è fondamentale: medico di base e cosi via. mio marito inoltre, malgrado lavori legalmente a Roma risulterebbe illegale senza la residenza.
     
  2. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Innanzi tutto complimenti... scrivi meglio della quasi totalità degli italiani presenti su internet ;)

    Nessun prorpietario può negarti di prendere la residenza stipulando un contratto 4+4 o 3+2. Punto.
    Se un proprietario ti affitta il suo appartamento con contratto 4+4 o 3+2 NON PUO' mantenere la residenza lì. Aripunto.
    Se lo fa sono problemi suoi. Voglio vedere poi come farà a dimostrare al comune di risiedere in un'abitazione che ha appena locato :^^:

    Fossi in te, della residenza non ne parlerei proprio. Tu limitati a chiedere un contratto come quelli suddetti e fregatene ;)
     
    A migs piace questo elemento.
  3. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ............fammi capire, se ti affitto l'appartamento perdo anche la residenza??? ne sei proprio sicuro cinghialetto????...................:D
     
  4. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Vatti a leggere il significato della parola "residenza" e poi - forse - capisci ;)
    Se lo affitti non ci abiti e se non ci abiti non ci risiedi. giusto?

    Che poi, anagraficamente, tu risulti ancora essere residente nell'appartamento che hai dato in affitto è un altro discorso. Ma nessun comune può negare a un inquilino la residenza anagrafica (quella materiale ce l'ha già) se questo dimostra di essere in possesso di un contratto di affitto 4+4 o 3+2.

    ...e quindi al proprietario toccherà (per forza) toglierla.
     
  5. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    .........non conosco cosa accade a roma, ma qui da noi la residenza non è cosi facile e automatico perderla............:D
     
  6. migs

    migs Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie mille della risposta Enrikon! Di buon senso e dal punto di vista legale sicuramente dovrebbe essere come dici tu. Purtroppo sappiamo spesso come vanno le cose. Per questo mi chiedevo se esiste un riferimento legale rispetto a questo tema.
    Tra l'altro se io vado al comune con un contratto 3+2 o 4+4, riferito ad un bilocale o mettiamo monolocale per intenderci meglio, a nome mio e di mio marito, può mai essere che anche il proprietario risiede lì nel monolocale insieme a noi?!
    A Roma nella zona dove viviamo noi arrivano tranquillamente a chiedere 1400 euro al mese per un bilocale, ma la maggior parte si rifiuta di concederti la residenza.
     
  7. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Ma anche se fosse una villa non cambierebbe nulla se il contratto di affitto parla di una intera unità immobiliare affittata.
    Diverso sarebbe il caso in cui un proprietario affitti solo alcune stanze del proprio appartamento lasciando l'uso comune di bagno e cucina.
     
    A leonard piace questo elemento.
  8. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ................secondo me ci sei andato vicino a scoprire la verità.................:risata::risata::risata:
     
  9. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Tu dici? :shock:
    Nooooo... dai!
     
  10. migs

    migs Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Scusa Leonard mi pare di avere postato una domanda alquanto seria. Tra l'altro, da vari post in questo forum non sono l'unica ad avere dubbi sul legame tra il contratto e la residenza. Mi sembra quindi che tentare di trovare dei riferimenti di legge può essere probabilmente d'aiuto non solo a me ma anche ad altri con lo stesso problema.
    Ad ogni modo, ieri sono passata in un municipio diverso dal mio qui a Roma e mi hanno detto che per loro basta il contratto e una tua dichiarazione rispetto ai legami o meno con la persona già residente a casa. Rimango quindi confusa del perchè vari municipi, parte dello stesso comune, sembrano attuare la legge in maniera diversa. Per questo mi chiedevo se ci fosse un riferimento legale chiaro con il quale uno si può difendere meglio di fronte, alle volte, gente incompetente.
     
  11. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Non so se ci siano veri e propri riferimenti di legge. Mi sa che ogni comune faccia un po' come gli pare :occhi_al_cielo:

    Anni fa, parlando con un addetto all'anagrafe di un comune in cui avevo avuto la residenza fino a pochi mesi prima (gli stavo spiegando che nel nuovo comune in cui risiedevo non riuscivo ad ottenere la residenza in quanto l'appartamento in cui stavo abitando non aveva ancora l'abitabilità), questi mi rispose che la residenza il comune non può "darla" ma semplicemente "certificarla". E come esempio mi spiegava che loro, una volta, rilasciarono la residenza ad un tipo che viveva in una roulotte :)shock:), semplicemente perchè verificarono che quella era la sua unica abitazione.
    Se tu risiedi in un dato posto e puoi dimostrarlo, al comune di quel posto non rimane altro che certificarlo. Non ha altri poteri che questo.
     
  12. migs

    migs Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
  13. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    ............. le risposte sono già state date anche in altri post come hai sottolineato tu...................;)

    ................purtroppo ogni comune agisce come meglio crede.....:)

    E' evidente che parecchi inquilini faticano molto poi a togliere la residenza , molte volte "legalizando" parenti e amici all'insaputa del proprietario il quale ha locato in realtà a condizioni ben diverse.

    ...............se la cosa non ti và ti consiglio di rivolgerti a un legale che intenti causa al comune o di cambiare comune o di tornare nel tuo paese di origine................:D
     
  14. migs

    migs Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Se ci fosse stata una risposta con dei riferimenti legali esaurienti non avrei postato di sicuro delle domande ridondanti da far perdere tempo ad altri e anche a me.
    Per quanto riguarda l'ultima frase, io in Italia ci vivo da 13 anni e non ho chiesto la cittadinanza proprio per via di proprietari che illegalmente si rifiutano di dare la residenza, per legge 10 anni di residenza (non domicilio) ininterrotta. L'Italia è anche il mio paese, e gli voglio un bene dell'anima cercando, nel mio piccolo, e dando il mio contributo per migliorarlo. Negli anni ho imparato come trattare persone come te che non avendo altri argomenti per rispondere fanno uso di intimidazioni.
     
  15. maria antonietta

    maria antonietta Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Brava migs :applauso:
    Caro leonard ti rispondo alla nostra maniera: Questa te podevi sparagnartea! :rabbia: (potevi risparmiartela)
    Non è che ogni comune fa quello che vuole, è uguale ovunque in Italia:
    La residenza il comune la nega solo se l'immobile non è abitabile o non corrisponde alla caratteristiche di abitazione (ufficio, laboratorio,ecc)
    La legalizzazione dei parenti avviene e può avvenire solo se il proprietario di casa firma il consenso di ospitalità e si presenta il certificato di idoneità dell'alloggio, richiesto in comune dal proprietario.
    Il fatto che ti richiedono in che rapporto sei con gli altri residenti della casa, è solo per un problema: lo stato di famiglia!
    Devi dichiarare che non fai parte dello stesso stato di famiglia degli altri residenti (prorpietario, coinquilini)
    Tu chiedi semplicemente un contratto di locazione regolare, non devi specificare assolutamente nulla al proprietario.
    Tu hai diritto alla residenza, se l'immobile non è idoneo saranno ...zzi amari per il proprietario non per te.:ok:
     
    A migs piace questo elemento.
  16. leonard

    leonard Membro Senior

    Altro Professionista
    .................è evidente che i proprietari fanno valere i propri diritti non certo in maniera illegale da quanto ti è stato detto e ripeto che in altri comuni o a "casa "tua avresti risolto il problema. Il locatore con te è stato chiaro a dirti le cose, tu invece cerchi appigli "legali" per NON mantenere eventualmente gli accordi.
    P.s. intimidire??? ..................:shock::shock::shock:

    Aggiunto dopo 20 minuti :

    ......grazie per avermi illuminato e per la tua simpatica battuta .............:risata::risata::risata:
    ti ripeto che quella che citi è una regola generale poi i comuni fanno altre richieste............;)
     
  17. enrikon

    enrikon Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Sai quante volte i Comuni (e non solo loro, ma anche enti come la camera di commercio, l'ufficio del registro, ecc...) si comportano come se la Legge fossero loro? ...anzi, come se loro fossero al di sopra della Legge?
    Confidano nel fatto che nessuno pensa di far causa al Comune. Confidano nella sudditanza psicologica dei cittadini.
    Salvo poi spuntare dal nulla il solito avvocato/cittadino che ci prova (tanto le spese legali non gli costano nulla), vince la causa e apre la strada a tutti gli altri.

    Solo qui da noi, non passa giorno senza che si legga sul giornale di un ricorso vinto da qualche cittadino:
    prima erano i vigilini (illegali; il Comune alla fine è stato costretto a toglierli, anche se Renzi - per motivi elettorali - l'ha fatta passare come una sua libera scelta in favore dei cittadini :^^:), poi gli autovelox (la maggior parte dei quali, anch'essi illegali)... e così via; la lista potrebbe essere lunghissima.

    Voglio dire che nessun Comune (e nemmeno quello di Roma. Perchè? che avrebbe di speciale?) può negare la residenza ad un inquilino in possesso di un regolare contratto di affitto NON transitorio (oltrechè, s'intende, di tutti gli altri requisiti necessari). Se lo facesse commetterebbe un'azione illegale.
    Ne sono convinto anche se non sono un avvocato.
    Altrimenti non si vivrebbe in uno stato di diritto.
     
    A migs piace questo elemento.
  18. Limpida

    Limpida Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Io non sarei così sicura che i vigili tolgano la residenza a quell'altro ( il proprietario), piuttosto non la danno all'ultimo arrivato. Però a me é successo un caso che i vigili hanno dato residenza a due nuclei famigliari, in un monolocale! ( Forse non se ne sono accorti). Se il proprietario vuole mantenere la residenza li,( immagino per motivi fiscali, delle volte anche solo per avere l'autorizzazione come residente di passare con la sua macchina), non hai la garanzia che i vigili la diano anche a te. Meglio cercare un'altra abitazione, fatti aiutare da una agenzia immobiliare, fai prima.
     
  19. migs

    migs Nuovo Iscritto

    Altro Professionista
    Grazie a tutti per le vostre risposte! Noi oggi abbiamo concluso (quasi, firmiamo martedi) per un appartamento. Senza doverlo chiedere sono stati loro a dirci che possiamo trasferire la residenza. Sembrano davvero corretti e onesti e avrebbero potuto chiedere 400 euro in più di affitto per questo appartamento.
    Una mia amica avvocata mi ha detto che ha cercato, ma purtroppo non ha potuto trovare espliciti riferimenti legali tra i contratti di lunga durata e la residenza.
    Se un proprietario, malgrado affitti la casa con contratti 3+2 o 4+4, non concede la residenza per propri motivi fiscali e ci mantiene la sua pur non vivendoci, a mio parere va denunciato senza se e senza ma. Le tasse vanno pagate, punto. Io per prima le pago tutte e cosi pretendo che facciano anche quelli a cui pago l'affitto.
    E' vero, come dice Enrikon, che nell'amministrazione pubblica molti si comportano come se fossero al di sopra della legge. Proprio per quello, è meglio sempre informarsi (alle volte grazie all'aiuto delle persone in forum come questo), perché persino l'arroganza si mostra debole di fronte alla legge. Chi ne abusa, se ne approfitta in quanto siamo noi per primi a non conoscere le leggi. Anche se purtroppo non dovrebbe essere cosi. E io rimango convinta che pian piano con le nostre piccole azioni cambiamo il mondo che ci circonda.
     
    A enrikon piace questo elemento.
  20. carlor

    carlor Membro Attivo

    Altro Professionista
    Il contratto di locazione 3+2 può essere invalidato dal comune se non tu inquilino prendi la residenza nell'immobile. Quindi affinchè il contratto venga confermato "a canone concordato" occorre che l'inquilino (il firmatario del contratto) chieda la residenza nell'immobile da lui preso in locazione. Il problema è questo: se il locatario, pur sapendolo, non prende la residenza, ci va di mezzo anche il locatore perdendo i benefici (IRPEF, imposta di registro, ICI) del 3+2?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina