1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    ecco qua una novità del governo tecnico, dovrebbe garantire maggiore equità.
    Siete pronti a fare stime chiare, trasparenti e verificabili?
    potrebbe essere interessante, non credete ;)


    Arriva la riforma del catasto, il governo promette: non sarà una nuova stangata

    Addio vani, al loro posto i metri quadri. Gli estimi verranno riequilibrati ai valori di mercato

    [​IMG][COLOR=#FFFFFF !important](Fotogramma)
    MILANO - La promessa è che non sarà una nuova stangata. Resta da vedere se sarà mantenuta. Il cantiere «casa» non è infatti ancora chiuso: è in arrivo la riforma del catasto, ma - dopo i recenti interventi che hanno portato al varo dell'IMU, l'imposta municipale sugli immobili - promette il governo, non servirà a far cassa. L'obiettivo sarà quello di aggiornare le rendite adeguandole al mercato e - come preannuncia un documento del Tesoro - servirà anche a riequilibrare gli estimi delle grandi città sperequati tra centro e periferia.COSTO ZERO - La riforma - spiega una fonte di governo - sarà a costo zero: all'adeguamento dei valori base dovrà corrispondere una riduzione delle aliquote. La novità principale sarà costituita dalla sparizione dei vani sostituiti dai più moderni metri quadri e del peso maggiore attribuito alla posizione dell'immobile rispetto alla sua età.

    LA RIFORMA - Il nuovo provvedimento potrebbe arrivare velocemente, per consentire una reale applicazione prima della fine della legislatura. L'ultimo tentativo di riforma, avviato nel 2006 dal governo Prodi con un «collegato» alla legge Finanziaria, finì nel dimenticatoio proprio per l'arrivo anticipato della fine della legislatura. A tracciarne le basi del nuovo catasto è un documento elaborato dal ministero dell'Economia che fissa i cinque criteri che saranno utilizzati. «Il disegno di riforma - spiega il ministero dell'Economia - è imperniato sui seguenti elementi: 1) La costituzione di un sistema catastale che contempli assieme alla rendita (ovvero il reddito medio al netto delle spese di manutenzione e gestione del bene), il valore patrimoniale del bene, al fine di assicurare una base imponibile adeguata da utilizzare per le diverse tipologie di tassazione; 2) la rideterminazione della classificazione dei beni immobiliari; 3) il superamento del sistema vigente per categorie e classi in relazione agli immobili ordinari, attraverso un sistema di funzioni statistiche che correlino il valore del bene o il reddito dello stesso alla localizzazione e alle caratteristiche edilizie; 4) il superamento, per abitazioni e uffici, del «vano» come unità di misura della consistenza a fini fiscali, sostituendolo con la «superficie» espressa in metri quadrati; 5) la riqualificazione dei metodi di stima diretta per gli «immobili speciali».
    Redazione Online

    la fonte
    Arriva la riforma del catasto, il governo promette: non sarà una nuova stangata - Corriere della Sera
     
  2. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    A maryber piace questo elemento.
  3. rossellaventura

    rossellaventura Membro Junior

    Privato Cittadino
    dunque a voi tutti io pongo la seguente domanda: il governo ha portato nella prima fase i moltiplicatori ai fini IMU a 160, ma specificando che cio' non avrebbe influito sulle compravendite . ma allora adesso io mi chiedo. quale differenza dovrebbe portare la valutazione in metri quadri,ai fini degli atti , successioni, divisioni ecc, se dall'altra parte il governo precisa che non ci sara' un aumento delle imposte ? qualcuno di voi sa qualche notizia in piu'? e poi insomma che differenza fa in generale rispetto all'attuale valutazione?
    rispondetemi per favore . facciamo un serio dibattito su questo argomento.
     
  4. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    riporto parte dell'articolo
    Senza nuove rendite l'iniquità è garantita - Il Sole 24 ORE

    "
    Senza la riforma del Catasto il sistema fiscale immobiliare, come si delinea nella manovra di Natale, rischia di diventare una folgorante epifania d'iniquità.Nonostante i richiami di categorie professionali, proprietari e inquilini il Governo è andato dritto per la sua scorciatoia e ha permesso che nelle periferie di Milano o Roma le tasse pesassero quasi il doppio che a Cortina d'Ampezzo o a Forte dei Marmi per la stessa tipologia immobiliare. L'aumento generalizzato è ovviamente l'esito finale di un'assurdità che ha origini remote, agli anni Trenta, quando a Forte, ville a parte, c'erano solo casette contadine. E allora poteva aver senso pensare che un appartamento lì valesse meno che a Milano.
    Nonostante la revisione delle rendite di fine anni Ottanta (si veda Casa 24 Plus di ieri) la sperequazione restava profonda.

    E ora viene moltiplicata per 160."

     
  5. rossellaventura

    rossellaventura Membro Junior

    Privato Cittadino
    ti ringrazio per avermi risposto, ma in ogni caso continuo a non capire che cosa cambia con la valutazione in mq, ai fini di atti di compravendita o successioni o atti di divisione ereditaria ecc. in altre parole se tutti i moltiplicatori ai fini IMU sono pari a 160, vuol dire che alcuni saranno rivalutati ed altri no ? ti prego fammi capire. a me sembra una specie di gioco delle tre carte ....
     
  6. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    per quanto ne so io per ora si parla della riforma del catasto, per rispondere alla tua richiesta bisognerebbe sapere come e quando verrà effettuata questa riforma.
    Il valore di mercato rappresenta una base imponibile più equa delle attuali rendite rivalutate in qualsiasi maniera per i motivi che ti ho riportato in precedenza.
    Il problema successivo sarà quello di concordare sulle metodologie per la determinazione del valore di mercato. Regole e linguaggio comuni e condivisi esistono, sono contenuti negli standard di valutazione internazionale IVS di cui parlo nelle varie discussioni. Questi standard sono stati recepiti pure dall'Agenzia del Territorio con la recente pubblicazione del Manuale Operativo delle Stime Immobiliari, e rappresentano uno strumento trasparente, chiaro e verificabile nella redazione delle valutazioni immobiliari che possono diventare uno strumento di equità fiscale, ed il cerchio si chiude.


    Per l'IMU ti segnalo questa discussione
    http://www.immobilio.it/f19/IMU-calcolo-completo-trasparente-17055/
    dovresti trovare risposta a tutti i tuoi dubbi applicativi utilizzando i link consigliati
     
  7. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
  8. catia

    catia Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Bel dialogo notturno :^^::^^: Che fibre questi AI !! :applauso::applauso:
     
    A manu1974 e EnzoDm piace questo messaggio.
  9. molière

    molière Nuovo Iscritto

    Privato Cittadino
    Quando certe leggi, rivolte a radicali cambiamenti, vengono fatte in fretta e furia, sarà impossibile che perseguino equilibrio ed equità. Dubito che non ci sarà, come il governo dichiara, un appesantimento, a meno che non pensino di diminuire le percentuali di tassazione, a fronte di un aumento del valore da tassare. In più, già che ci sono, dovrebbero anche cambiare la scandalosa, vergognosa, vecchia e rancida legge Tupini sulle caratteristiche necessarie affinchè un'immobile venga classificato come bene di lusso. Ci sono case di campagna, vuote da tempo e da ristrutturare, le quali, solo per la loro superficie o per lo scoperto esclusivo vengono considerate ( dai retrogradi parametri della legge e soprattutto per il fatto che non c'è controllo o possibilità di dimostrare il contrario con perizie o foto) case di lusso, quando internamente non ci abiterebbe nemmeno un cane. E io notai per stare dalla parte dei bottoni, le rogitano come case di lusso.
     
  10. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    io criticherò quando vedrò qualche ipotesi più concreta, per ora è solo stata presentata l'idea ... vedremo
     
    A Ranzani piace questo elemento.
  11. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Provo a dare risposte meno tecniche, ma forse più vicine alla tua curiosità, che però mi pare confonda un pò di cose.

    1) Ai fini IMU (o IMP come pare si chiamerà) non tutte le categorie devono applicare il moltiplicatore 160: negozi, uffici e box hanno moltiplicatori diversi.
    2) Ai fini delle compravendite e successioni, il moltiplicatore delle rendite catastali è rimasto invariato, e non è tanto per intenderci il nuovo 160: se non è prima casa le abitazioni moltiplicano ancora per 120...
    3) Passare da un catasto che conteggia i vani a quello che usa il parametro della consistenza in superficie, di per se non provoca in generale una rivoluzione: cambia solo l'unità di misura. Con un però: coi vani una stanzetta 3x3 era equiparata ad una bella sala 5x5: domani conteggiando la superficie, ci si avvicinerà maggiormente ai criteri di mercato.
    4) Quanto all'effetto sulla tassazione, questo dipernderà dalle aliquote applicate, dalle tariffe di ogni microzona ecc: ma qui bisogna aspettare di vedere. Certo è che se il criterio rimane lo stesso di quello di oggi ( e non vedo come in pochi giorni possa cambiare...) se oggi le tariffe della periferia di Milano sono più alte di quelle di Cortina, questo si manterrà purtroppo anche con la misura della consistenza in mq.
     
    A Carlo Garbuio piace questo elemento.
  12. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    Mah, io sono un pò più fiducioso e speranzoso, e ti spiego il perchè:

    sulle rendite non si può discutere, sono determinate con "parametri catastali/pubblici" che niente hanno a che fare con la realtà

    sul valore di mercato invece si può discutere e ci si può confrontare su elementi concreti, perchè il concetto di mercato non è stabilito "d'ufficio" e quindi può essere dimostrato da chi possiede capacità e strumenti per effettuare valutazioni immobiliari chiare, trasparenti, motivate, verificabili ;). Naturale anche l'abbandono delle valutazioni per quotazioni a €/mq, i motivi sono evidenti, lo ripeto in continuazione, e sono gli stessi che fanno dubitare Bastimento: nessun indice sintetico è affidabile.
    Sto ultimando un lavoro a dimostrazione di quanto affermo.
     
  13. pensoperme

    pensoperme Membro Storico

    Privato Cittadino
    Carlo assomiglia a un agente quanto gli assomiglio io :D
     
    A Carlo Garbuio piace questo elemento.
  14. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    e non sei il primo a dirmelo :^^:
     
  15. Bastimento

    Bastimento Membro Storico

    Privato Cittadino
    Questa ce la spiegherai a lavoro ultimato ...? :^^:

    Così come esposta mi sembra sia come, come così, così come? Ma così!
     
  16. rossellaventura

    rossellaventura Membro Junior

    Privato Cittadino
    io vi chiedo ancora di continuare questa discussione, perche' penso che serva a tanti capire cio' che succedera' e magari in quanto tempo. come si puo' in un tempo breve o brevissimo varare una riforma del catasto? ok per cio' che concerne i metri quadri, ma per quanto riguarda le valutazioni, come si puo' procedere con tanta fretta? ma soprattutto mi chiedo. chi deve pagare una successione o un atto di divisione, magari su piu' immobili, che cosa fa? di colpo in un mese cambia tutto? e non parlo di ricchi, ma di piccoli risparmiatori.
     
  17. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
    la fretta è tutta colpa nostra o meglio di chi non ha iniziato ad aggiornarsi per tempo ;)
    sono anni che diffondo informazioni sulle valutazioni immobiliari e sulla necessità di aggiornarsi, dà pure un'occhiata alle discussioni dell'area valutatori :confuso:
    se si inizia per tempo si "digeriscono" con il dovuto tempo concetti, metodi, strumenti ... diversamente ci si chiede perchè "tanta fretta" :^^:
    il mondo va avanti, corre, cambia ... e noi, professionisti del mercato immobiliare, abbiamo il dovere di mantenerci aggiornati e preparati.;)

    Aggiunto dopo 8 minuti...

    hai ragione, a allora ti anticipo qualcosa, così stanotte dormi tranquillo :^^:
    a supporto di quanto affermo in continuazione sto eseguendo una analisi dettagliata, " a tappeto" su un piccolo comune vicino a me e sto ultimando l'inserimento dei dati, poi procederò con l'analisi e poi ... via con un altro comune ;)
    Avrò così a disposizione i dati puntuali e reali di mercato e li confronterò con i vari indici e, se chi li ha pubblicati si rende disponibile al confronto, potremmo svelare tanti misteri!
    Contento adesso? ;)
    Per restare in tema, che inventino pure quello che vogliono, ma se parlano di "valore di mercato" ... troveranno un valido parametro di confronto ;)
    nel frattempo diffonderò queste analisi e ... vedremo cosa succederà ma quello che voglio dimostrare è che l'analisi di mercato SI PUO' FARE :fico:
     
  18. Carlo Garbuio

    Carlo Garbuio Membro Senior

    Agente Immobiliare
  19. EnzoDm

    EnzoDm Membro Attivo

    Agente Immobiliare
    Il tuo quesito è a dir poco...molto, ma molto pertinente! Poichè sei una persona molto concreta (guarda caso...siamo in due) ci poniamo la domanda che questa riforma del catasto non può essere così banale da porre in evidenza semplicemente un discorso di mq. anzichè vani. Sotto certi aspetti sarebbe, oltre che banale, oserei dire quasi insignificante, almeno come viene spiegata dai mass-media e dai giornali. Il problema invece è molto più complesso ed è quello che porterà ad una rivalutazione delle rendite catastali (lasciamo stare quelle per l'IMU) senz'altro in aumento con tutti gli annessi e connessi per le compravendite, successioni ecc. ecc. Penso che, al momento, nessuno è in grado di pronosticare cosa accadrà ma, di certo, la ns. preoccupazione non è campata in aria...
     
    A massimoca piace questo elemento.
  20. immpittaro

    immpittaro Ospite

    negli stati anglossassoni dove gli IVS esistono da tempo non sono stati indenni alla crisi immobiliare, anzi....e allora a chi vende case che il catasto venga giustamente regolarizzato cosa può interessare ? Giustamente nell'immediato porterà solo una flessione delle compravendite in una situazione già deprimente.
    E ' facilissimo aggiungere tasse per fare cassa...alzare le accise sulla benzina lo poteva fare anche mio figlio......in Italia si vedrà mai qualcuno capace di creare maggiori introiti erariali attraverso il volano della crescita economica?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina