1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Salve puù l'amministratore scegliere un ingegnere per richiedere il certificato di rinnovo senza consultare l'assemblea? Il nostro lo sta facendo e vuole i soldi entro 7 giorni se no minaccia di non far accendere il riscaldamento. Non solo ha anche scritto che se questo ingegnere troverà dei lavori da fare dobbiamo pagare anche quelli. Tutto senza autorizzazione dell'assemblea. Possibile. Per fare il certificato questo vuole 2.500 euro. Non è un po troppo?
     
  2. m.barelli

    m.barelli Membro Attivo

    Altro Professionista
    Fossi in te mi regolerei con i seguenti criteri, poi vedi meglio direttamente tu la situazione che ricorre

    • Il Certificato di prevenzione incendi per la caldaia va rinnovato ogni sei anni incaricando un Tecnico abilitato ai sensi della L. 818/84 che effettua un sopralluogo per vedere se sono state introdotte modifiche all’impianto rispetto al precedente CPI e se tutto è rimasto com’era redige una perizia giurata in tal senso. Fa inoltre delle prove con degli strumenti specialistici sulle apparecchiature connesse all’antincendio.
    • Per queste attività considerando i.v.a. (21%), cassa di previdenza (4%) tasse (36% circa) gli rimangono circa 1.500 euro netti per sopralluogo, prove con gli strumenti e perizia giurata presso la cancelleria, che in effetti potrebbero essere benissimo anche 800 (lordi 1.300) soprattutto in considerazione dei reiterati incarichi che di solito ricorrono. Ciò nel caso che non occorra fare lavori di adeguamento.
    • La pesante responsabilità del rinnovo ricade in capo all’Amministratore che probabilmente se ne ricorda all’ultimo momento e vuole togliersi subito il pensiero senza aspettare la prossima assemblea che gli comporterebbe tutto un altro insieme di lavoro da svolgere da parte sua. D’altra parte il rinnovo è un adempimento normativo ben codificato, programmabile e di sua responsabilità quindi non sarebbe una tragedia, secondo me, se l’Amministratore lo svolgesse autonomamente come altre operazioni di gestione di cui è incaricato.
    • Fisserei però alcune linee guida sulla parcella massima dell’incarico e sull’anticipo con cui debba provvedere per consentire o di reperire eventualmente tre preventivi da presentare all’Assemblea in caso di necessità di lavori oppure procedere al semplice rinnovo senza lavori e senza Assemblea. Ciò per snellire in un caso la procedura e per non ritrovarsi nell’altro in stato confusionale l’ultimo giorno di validità del CPI senza preventivi e senza sapere bene cosa fare. Infatti a volte i lavori di adeguamento sono semplici altre volte meno e per capire cosa non funziona e come procedere occorre più lavoro del Tecnico e del Manutentore.
    Un saluto
     
  3. chiccashaila

    chiccashaila Membro Junior

    Privato Cittadino
    Grazie utilissimo!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina