1. immobilio.it è l'unico forum italiano interamente dedicato agli Agenti, alle Agenzie Immobiliari e ai Professionisti del mondo Casa.
    Su immobilio.it puoi approfondire le nuove leggi, leggere recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, modulistica e servizi per il settore immobiliare e confrontarti con migliaia di Agenti Immobiliari e Professionisti del settore.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. doradora

    doradora Membro Junior

    Privato Cittadino
    finora nei molti casi di spese condominiali che mi è capitato di vedere,veniva ripartita la somma di competenza del proprietario e quella dell'inquilino in modo standard,vale a dire assicurazione-spese straordinarie -quota parte compenso amministratore imputate al locatore,il resto invece al conduttore.Ovviamente è il locatore che nella maggior parte dei casi anticipa in toto,per farsi poi rimborsare dall'inquilino.
    per un immobile recentemente acquistato da un mio famigliare ho riscontrato una modalità per me nuova di ripartizione o meglio di non ripartizione.
    dopo l'elencazione delle singole voci di spesa del condominio (acqua totale tot,luce totale tot..)si passa ad indicare la spesa totale per ciascun condomino senza una ripartizione analitica ,che comunque è facilmente calcolabile in base ai millesimi.Tralasciando ciò, quel che non capisco è se sia lecito non indicare la quota spettante al conduttore e al locatore,calcolo che non è fattibile in via autonoma ,se non potendo accedere alle pezze giustificative delle varie voci.Anche in questo caso ovviamente ad anticipare il tutto sarebbe il locatore,che poi peò non saprebbe cosa farsi rimborsare dal conduttore.
    l'amministratore dice che non effettua alcuna ripartizione in quanto non gli è possibile sapere cosa ci sia scritto nel contratto locativo,che a suo dire di solito prevede l'imputazione completa degli oneri condominiali al conduttore.
    a me invece risulta che ci siano voci di spesa obbligatoriamente a carico del proprietario,per cui una ripartizione andrebbe fatta.
    vorrei sapere quindi se sia lecito pretendere tale ripartizione e se sia lecito poi da parte dell'amministratore chiedere un compenso aggiuntivo per dei calcoli che ho sempre visto normalmente svolti nelle spese condominiali come fossero cosa normale.
    grazie
     
  2. alfiosan

    alfiosan Ospite

    E' lecito da parte tua pretendere la doppia ripartizione è invece immorale da parte dell'amministratore richiederti un compenso non approvato dall'assemblea dei condomini.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina